7.7 C
Rome
venerdì 1 Marzo 2024
7.7 C
Rome
venerdì 1 Marzo 2024
HomemalapoliziaMemorial Cucchi, abbiamo corso con Stefano. Lo faremo ancora

Memorial Cucchi, abbiamo corso con Stefano. Lo faremo ancora

Video. La prima edizione Memorial Cucchi, in cinquecento al Parco degli Acquedotti per reclamare verità e giustizia

di Checchino Antonini , video di Francesco Talarico

 

Abbiamo corso con Stefano. Eravamo tanti, cinquecento podisti e altrettanti ad aspettare i corridori, stamattina al parco degli Acquedotti di Roma, là dove ebbe inizio l’ultima corsa di Stefano: l’arresto e la via crucis tra caserme di carabinieri, Regina Coeli, guardine sotterranee di Piazzale Clodio, pronto soccorso del Fatebenefratelli, ancora Regina Coeli, infine il repartino penitenziario del Pertini dove venne nascosto alla vista, ultima fase di una tortura durata sei giorni.

Seguirono, per i suoi parenti, fasi successive e più lunghe della tortura: lo strazio dell’autopsia, il muro di gomma delle versioni ufficiali, le indagini strabiche, le chiacchiere dei giornali, i processi incapaci di dare nomi e cognomi ai colpevoli.

E loro a correre per Stefano. Per Stefano e gli altri. E non comincio l’elenco perché non sarebbe completo, perché lo conosciamo già. E noi a correre con loro. Nelle piazze, nelle aule di tribunale, nei centri sociali, in ogni spazio reale e virtuale dove si può lottare contro la miscela velenosa che ha ucciso Stefano e gli altri fatta di proibizionismo, razzismo, malapolizia, emergenza sicurezza, torsioni autoritarie, fascismo e la complicità di chi si gira dall’altra parte. Di chi non corre.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»