7.9 C
Rome
venerdì 26 Febbraio 2021
7.9 C
Rome
venerdì 26 Febbraio 2021
Home quotidiano movimento Assassinato dalla malagiustizia. Addio compagno Chucky!

Assassinato dalla malagiustizia. Addio compagno Chucky!

Arrestato con l’accusa di saccheggio e tentato omicidio. Leonardo Vecchiolla, detto Chucky, era innocente. Aveva avuto il solo torto di partecipare alla manifestazione del 15 ottobre 2011. Devastato dal carcere, si è sparato.

 

di Franco Fracassi

chuky

Era finito in carcere con l’accusa di tentato omicidio. Era innocente. Ma quando è uscito la sua mente era ormai devastata. E così si è ucciso. O meglio, l’ha assassinato la malagiustizia. Leonardo Vecchiolla aveva avuto il torto di partecipare alla grande manifestazione che il 15 ottobre 2011 aveva portato a sfilare per le vie del centro di Roma più di centomila persone al grido: «Noi siamo il novantanove per cento, voi l’uno». Una manifestazione finita con scontri e devastazioni (vi ricordate del “Pelliccia”?). Ma il compagno Chucky con la violenza non aveva nulla a che fare.

 

Purtroppo, pochi giorni dopo Vecchiolla venne arrestato, con l’accusa di essere stato tra i partecipanti all’assalto al furgone dei Carabinieri in piazza San Giovanni. Gli furono contestati reati pesantissimi, come tentato omicidio ai danni di un militare, devastazione e saccheggio in concorso e resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale.

 

Non passò nemmeno un mese che venne rilasciato per ordine del Tribunale del riesame. Alcuni video e diverse fotografie lo scagionavano, mostrandolo a volto scoperto lontano dal furgone in fiamme.

 

Purtroppo il danno era stato fatto. Il periodo in carcere lo aveva duramente segnato. Martedì 2 settembre Leonardo Vecchiolla, detto Chucky, si è sparato nella casa dello zio ad Ariano Irpino. Aveva ventisei anni, era sposato e aveva un figlio piccolo.

20111127162000_chukyvecchiolla_320

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia) 

Nelle banlieu, la dipendenza dalle scommesse sportive

Le scommesse sportive online fanno ormai parte del quotidiano dei quartieri popolari francesi (Latifa Oulkhouir)

Ny Police ed Fbi dietro l’omicidio di Malcom X

A 56 anni dall'omicidio del leader afroamericano, la famiglia di Malcom X presenta una nuova prova e c'entra la polizia