33.4 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
33.4 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
Homequotidiano movimentoLenny, il pugile che sfida Renzi da Las Vegas

Lenny, il pugile che sfida Renzi da Las Vegas

Il campione livornese, Bottai, è salito sul ring con una t-shirt speciale e un messaggio particolare: “No jobs act”. E su fb lo si vede con una maglietta di Acad, associazione contro gli abusi in divisa

10347546_758942890850698_3571275288030228538_n

«Dalla dressing room rassicuro tutti. Sto benissimo, ho mandato anche in culo il dottore che mi ha chiesto dove sono. Quindi sono io.
È andata come forse era preventivabile doveva andare.
La boxe è dura, qui di più. Lo so io, lo sanno quelli che giudicheranno da una comoda sedia ed una tastiera.
Avversario di altra categoria, in tutti i sensi. Stamattina al secondo controllo era già 74,4. Stasera chissá quanto.
Io, la guerra so fare, quella faccio. Il fioretto non mi viene e non sono venuto qui a fare le riprese altrimenti forse sarebbe andata diversamente.
È stata in ogni caso una grande esperienza, spero di aver trasmesso qualcosa anche nella mia sconfitta.
Vi abbraccio tutti».

Non è finita bene l’avventuta americana di Lenny Bottai, popolare pugile livornese, finito ko sul ring di Las Vegas. Quello che pubblichiamo è il messaggio col quale rassicura i suoi amici dopo il match. Il puglie – come ha postato su Facebook – è salito sul ring con una t-shirt speciale e un messaggio particolare: “No jobs act” (sempre su fb s’è fatto ritrarre anche con una maglietta per ACAD, l’associazione contro gli abusi in divisa).  Il campione, probabilmente, è uno che scrive queste cose per commentare un passaggio difficile della propria vita sportiva. Un campione, sicuramente, è uno che sfida il conformismo del suo ambiente, è regala un po’ di visibilità alla gara più difficile di tutte, quella dei lavoratori, dei deboli, contro l’arroganza dei padroni e dei loro governi. In bocca al lupo Lenny.

3 COMMENTI

  1. Peccato che la maglietta sotto la scritta, presenti l’icona del pugno chiuso pluriutilizzata nelle primavare arabe e sappiamo bene come sono andate a finire, le “primavere” finanziate da Soros.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte 

Le elezioni non saranno una passeggiata per il Labour

“Stability is change” è lo slogan insipido di Starmer ma le voci alternative non stanno in silenzio [Steve Howell]