lunedì 24 settembre 2018

Tutte le piazze dello sciopero generale del 24 ottobre

Tutte le piazze dello sciopero generale del 24 ottobre

Sciopero Usb contro il jobs act, le politiche economiche del governo di Matteo Renzi, un burattino nelle mani della troika, e in difesa dell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori

24 ottobre 2014 sciopero generale

Contro il jobs act, contro le politiche dettate al governo Renzi da Commissione Europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale in materia di lavoro e pubblica amministrazione, contro il blocco dei contratti nel pubblico impiego, per l’occupazione e in difesa dell’art.18 dello Statuto dei lavoratori.

L’estrema sintesi delle parole d’ordine con cui Usb, Or.Sa. e Unicobas hanno chiamano allo sciopero generale tutti i lavoratori del pubblico e del privato, e ad una serie di manifestazioni e cortei che si terranno in numerose città d’Italia, e delle quali alla fine di questo articolo troverete l’elenco.

“Lo stato del paese – si legge sul comunicato dell’Usb – è drammatico e gli indicatori economici da terzo mondo raccontano di un futuro peggiore del presente”. E non potrebbe essere altrimenti con un livello di disoccupazione che supera 1 milione e 600 mila posti di lavoro persi negli ultimi anni, e la precarietà è diventata una condizione di vita per masse di giovani e meno giovani.

E si protesta anche contro gli irresponsabili tagli che stanno portano alla violazione del diritto alla salute e all’istruzione, mente l’evasione fiscale dilaga.

La cura proposta da Renzi “burattino nelle mani della troika” per uscire dalla crisi “è la stessa che ha portato la Grecia, il Portogallo e Cipro ad un passo dalla bancarotta” denuncia l’Usb secondo cui la prima cosa di cui c’è veramente bisogno è di “cacciare il governo Renzi”, rimettere in discussione il pagamento del debito che sta strangolando l’economia reale del paese, una forte e determinata lotta alla disoccupazione, fermare le privatizzazioni, tornare ad una previdenza che garantisca il pensionamento a 60 anni con un livello decente di vita per gli anziani e che liberi i posti di lavoro per i più giovani.

A sostegno dello sciopero l’Altra Europa con Tsipras, Pdci, Prc, Ross@, l’associazione Forum Diritti/Lavoro e tutte le forze e i movimenti che fanno parte del “Controsemestre Europeo”.

Con diverse modalità hanno aderito allo sciopero:

Nel settore del Lavoro Pubblico: Ministeri, Università, Ricerca, Scuola, Enti Locali, Parastato (Inps, Inail, Inpdap, Aci), Agenzie Fiscali, Presidenza del Consiglio, Enac: intera giornata del 24 ottobre.

Vigili del Fuoco: personale operativo, 9.00/13.00; personale giornaliero, tutta la giornata del 24.

Sanità: sia pubblica che privata, da inizio del primo turno del giorno 24 a fine dell’ultimo turno dello stesso giorno.

Lavoro privato: personale non sottoposto alla 146/90: intero orario di lavoro

I lavoratori e le lavoratrici del trasporto aereo hanno aderiscono con la seguente modalità: Lavoratori normalisti o non operativi – intero turno di lavoro; Personale navigante, turnista e addetti settori operativi – dalle ore 00.00 alle ore 23.59 con il rispetto delle fasce di garanzia e dei voli garantiti.

Settore del Trasporto Marittimo. Collegamenti isole maggiori. Personale amministrativo: intero turno. Personale viaggiante: da un’ora prima delle partenze del 24 ottobre. Collegamenti isole minori: personale amministrativo: intero turno. Personale viaggiante: dalle 00.00 del 24 ottobre alle 24.00 del 25 ottobre.

Settore del Trasporto Pubblico locale e trasporto merci e logistica: 24 ore nel rispetto delle fasce protette localmente definite

Settore del Trasporto Ferroviario. Personale addetto alla circolazione: dalle ore 09.01 alle 16.59. Personale fisso: intero turno

Anas. Tutto il personale, compreso quello turnista h24: intero turno a partire dalle 06.00 del 24 ottobre alle ore 06.00 del 25 ottobre.

Settore Energia. Intera giornata del 24

Turnist*: 8 ore per ciascun turno, a partire dall’orario d’inizio del turno di mattina fino al termine del successivo turno di notte.

Questi i principali appuntamenti delle manifestazione indette il 24 ottobre

Lazio: a Roma, piazza dell’Esquilino – ore 9.30, partecipano delegazioni da Marche e Abruzzo

Friuli: a Trieste, piazza Guglielmo Oberdan – ore 09.00

Trentino: a Trento, piazza Dante – ore 9.00

Piemonte: a Torino, piazza Solferino – ore 9.30; a Novara, piazza Cavour – ore 9.00; ad Alessandria, piazza della Libertà, Prefettura – ore 10.00

Liguria: a Genova, via Cesarea, Centro dell’Impiego – ore 10.00

Lombardia: a Milano, piazza San Babila – ore 9.30

Veneto: a Venezia, piazzale Roma – ore 10.30; a Vicenza, via Formenton – ore 08.30

Emilia Romagna: a Bologna, piazza XX Settembre – ore 9.00

Toscana: a Firenze, piazza Santa Maria Novella – ore 10.00

Umbria: a Terni, presso cancelli AST – ore 10.00

Campania: a Napoli, piazza Mancini – ore 9.30

Molise: a Campobasso, piazza Vittorio Emanuele, Prefettura – ore 10.00

Basilicata: a Potenza, via Verrastro 4, Giunta Regionale – ore 10.00

Puglia: a Bari, piazza Umberto – ore 10.30 Calabria: a Catanzaro, piazza Matteotti a partire – ore 10.00

Sicilia: a Catania, piazza antistante Villa Bellini – ore 10.00 e a Palermo in piazza Politeama ore 9.30

Sardegna: a Cagliari, piazza della Costituzione – ore 10.00

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.