No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

martedì 20 Agosto 2019 Maurizio Zuccari
Come finirà la crisi di governo e l’harakiri di Salvini
Blitz di Goletta Verde per difendere ambiente e clima
mercoledì 14 Agosto 2019 Redazione
La Spezia. Blitz di Goletta Verde che oggi pomeriggio nel porto della Spezia ha puntato la prua contro il progetto della nuova centrale a Gas prevista da Enel.
martedì 13 Agosto 2019 Redazione
Le manovre di Ferrero per controllare le coltivazioni di nocciole nella regione turca del Mar Nero da dove viene il 70% della produzione mondiale
Contro Salvini il Pd non è un porto sicuro
venerdì 9 Agosto 2019 Redazione
L'ora delle scelte irrevocabili di Salvini è scoccata. Nella crisi tenere insieme la battaglia democratica e quella sociale
venerdì 9 Agosto 2019 Checchino Antonini
Xylella, la guerra continua anche se il monitoraggio smentisce l'ipotesi dell'epidemia in corso. Allora perché questa emergenza?
Israele, lo spettacolo elettorale del partito unico sionista
martedì 6 Agosto 2019 Redazione
Chiunque invidi gli Usa perché non vi sono che due partiti dovrebbe sapere che in Israele ve ne sono ancora di meno

in fondo a sinistra

Nicaragua: Ortega non c’entra nulla con Sandino
martedì 23 Luglio 2019 Redazione
Nicaragua, quarant’anni dopo la rivoluzione, fra rivoluzione e dittatura. L'analisi di una comandante guerrillera del FSLN
Così parlò Camilleri sulla sinistra italiana
lunedì 22 Luglio 2019 Redazione
Secondo il creatore del commissario Montalbano «In Italia ci sono partiti di sinistra che in realtà hanno obiettivi di destra». L'ultima intervista a eldiario.es
Guevara a Fidel: «Come far partecipare gli operai al nostro povero partito?»
domenica 23 Giugno 2019 Antonio Moscato
L’ultimo inascoltato messaggio di Guevara a Fidel Castro in una lunga lettera parzialmente inedita rivelata a Cuba

cronache sociali

L’Aquila: giovane senegalese accoltellato alla gola e gettato in un fosso
venerdì 2 Agosto 2019 Marina Zenobio
Il giovane ventisettenne ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Pescara. La solidarietà dell’Associazione Ubuntu Onlus di Sulmona
Mai un ministro come Salvini, gli servirebbe un po’ di educazione civica
venerdì 2 Agosto 2019 Redazione
Salvini bocciato in educazione civica anche se della "riforma" sappiamo solo che il consiglio di classe dovrà dare un voto. Che per il capitano sarebbe un 3 meno
Roma, assistenza agli alunni disabili: la faccia tosta dell’assessora pentastellata
giovedì 25 Luglio 2019 Giulio AF Buratti
Assistenza agli alunni disabili: il Terzo Settore boccia il bando che aggira il contratto e taglia il 40% degli operatori. E l'assessora giura: «Rispettati i livelli occupazionali»

consumare stanca

Xylella, assalto al Salento e sentenze
venerdì 28 Giugno 2019 Redazione
Xylella, ecco perché è meglio leggere la sentenza piuttosto che i giornali per capire che è successo al Consiglio di Stato sulla sospensiva della delibera della Regione Puglia da Comitato per la Salvaguardia dell’Ambiente e del Territorio – Valle d’Itria, Associazione “Terra d’Egnazia”, Associazione “Spazi Popolari Aps”, Associazione “Bianca Guidetti Serra” – Puglia Associazione di ...
Iran-Usa, i droni e i venti di guerra
sabato 22 Giugno 2019 Checchino Antonini
L'Iran rivendica l'abbattimento del drone spia Usa. Il Rapporto di Archivio Disarmo sull’immagine dei droni nei mass media e nell’opinione pubblica italiana
Genova-Certosa. Come Sàigòn
mercoledì 12 Giugno 2019 Mauro Baldassarri
Che cosa lega la vicenda del crollo di Ponte Morandi a Genova e la sporca guerra in Vietnam

