No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

sabato 27 Giugno 2020 Checchino Antonini
Veglia a Bergamo per l'arrivo di Mattarella: «Vogliamo dirgli che la strage si poteva e si doveva evitare», dice Eliana Como da ieri in sciopero della fame
Francia, perché la polizia è razzista
giovedì 25 Giugno 2020 Redazione
Francia, seconda puntata del dossier sulla polizia più violenta d'Europa. E anche molto, molto razzista (Denis Godard)
martedì 23 Giugno 2020 Checchino Antonini
Dossier Francia, 1. Perché la polizia da quelle parti è diventata la più violenta dell'Unione europea (Roseline Vachetta)
“Quella merda scende come se fosse fatta di wafer”
martedì 23 Giugno 2020 Redazione
Come sono cominciate a cadere le statue in Gran Bretagna a cominciare da quella dello schiavista Colston a Bristol (Anna Russell)
domenica 21 Giugno 2020 Giulio AF Buratti
Tassare le grandi ricchezze e collegare riflessioni, appelli, campagne, per affrontare la crisi del covid
I post razzisti del poliziotto che piace a De Luca
sabato 20 Giugno 2020 Ercole Olmi
Napoli, il poliziotto che vorrebbe annegare i naufraghi con una pietra al collo e insegnare alla figlioletta a scrivere Dux con le lettere magnetiche

in fondo a sinistra

Covid, e adesso chi pagherà il conto?
giovedì 11 Giugno 2020 Redazione
Appello. Tassare le grandi rendite e i grandi capitali, redistribuire le risorse, avviare l'audit dei debiti pubblici dei paesi membri
2 giugno, non sia un paese per repubblichini
lunedì 1 Giugno 2020 Checchino Antonini
Non lasciamo il 2 giugno alla destra. Appello per manifestazione a Roma, il 2 giugno dalle 10 alle 13 in Piazzale Tiburtino 
Francia, prove di unità della sinistra politica, sociale e sindacale
mercoledì 27 Maggio 2020 Giulio AF Buratti
Francia, sindacati, partiti e associazioni ragionano di un blocco sociale alternativo mentre Macron e i padroni preparano l'attacco

cronache sociali

Centri estivi non per tutti, partono ma costano
lunedì 15 Giugno 2020 Redazione
Centri estivi, rette aumentate per tutti, bonus per qualcuno (Chiara Ludovisi ©Redattore Sociale)
Roma fa scuola sotto il cielo
mercoledì 10 Giugno 2020 Redazione
Roma, ecco alcune iniziative sperimentali di didattica all'aperto e autorganizzate
8 giugno: tutti nei luoghi della didattica negata
lunedì 8 Giugno 2020 Redazione
Apriti, Scuola! Docenti, genitori e studenti in scuole, piazze, parchi per chiedere il ritorno in classe in una scuola aperta e più ricca

consumare stanca

Macedonia di microplastica
mercoledì 17 Giugno 2020 Marina Zenobio
Pubblicata la prima ricerca che quantifica l'esposizione a microplastiche  nella popolazione generale mediante l'ingestione di alcuni frutti e verdure
Morti di covid, anzi no: morti di pareggio di bilancio
domenica 7 Giugno 2020 Redazione
L'ossessione del riequilibrio finanziario ha smantellato il servizio sanitario pubblico e i risultati li stiamo vedendo (Marco Bersani)
Tutte le magagne di Immuni
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Ho deciso di installare la app per il tracciamento dei possibili positivi al covid ma... C'è un ma... (Mauro Baldassarri)

padrini & padroni

Faccette nere, gilet arancioni, mascherine tricolori
martedì 2 Giugno 2020 Redazione
Non solo Lega e Fdi, c’è chi marcia su Roma in nome del popolo e col gilet arancione. E le curve fasciste a Roma sabato 6  (Saverio Ferrari*)
La folle storia del laboratorio P4 di Wuhan
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Wuhan, il laboratorio di alta sicurezza (P4) dell'Istituto di virologia è stato progettato dalla Francia su cui dal 2017 non ha più alcun controllo  (Karl Laske e Jacques Massey)
La leggenda dei Recovery Fund spiegata bene
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Pochi soldi e a caro prezzo, ecco cosa si cela dietro le narrazioni trionfali sul Recovery Fund  (Marco Bersani)

