14.6 C
Rome
martedì 27 Febbraio 2024
14.6 C
Rome
martedì 27 Febbraio 2024
Homeconsumare stancaNo Elettrodotto, Silvia ha vinto. Terna ritira le denunce

No Elettrodotto, Silvia ha vinto. Terna ritira le denunce

Silvia Ferrante era stata citata in giudizio dalla multinazionale Terna per il suo impegno contro un elettrodotto in Abruzzo. L’azienda ha ritirato la denuncia dopo la campagna #IoStoConSilvia

di Francesco Ruggeri

maxresdefault

Silvia ha vinto! La società Terna Group ha rinunciato, dinanzi al giudice civile di Lanciano, Cleonice Cordisco, a proseguire con le citazioni contro Silvia Ferrante per il suo attivismo per la lotta a salvaguardia dell’ambiente e tutela della salute contro l’elettrodotto Villanova-Gissi. La Ferrante, 38 anni, di Paglieta (Chieti), aveva ricevuto da Terna 24 citazioni per danni complessivi pari a 16 milioni di euro. Oggi erano in discussione i primi 12 procedimenti.

A sostenere oggi in Tribunale Silvia Ferrante sono giunti anche il presidente della provincia di Chieti, Mario Pupillo, e i sindaci di Castel Frentano, Gabriele D’Angelo, già ricorrente al Tar contro l’elettrodotto, unitamente a Lanciano e Paglieta, e quello di Frisa, Rocco Di Battista, comune il cui consiglio comunali, unitamente a quello di Civitaluparella, ha votato all’unanimità un ordine del giorno con il quale si aderisce all’iniziativa di solidarietà #IostoconSilvia, del Coordinamento comitati No elettrodotto 380kv Villanova-Gissi. «In qualità di presidente della Provincia, dice Pupillo, sono contento che altri comuni hanno aderito all’iniziativa in favore di Silvia. È un segnale di maturità e vicinanza dei cittadini per avere un ambiente ecosostenibile. Spero prevalga sempre buon senso per ottenere confronto e non scontro. I cittadini hanno il diritto di vedersi tutelate le proprietà. Staremo sempre con Silvia perchè è una donna coraggiosa». A fine udienza il Coordinamento No Elettrodotto, presente Silvia Ferrante, ha tenuto una conferenza stampa durante la quale è stato affermato «il gigante si inchina alla formica. Doveva essere lungo questo viaggio per sventare l’attacco subito da Terna con 24 citazioni in giudizio civile e circa 30 denunce penali, con l’accusa di interruzione di pubblico servizio e violenza privata, fatte dalla grande multinazionale a una mamma attivista che ha pacificamente contestato l’elettrodotto Villanova-Gissi». La Ferrante ha poi parlato delle archiviazioni firmate dal gip in merito agli stessi procedimenti penali. «Terna Spa – aggiunge il Coordinamento – pur continuando a credere nella giustezza delle motivazioni che hanno portato alle citazioni, ha chiesto il ritiro di quelle in discussione odierna, dicendo di voler rilassare le tensioni. Siamo convinti che la campagna #IostoconSilvia con le sue azioni di sostegno, sensibilizzazione e denuncia costante della prepotenza di Terna abbiano avuto un ruolo fondamentale in questa svolta processuale. Non si può dimenticare il lavoro svolto dai comitati territoriali e dalle amministrazioni comunali da sempre contrarie alla realizzazione dell’opera. Se è vero che Terna vuole rilassare le tensioni dovrebbe rendersi conto della gravità di quanto fatto sinora, non solo nei confronti di Silvia, ma anche di chi sta ancora affrontando questo ingiusto calvario per non aver sottoscritto un accordo o per aver difeso i diritti dei proprietari».

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio