19.3 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
19.3 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
Homein fondo a sinistraPortogallo, cade la Troika. Sinistre al governo

Portogallo, cade la Troika. Sinistre al governo

Portogallo, coalizione anti-austerity di sinistra caccia il governo di destra. L’inattesa coalizione tra socialisti, comunisti e Bloco de Esquerda

di Lauren McCauley, per Common Dreams/Pressenza London
Portogallo, coalizione anti-austerity di sinistra caccia il governo di destra
Parlamento portoghese, discorso del leader del gruppo comunista (Foto di EFE via eldiario.es)

 

In uno sviluppo sorprendente per il movimento anti-austerity europeo, martedì 10 novembre i tre partiti di sinistra portoghesi hanno formato un’inattesa coalizione per estromettere il governo di centro-destra e farla finite con anni di tagli punitivi e privazioni economiche.

Il moderato Partito Socialista ha formato un’”alleanza senza precedenti” con il Partito Comunista e il radicale Blocco di Sinistra, affiliato al partito greco Syriza, per assicurare una maggioranza di 122 seggi su 230 e respingere una serie di misure di austerity. La sconfitta ha causato le immediate dimissioni del governo.

Secondo il quotidiano inglese Guardian, “il leader socialista António Costa dovrebbe ora diventare primo ministro, con un’ampia coalizione di sinistra, che spera di attenuare l’austerity continuando però ad aderire alle regole dell’Unione Europea.”

Nelle elezioni del mese scorso il centro-destra ha perso la maggioranza parlamentare che deteneva da quattro anni per la reazione popolare alle misure punitive imposte dopo la crisi finanziaria del 2011 e il salvataggio. Il governo del primo ministro Pedro Passos Coelho ha tagliato salari e pensioni, ridotto i servizi pubblici e aumentato le tasse. All’inizio di quest’anno il 55% della popolazione era disoccupata o faceva un lavoro precario. La nuova coalizione si è impegnata a ritirare i tagli e porre fine alla privatizzazione dei beni pubblici.

“Il tabù è finito, il muro è stato abbattuto”, ha detto Costa martedì dopo il voto. “Questo è un nuovo inquadramento politico. La vecchia maggioranza non può pretendere di essere ciò che non è più.” Fuori dalla sede del Parlamento a Lisbona, migliaia di persone si sono riunite in previsione del voto cantando “Il popolo unito non sarà mai vinto.”

La leader del Blocco di Sinistra Catarina Martins ha diffuso quest’immagine come simbolo di una vittoria lungamente attesa.

CTeNOQ8WUAA7Cig.jpg-large

Traduzione dall’inglese di Anna Polo

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quanto costerà agli ungheresi l’omofobia di Orban

La legge omofoba ungherese ha sconvolto l'agenda del vertice UE. Diciassette leader chiedono sanzioni. Gli scenari [Ludovic Lamant] 

Ogni movimento ha un filo che lo porta a Genova

Si va verso il ventennale di Genova e partiamo seguendo una delle tracce seminate da Guadagnucci e Agnoletto con «L'eclisse della democrazia»

Stracciamo il Concordato: Ddl Zan ora!

Il Vaticano invade lo spazio pubblico, la destra familista gioca col fuoco, il dibattito nel mondo femminista Il Vaticano fa...

Catalogna, l’ambigua grazia di Sànchez

I nove leader catalani ancora in prigione sono stati graziati ma Sánchez chiude la porta alle vere amnistie [Ludovic Lamant]

Così i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Come un infiltrato ha ingannato i "patrioti" che stavano pianificando attacchi islamofobi [Matthieu Suc]