9.1 C
Rome
venerdì 23 Aprile 2021
9.1 C
Rome
venerdì 23 Aprile 2021
HomeSenza categoriaItaliani, popolo di santi, poeti e cybernaviganti

Italiani, popolo di santi, poeti e cybernaviganti

 

Oltre la metà degli italiani (quasi trenta milioni) online. E il loro primo bisogno, e ultimo, è accedere a un device

di Maurizio Zuccari

audiweb4

Da un paio di milioni d’anni, più o meno da quando l’uomo è apparso sulla terra, il primo pensiero al risveglio, il suo primo bisogno, è stato fisico. Accucciarsi dietro una fratta o, con l’evoluzione della specie, andare al cesso per sbrigare quel che natura chiede. Ora non più. A farci aprire gli occhi sui mutati bisogni degli esseri umani nei paesi quali il nostro, è una ricerca della britannica Ofcom. Tra i nove paesi più industrializzati al mondo quello dove, per prima cosa, al risveglio si accende un cellulare, un pc o un tablet – insomma, si accede a un device, cioè a un dispositivo elettronico – è l’Italia, preceduta solo dal Giappone. Idem per quanto riguarda l’ultimo pensiero prima d’addormentarsi. Altro che buonanotte. A confortarci sul fatto che l’italica gente sia divenuta un popolo di cybernaviganti, più che di naviganti, santi o poeti, è ora una ricerca Audiweb. Oltre la metà degli italiani (il 52,2%), vale a dire quasi 29 milioni di persone fra 2 e 74 anni, sono risultati attivi online. Tempo medio di navigazione circa due ore, quasi due giorni a testa nell’arco del mese. Le donne e i giovani navigano assai più degli anziani, con il 70% del tempo da mobile, mentre per gli over 55 il tempo speso su pc e telefonini praticamente si equivale.

Utile anche un’occhiata ai dati di consumo. Nelle prime dieci posizioni ci sono i siti di ricerca, i portali generalisti, i social network, i siti dove scaricare software, film, musica e video, quelli dove chattare o messaggiarsi, l’ecommerce e, buoni ultimi, quelli dove aggiornarsi e leggere notizie (circa il 70,8% degli utenti). Con buona pace di quanti teorizzano un futuro digitale per le nuove generazioni di cronisti. Che le app di news siano le prime eliminate da una telefonia a corto di memoria lo dice un’altra ricerca Yahoo, traballante ex gigante del web, mentre le app più scaricate riguardano fitness e cura del corpo.

Che dire? Ci si guardi bene dall’incrociare tali dati con le analisi che denunciano un allarmante analfabetismo di ritorno o l’incapacità di comprensione anche basilare di un qualche testo – non parliamo di scrivere – tra giovani e giovanissimi. Non si può essere così apocalittici. Ma l’apocalisse verrà quando si spegnerà l’interruttore, e un popolo di cybernaviganti resterà al buio a muovere due dita su una tastierina spenta. Forse, allora, si ritroverà il tempo per dirsi buonanotte, e andare al gabinetto. A tentoni.

www.mauriziozuccari.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Amazon ha rubato le elezioni! Il sindacato fa ricorso in Alabama

RWDSU fa ricorso su 21 punti contro la bocciatura della sindacalizzazione dei lavoratori Amazon di Bessemer

George Floyd, agente condannato ma la polizia uccide ancora

L'ex poliziotto Derek Chauvin è stato condannato per omicidio nel processo per la morte di George Floyd a Minneapolis 

Grillo, il figlio, lo stupro e la fiera degli stereotipi

Grillo e la fiera degli stereotipi per difendere il figlio accusato di stupro. Uno show disgustoso di Marina Zenobio Beppe Grillo vaff...

La guerra dei vaccini e la guerra alle varianti

Covid-19: la lotta contro le varianti richiede un cambio di strategia perché sono più resistenti dei vaccini [Rozenn Le Saint]

Puglia, 85 associazioni chiedono stop all’ecocidio

La cosiddetta "emergenza xylella": da 7 anni la Regione Puglia ignora la mancanza di nesso fra disseccamento degli ulivi e presenza del batterio