28 C
Rome
domenica 14 Agosto 2022
28 C
Rome
domenica 14 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homequotidiano movimentoLenny, il pugile che sfida Renzi da Las Vegas

Lenny, il pugile che sfida Renzi da Las Vegas

Il campione livornese, Bottai, è salito sul ring con una t-shirt speciale e un messaggio particolare: “No jobs act”. E su fb lo si vede con una maglietta di Acad, associazione contro gli abusi in divisa

10347546_758942890850698_3571275288030228538_n

«Dalla dressing room rassicuro tutti. Sto benissimo, ho mandato anche in culo il dottore che mi ha chiesto dove sono. Quindi sono io.
È andata come forse era preventivabile doveva andare.
La boxe è dura, qui di più. Lo so io, lo sanno quelli che giudicheranno da una comoda sedia ed una tastiera.
Avversario di altra categoria, in tutti i sensi. Stamattina al secondo controllo era già 74,4. Stasera chissá quanto.
Io, la guerra so fare, quella faccio. Il fioretto non mi viene e non sono venuto qui a fare le riprese altrimenti forse sarebbe andata diversamente.
È stata in ogni caso una grande esperienza, spero di aver trasmesso qualcosa anche nella mia sconfitta.
Vi abbraccio tutti».

Non è finita bene l’avventuta americana di Lenny Bottai, popolare pugile livornese, finito ko sul ring di Las Vegas. Quello che pubblichiamo è il messaggio col quale rassicura i suoi amici dopo il match. Il puglie – come ha postato su Facebook – è salito sul ring con una t-shirt speciale e un messaggio particolare: “No jobs act” (sempre su fb s’è fatto ritrarre anche con una maglietta per ACAD, l’associazione contro gli abusi in divisa).  Il campione, probabilmente, è uno che scrive queste cose per commentare un passaggio difficile della propria vita sportiva. Un campione, sicuramente, è uno che sfida il conformismo del suo ambiente, è regala un po’ di visibilità alla gara più difficile di tutte, quella dei lavoratori, dei deboli, contro l’arroganza dei padroni e dei loro governi. In bocca al lupo Lenny.

3 COMMENTI

  1. Peccato che la maglietta sotto la scritta, presenti l’icona del pugno chiuso pluriutilizzata nelle primavare arabe e sappiamo bene come sono andate a finire, le “primavere” finanziate da Soros.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quando anche il Vaticano attaccava Rushdie

La vicenda di Salman Rushdie è una forma violentissima dell'allergia delle religioni per il romanzo [Christian Salmon]

Così Putin vince la guerra del petrolio

Prezzi alle stelle e nuovi mercati: gli effetti "molto limitati" delle sanzioni occidentali contro la Russia [Martine Orange]

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]