malapolizia

La polizia è dannosa e costosa
martedì 16 Giugno 2020 Checchino Antonini
E’ tempo di ridistribuire i bilanci osceni della polizia a scuole, ospedali e autobus (Samantha Winslow, Alexandra Bradburyenlarge) Le marce stanno travolgendo ogni stato. Centinaia di migliaia di persone hanno sfidato la pandemia per protestare contro l’assassinio di un nero disarmato, George Floyd, da parte della polizia di Minneapolis. Come le ondate di scioperi degli ...
Black lives matter, arriva la vendetta della polizia italiana
martedì 9 Giugno 2020 Ercole Olmi
Black lives matter, la digos di Milano annuncia multe in arrivo per i manifestanti antirazzisti sdegnati per l'omicidio di George Floyd
Usa, come le proteste hanno cambiato la pandemia
venerdì 5 Giugno 2020 Redazione
I gas lacrimogeni e lo spray urticante aggravano la diffusione del virus. Razzismo, police brutality e pandemia (Dhruv Khullar)

quotidiano movimento

La salute non è merce. Il 26 giugno  protesta in Regione Lazio
giovedì 18 Giugno 2020 Marina Zenobio
Il 26 luglio protesta sotto la Regione Lazio, per una sanità pubblica, gratuita, universale e umanizzata. La dedica di Zerocalcare
Torino, la speculazione uccide la socialità più del virus
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Torino, quartiere Aurora, le realtà associative di Corso Brescia sotto sfratto causa "riqualificazione"
Black lives matter. Chi sono i neri italiani scesi in piazza
lunedì 8 Giugno 2020 Redazione
Black lives matter. Le storie dei partecipanti alla manifestazione di Roma (Eleonora Camilli © Copyright Redattore Sociale)

in genere

Paolo Massari in carcere per stupro
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti
Una lettura femminista del lockdown e di come uscirne
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Donne sull'orlo di una crisi pandemica. Diretta Facebook. Venerdì 5 giugno, 18.30 sulla pagina di Sinistra Anticapitalista (Donne Di Classe)
1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...

mondi

La baia dei porcellini. Il fallito golpe Usa contro Maduro
venerdì 15 Maggio 2020 Redazione
Jon Lee Anderson ricostruisce il tentativo farsesco contro il governo del Venezuela. L'ambiguità di Trump e l'incapacità di Guaidò
AIDS in Africa. Morti di un virus “minore”
giovedì 14 Maggio 2020 Marina Zenobio
In Africa l'interruzione dei servizi sanitari di lotta all'AIDS, dovuta alle misure contro il Covid-19, sta mettendo a rischio la vita di centinaia di migliaia di persone
Colombia, stracci rossi da sos per la povertà a simboli di protesta
mercoledì 13 Maggio 2020 Redazione
In Colombia, gli stracci rossi alle finestre avvertono la presenza di famiglie in povertà. Reportage sul covid nelle cittadelle del lavoro informale (da Bogotà, Pascale Mariani)

culture

Rifondiamo Montanelli!

Il dibattito su Montanelli mi ha rotto i coglioni: la sua statua dovrebbe essere semplicemente fusa per riutilizzarne il bronzo

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La lotta di classe in bicicletta

La bicicletta come veicolo di protesta ma anche arma per la polizia, ecologico ma strumento della colonizzazione (Jody Rosen)  

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Perché Instagram ci vuole mettere in mutande

Su Instagram, il bonus segreto della nudità: lo spogliarello per guadagnare likes. Un’inchiesta di Mediapart

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Piketty: La disuguaglianza è un’ideologia

Piketty: La disparità di proprietà crea un’enorme disuguaglianza di opportunità nella vita

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Necrologi, vite che non sono – ancora – la tua

Perché sono tornati popolari i necrologi sui giornali nell’era del coronavirus (Casey Cep)

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.