1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homemalapolizia#FedericoOvunque, ancora tifosi multati

#FedericoOvunque, ancora tifosi multati

#FedericoOvunque: impedito l’ingresso al San Paolo di Napoli a una bandiera col volto del ragazzo ucciso dalla polizia. Lino Aldrovandi: «Vorrei un po’ di pace e serenità»

di Checchino Antonini

È successo di nuovo: tifosi multati per aver portato in uno stadio, in questo caso il San Paolo di Napoli, uno striscione con il volto di FedericoAldrovandi, il giovane ucciso nel 2005 in un parco di Ferrara, durante un controllo di polizia. Va avanti da due mesi la campagna #FedericoOvunque, stimolata da Acad, l’associazione contro gli abusi in divisa, dopo il divieto per i tifosi della Spal a mostrare all’Olimpico il bandierone col volto del diciottenne ucciso da quattro agenti a Ferrara, il 25 settembre del 2005. E va avanti la repressione negli stadi da parte degli organi sportivi e polizieschi. Un paradosso che vede l’utilizzo di uno strumento pensato per prevenire contenuti violenti, xenofobi e fascisti contro chi denuncia, invece, un abuso di polizia feroce e una scia infinita di tolleranza e complicità da parte di una sottocultura violenta che persiste in vasti settori di polizia, di sindacalismo e di politica. Non è un caso che Salvini abbia messo in lista uno dei leader di quel sindacato, il Sap, che tributò una scioccante standing ovation ai quattro agenti condannati in tre gradi per l’omicidio di Federico Aldrovandi. Quello stesso segretario s’era contraddistinto per aver attaccato i familiari del giovane ucciso nelle fasi della faticosa controinchiesta che impedì l’insabbiamento della vicenda.

 

L’episodio di ieri al S.Paolo lo segnala su Fb il padre di Federico Lino Aldrovandi: «A Napoli (come accaduto ad altri ragazzi: Parma, Torino, Firenze, Siena, Prato…) in occasione dell’incontro Napoli-Bologna, dalla Questura è stata contestata a ragazzi tifosi del Bologna la seguente violazione al regolamento d’uso dello stadio San Paolo: ‘In possesso di uno striscione raffigurante il volto di Federico Aldrovandi striscione per il quale non vi era autorizzazione all’ingresso all’interno dello Stadio, pertanto lo striscione viene sequestrato’…», con multa di 166,66 euro. «Vorrei – prosegue – un po’ di pace e serenità, e limitarmi ogni tanto a sorridere con il cuore a quell’immagine se esposta, quasi pensandoti lì con quei ragazzi a incitare la vita, perché è quello che in fin dei conti si tratta».

«Ciao Federico oggi con noi a Napoli non ti hanno fatto entrare – si legge sulla pagina fb di Forever Ultras Bologna 1974 – ti hanno requisito e multato. Ma non sanno che tu sei OVUNQUE!perché’ tu sei noi e noi continueremo a provarci! Perché ALDRO VIVE».

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]