padrini & padroni

Usa, Bnp finanzia la prigione privata per migranti
lunedì 5 Agosto 2019 Redazione
In Europa, BNP dice di aiutare i rifugiati ma negli Stati Uniti dal 2003 finanzia il primo carcere privato specializzato nella detenzione dei migranti 
Decreto sicurezza bis, perché Fico non è poi così fico
mercoledì 24 Luglio 2019 Checchino Antonini
Il decreto sicurezza bis supera lo scoglio della Camera. L'inutile sceneggiata del presidente Fico e dei sedicenti pentastellati "di sinistra"
Resto del Carlino, precaria smentisce condirettore che scrive a vanvera dei giovani
mercoledì 24 Luglio 2019 Checchino Antonini
I ragazzi italiani, secondo il condirettore del Resto del Carlino vorrebbero fare i rider, senza responsabilità. Lo smentisce una cronista precaria del suo stesso giornale

malapolizia

Nantes, dov’è Steve? La polizia è colpevole
venerdì 2 Agosto 2019 Checchino Antonini
Nantes, domani in piazza per Steve Maia Caniço, annegato nella Loira durante le cariche di polizia del 21 giugno. Un verbale dimostra che quell'assalto non si doveva fare
Malapolizia, il caso Magherini approda alla Cedu
martedì 23 Luglio 2019 Checchino Antonini
La Corte europea dei diritti dell'uomo affronterà il caso del processo per la morte di Riccardo Magherini. «Una bella notizia», spiegano i familiari della vittima di malapolizia
Violenza di polizia in Francia, Macron ordina e copre gli abusi
martedì 23 Luglio 2019 Redazione
Francia, centinaia di feriti, la morte di Zineb Redouane, la sparizione di Steve Caniço. Il governo nega la violenza, egittimando gli abusi e rimuovendo i tabù

quotidiano movimento

Agnoletto: M5S complice di De Gennaro
lunedì 22 Luglio 2019 Checchino Antonini
Genova 20 luglio, con Carlo nel cuore. Centinaia in piazza Alimonda. La solita provocazione di un sindacatino di polizia. Il ricordo di ZeroCalcare
Per non dimentiCarlo: le giornate del luglio
venerdì 19 Luglio 2019 Redazione
Genova 2001-2019. Il programma delle iniziative nell'anniversario delle giornate del luglio: per non dimenticare Carlo, per rilanciare le lotte
Attac: non rinunciare a immaginare la società che vogliamo
venerdì 19 Luglio 2019 Redazione
L'università estiva di Attac: immaginare l'alternativa nello spazio pubblico occupato dal conflitto apparente fra populisti e oligarchia

in genere

Ddl Pillon rimandato a settembre, ma la piazza delle donne sarà ancora lì
venerdì 26 Luglio 2019 Redazione
Colloquio con Teresa Gennari del Centro Antiviolenza Donna L.I.S.A. durate la protesta anti-Pillon di martedì scorso in Piazza Montecitorio
Il centro antiviolenza Donna L.I.S.A. ha bisogno di te
domenica 28 Aprile 2019 Redazione
In vent’anni il centro ha colto e sostenuto migliaia di donne nel difficile percorso di fuoriuscita dalla violenza, ora rischia la chiusura.
Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 Dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 

mondi

Hong Kong, domino cinese
giovedì 1 Agosto 2019 Maurizio Zuccari
Hong Kong e la sua crisi di piazza, spontanea quanto un teatrino d'ombre cinesi, può innescare ben altre crisi sulle piazze finanziarie del mercato globale e nel confronto tra Oriente e Occidente
Amazzonia: aumentano deforestazione e violenza contro gli indios
martedì 30 Luglio 2019 Marina Zenobio
Indios massacrati e foresta deforestata. In sette mesi di presidenza Bolsonaro sono stati distrutti 4.200 chilometri quadrati di foresta.
Spagna: la solidarietà con la Palestina equivale a terrorismo
venerdì 14 Giugno 2019 Marina Zenobio
Una ex deputata e altre due attiviste spagnole sottoposte a giudizio per “collaborazione con una organizzazione terroristica” chiamata FPLP, Avevano donato 8.500 euro per la ricostruzione di Gaza

culture

La colonia non è acqua

Il trauma bellico è indifferente al colore della pelle. Fratelli d’anima di David Diop (Neri Pozza 2019) [Carlo Scognamiglio]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La storia eravamo noi

Note a margine del dibattito sulla cancellazione dell’insegnamento della storia

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La faccia oscura della luna

Ma sulla luna ci siamo stati? I misteri della corsa alla spazio, frutto della guerra fredda, 50 anni dopo

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Camilleri è morto, anzi no

Camilleri, si è spento a Roma il decano degli scrittori italiani, unicum letterario. Almeno un paio d’inediti nei cassetti del maestro scomparso

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Pippo Pollina torna a sud

Süden II, secondo capitolo in trio con i tedeschi Schmidbauer e Kälberer per l’ex leader degli Agricantus

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.