11.5 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
11.5 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homequotidiano movimentoGli studenti reatini sul piede di guerra

Gli studenti reatini sul piede di guerra

Occupazioni delle scuole e manifestazioni. Al centro della protesta studentesca a Rieti l’edilizia scolastica, le gite annuali e i casi di mala amministrazione.

La protesta degli studenti di fronte al palazzo della Provincia.
La protesta degli studenti di fronte al palazzo della Provincia.

Quella che è conosciuta come una delle città più sonnolente d’Italia si sta ribellando. Anzi, per la precisione sono gli studenti di Rieti a essere scesi sul piede di guerra. Da giorni la città laziale è scossa da occupazioni delle scuole superiori e da manifestazioni. Una protesta nata al di fuori della politica, anche se ha ricevuto l’appoggio della federazione reatina del Fronte della Gioventù Comunista.

Le rivendicazioni si sono concentrate «attorno alle questioni dell’edilizia scolastica, del contributo volontario e dello strapotere dei dirigenti scolastici; che stanno logorando sempre più la scuola pubblica italiana. Nel caso particolare delle scuole di Rieti», recita un comunicato dei giovani comunisti. «Segnaliamo, la carenza di investimenti nell’edilizia scolastica da parte della Provincia, perfettamente in linea con la politica dei tagli del governo Renzi. La poca trasparenza del contributo studentesco, che viene gestito in maniera tale da limitare la possibilità di accesso a tutte le attività scolastiche, come accaduto al liceo scientifico “Jucci”, dove la dirigenza ha accorpato l’assicurazione per la gita scolastica al contributo volontario, rendendolo di fatto obbligatorio per chiunque volesse partecipare alla gita. Il caso Nobili al liceo classico “Varrone”, una manifestazione lampante di mala amministrazione e assenteismo della dirigenza che, grazie all’autonomia ricevuta dalle recenti riforme scolastiche, può permettersi di fare il bello e il cattivo tempo senza tener conto delle numerose richieste d’ascolto degli studenti».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli architetti della Resistenza

Fino al 26 febbraio, a Milano, la mostra Progettare la memoria. Lo studio BBPR: i monumenti, le deportazioni

Parla come te l’Intelligenza Artificiale di Microsoft

Dopo ChatGPT, la controversa IA di Microsoft che imita le voci. Il suo nome: Vall-E. IA sempre più realistiche e pericolose per la democrazi...

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio