mercoledì 13 Novembre 2019

I giovani di Syriza: ecco perché lasciamo Tsipras

I giovani di Syriza: ecco perché lasciamo Tsipras

Il memorandum è un fallimento. La gioventù di Syriza molla Tsipras e fa propaganda per le liste anticapitaliste

di Giulio AF Buratti 11539612_703638833073747_8989596242414672790_n “Non è una ritirata tattica ma una sconfitta strategica: un fallimento”. Per i giovani di Syriza l’approvazione del III memorandum, “l’incondizionato governismo e la completa marginalizzazione e sprezzo del partito” sono le principali ragioni di questo fallimento. In un lungo documento pubblicato in italiano dal sito Anticapitalista.org, si spiega che le elezioni “siano state indette (con la benedizione dei creditori) prima che avesse luogo il congresso straordinario deciso dal CC di Syriza”. Fine della discussione e via per la “strada a senso unico del memorandum”. I giovani del partito di Tsipras si dicono “gelidamente indifferenti da una prospettiva di sinistra”. Nell’analisi, la ritirata ha svelato la “crisi del funzionamento collettivo dell’organizzazione, il disprezzo della democrazia interna e delle decisioni prese dagli organi del partito”. Una mutazione genetica che fa dir loro: “non sosterremo Syriza alle prossime elezioni, né parteciperemo alle sue liste. Né possiamo continuare l’attività politica nelle sue fila, e dobbiamo quindi trovare il progetto politico necessario per continuare la lotta fuori da Syriza e dalla sua strategia pro-memorandum”. La gioventù dissidente, ossia la maggioranza del comitato centrale, ripartirà dall’”insistenza sull’unità della sinistra radicale che era la base costitutiva di Syriza, la partecipazione e l’osmosi con i movimenti sociali che erano le condizioni essenziali per la sua stessa esistenza, la prospettiva di un governo della sinistra che ha dato uno sbocco politico alle lotte del periodo precedente e che ha ispirato le e i combattenti di tutte le generazioni, tutto ciò è prezioso per andare avanti, e quante e quanti hanno, come noi, lavorato duramente in questo contesto non possono e non devono accettare la svolta pro-memorandum di Syriza come qualcosa da cui non si può fuggire”. 11694804_703907449713552_771837327423638340_n Domenica scorsa, i firmatari del documento avevano cercato di riunire il CC, in modo che esso si esprimesse riguardo alla sua posizione in vista delle prossime elezioni e alla decisione di condurre immediatamente un processo a livello nazionale sul disimpegno (o meno) delle forze della Gioventù di Syriza dal disegno del partito. Ma, tra gli indisponibili a presentarsi alla riunione, e i membri che già s’erano dimessi prima della convocazione dell’organo, è stato impossibile il raggiungimento del quorum. Ecco perché i primi firmatari hanno preferito lanciare questo documento in assenza di una presa di posizione pubblica del CC.  Questo testo è rivolto a tutti i membri della Gioventù di Syriza e chiunque si ponga domande simili, a persone che si sono allontanate da Syriza, al mondo della sinistra radicale e anticapitalista che vuole superare le debolezze del passato per cambiare il presente, ai collettivi all’interno dei movimenti e, naturalmente, all’ampio potenziale di chi combatte, in particolare tra i giovani, che ha sostenuto il NO e contesta la via senza uscita dei memoranda. “Non volevamo questa fine, e sicuramente non volevamo che avesse questa forma. Tuttavia è chiaro che, in questa fase, il contenuto politico radicale dell’organizzazione, la sua tradizione ed eredità di movimento, come pure le preoccupazioni e le opinioni dei suoi membri, non possono conciliarsi con una permanenza in Syriza. In assenza di un processo per definire un cammino comune dei membri della Gioventù di Syriza nel prossimo periodo, e a causa del carattere esistenziale della divergenza di cui sopra – tra cosa è la Gioventù di Syriza e cosa è Syriza ora – la Gioventù di Syriza arriva all’indiscutibile fine di un’epoca”. 10408776_703907419713555_7491829642803790917_n Tutto, fuorché una ritirata: “le parole “Gioventù di Syriza ” d’ora in poi non corrisponderanno né ad uno spazio vuoto né a qualcosa che è coerente con la ” Syriza reale”. La “fine silenziosa” della Gioventù di Syriza non significa che i suoi interventi e i suoi testi non parleranno più, che i suoi appunti non risuoneranno più di voci, che i suoi festival non canteranno più. Cerchiamo, tutti e tutte, di non cadere in inganno su questa questione. In queste nuove circostanze e con la pressante necessità politica di prendere posizione sulle prossime elezioni, rimaniamo coerenti con la decisione dell’ultima assemblea del CC della Gioventù di Syriza del 18 e 19 luglio, che ha dichiarato esplicitamente la nostra opposizione all’adozione e all’attuazione del terzo memorandum, in quanto esso <è in contrasto con le nostre origini ideologiche, i nostri impegni elettorali e le nostre decisioni collettive, e cerca di rovesciare un lungo percorso intrapreso da Syriza e di schiacciare il pensiero e la speranza di una strada diversa nell’unico paese dell’Unione Europea in cui la sinistra ha ottenuto una vittoria storica>”. Ancora: “la lotta per un mondo più giusto non era per noi una mera rivendicazione morale, ma un modo per cambiare la nostra vita quotidiana, per trasformare le nostre vite e la società. Continueremo a camminare lungo questa strada tenendo sempre presente che la storia è un campo di possibilità nel quale lottiamo costantemente per realizzare ciò che a tutti può sembrare impossibile”. Così, non essendo in grado, oggi, “di sostenere, rafforzare e militare in Syriza, scegliamo di votare liste di sinistra, radicali, anticapitaliste, che siano coerenti con le parole dell’ultima decisione del CC della Gioventù di Syriza sopra menzionate, e che si basino sul rifiuto del concetto di TINA (There Is No Alternative) applicato ai memoranda”. Raccogliendo la bandiera dell’OXI al referendum, i dissidenti rilanciano l’idea che “I giovani, le classi lavoratrici, le donne, i migranti e i rifugiati, la comunità LGBT, potenzialmente costituiscono il nutrimento di una maggioranza sociale davvero rivoluzionaria. In questo contesto, la nostra preoccupazione principale nel prossimo periodo sarà di costruire l’organizzazione della resistenza collettiva in modo che questa possa costituire davvero un pericolo per i rapporti di forza esistenti. Pertanto, per quanto ci riguarda, insisteremo sul fatto che la costruzione di un altro mondo rimanga il compito storico all’ordine del giorno”. Dunque, ricomporre le forze della sinistra radicale/anticapitalista – condizione necessaria per rafforzare, espandere e aggiornare il progetto del socialismo del 21° secolo – è per noi un obiettivo chiave nel prossimo periodo”. 11402997_703907336380230_8139255842891866363_n

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.