5.2 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
5.2 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homequotidiano movimentoStudenti in piazza il 10 ottobre: istruzione gratuita, welfare, no jobs act

Studenti in piazza il 10 ottobre: istruzione gratuita, welfare, no jobs act

L’estate non è ancora finita ma l’UdS ha già convocato una manifestazione per il prossimo 10 ottobre. Parole d’ordine: istruzione gratuita, welfare e no al jobs act.

di Mirna Cortese

scuola manifestazione

L’estate non è ancora finita ma l’UdS, l’Unione degli Studenti medi, ha già convocato una manifestazione per il prossimo 10 ottobre. Parole d’ordine: istruzione gratuita, welfare e no al jobs act.

L’annuncio arriva dal campeggio nazionale studentesco della Rete della Conoscenza che si sta svolgendo nel Salento. Una mobilitazione che negli obiettivi dell’UdS vuole parlare a tutta la popolazione, studentesca e non, perché “Siamo stanchi di promesse e di interventi minimi che non cambiano le condizioni materiali degli studenti che devono far fronte a costi sempre più esosi per poter studiare. Il 10 ottobre riempiremo le piazze per un’istruzione libera e gratuita per tutte e tutti” fa sapere Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’UdS, aggiungendo che il lavoro sarà portato avanti di concerto tra gli studenti delle scuole superiori e gli universitari nell’assemblea nazionale congressuale della Rete della Conoscenza prevista per il prossimo 4 agosto, perché “anche gli universitari sono sul piede di guerra”.
Lampis ha dichiarato che è necessario organizzarsi per contrastare le linee del Governo Renzi che, “nonostante le dichiarazioni roboanti, lancia un piano scuola che non prevede un punto centrale per rilanciare il sistema formativo, ossia le risorse”. Quello che chiede l’UdS è una legge nazionale sul diritto allo studio, uno statuto per gli studenti in stage e nuove forme di partecipazione all’interno delle scuole.
Secondo il sindacato studentesco sono innumerevoli i problemi che riguardano il mondo della scuola e che aspettano di essere risolti, tra cui “le altissime percentuali di dispersione scolastica, i costi sempre più alti per studiare, dai trasporti fino ai libri di testo” oltre alla precarietà e i bassi stipendi a cui sembrano condannate le nuove generazioni di studenti, mentre il jobs act continua a inseguire il mito fallace della precarietà come risoluzione della crisi.

Il 10 ottobre però, a detta di Danilo Lampis, “sarà solo il primo passo verso un lungo autunno di mobilitazioni sociali”. Gli studenti puntano al 14 novembre come data centrale per ricostruire un ampio fronte di opposizione sociale riaffermando la centralità della conoscenza per la determinazione di un nuovo modello di sviluppo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi