No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

domenica 20 maggio 2018 Redazione
Slogan e proteste delle attiviste contro l’arroganza a 5Stelle che vuole togliere alla città un luogo storico per le donne. Mobilitazione permanente
Jihad in Occidente, la “neo-umma” in un libro pubblicato in Francia
sabato 19 maggio 2018 Redazione
Jihad e occidente: nel libro di Farhad Khosrokhavar, appena uscito in Francia, le leve sociali, antropologiche, politiche e urbane che spingono tanti giovani a fare la scelta jihadista. L'umiliazione per i giovani immigrati e la ricerca di senso per i giovani convertiti. Il tutto in un contesto in cui le democrazie occidentali mostrano la loro debolezza ed il loro fallimento come motori di valori condivisi e non solo di capitali.
sabato 19 maggio 2018 Redazione
Dopo 17 anni sarebbe ora di rivedere la carta dei principi del Forum Sociale Mondiale per adattarla al mondo d’oggi
India: discriminazione di genere tra aborti selettivi e bambine morte
sabato 19 maggio 2018 Marina Zenobio
In India ogni anno muoiono di stenti 239 mila bambine, oltre 100 mila gli aborti selettivi di feti femminili
venerdì 18 maggio 2018 Redazione
Uno, due colpi per abbattere una marmotta che impediva la circolazione
Consumo responsabile: istruzioni per l’uso
venerdì 18 maggio 2018 Redazione
Sempre più si parla di “consumo responsabile”, ma cosa comporta nella nostra quotidianità?
venerdì 18 maggio 2018 Ercole Olmi
Caso Bianzino. Con due nuove perizie, il figlio Rudra rilancia la battaglia per verità e giustiza. Aldo è morto in carcere a Perugia nel 2007 
Siria, guerra e gentrification a misura di Assad
giovedì 17 maggio 2018 Redazione
Siria: profughi e sfollati espropriati dalla legge numero 10. E' la 'Siria utile' del regime e dei nuovi magnati di Damasco

in fondo a sinistra

Partitino o social forum? Il futuro di Potere al popolo
martedì 8 maggio 2018 Redazione
Potere al Popolo: non sprechiamo l’opportunità! Verso l'assemblea di Napoli
Potere al Popolo, vedi Napoli e poi ti organizzi
domenica 29 aprile 2018 Giulio AF Buratti
Potere al Popolo verso l'organizzazione: una due giorni a Napoli a maggio, un campeggio a luglio e a settembre si eleggerà il coordinamento nazionale
Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»
mercoledì 25 aprile 2018 Redazione
Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

cronache sociali

Invalsi, quiz assurdi per 22 milioni di euro
lunedì 14 maggio 2018 Checchino Antonini
Prove Invalsi, tutte le crepe di un rito assurdo e costoso. Cinque ipotesi per capire perché la scuola allena gli studenti con i quiz
Genova, la valle dell’architettura brutale
mercoledì 9 maggio 2018 Checchino Antonini
Genova, dovevano essere una città-giardino. Invece sono un ghetto per migliaia di persone. In un documentario la storia delle Dighe di Begato
Ah, il maggio ’68! Piace ancora a sette francesi su dieci
mercoledì 2 maggio 2018 Checchino Antonini
Maggio '68: per il 70% ebbe un impatto positivo e per il 43% dei francesi potrebbe ripetersi di nuovo. Un sondaggio di Liberation

consumare stanca

Puglia, avvelenata per decreto
martedì 8 maggio 2018 Redazione
Pioggia di veleni sulla Puglia. Irrorazioni forzate a base Neonicotinoidi imposte dal decreto Martina
Salva il pianeta, non mangiare pomodori in inverno
giovedì 3 maggio 2018 Marina Zenobio
Chilometri di plastica ricoprono le serre di pomodori ad Almería, orto d’Europa. Che fine fa quella plastica? Le Tatou ce lo raccontano in un video
Salento, gli agrari vorrebbero usare pesticidi senza patentino
venerdì 20 aprile 2018 Francesco Ruggeri
Xylella nel Salento, gli ambientalisti spiegano i rischi di un congelamento per 24 mesi dell'obbligo del patentino per usare pesticidi 

padrini & padroni

Migranti, in Yemen una tragedia nella tragedia
sabato 12 maggio 2018 Sergio Braga
In Yemen infuria la querra civile e migliaia migranti dal Corno d'Africa scelgono il Paese come destinazione di transito per raggiungere i ricchi paesi del golfo persico e sfuggire alla povertà. Incarcerazioni illegali, sfruttamento, torture, violenze e assassinii. La denuncia di Unhcr
Perché i lavoratori votano a destra?
lunedì 7 maggio 2018 Redazione
Perché i lavoratori votano a destra? Classe, identità, cultura
Mussolini ti mandava nei lager mica in pensione
giovedì 3 maggio 2018 Ercole Olmi
Ennesimo post di un’assessora lombarda sulle leggi di Mussolini che tutelavano i lavoratori. Ma è una bufala che si trascina da anni. Troppi di Ercole Olmi «Posso dirvelo? Rinnegare ciò che di buono è stato fatto è un grande errore, visto che le leggi che tutelano i lavoratori nascono proprio tutte dal fascismo. Tutti condanniamo ...

malapolizia

Carabinieri accusati di stupro, chiesto il processo
venerdì 18 maggio 2018 Francesco Ruggeri
Carabinieri accusati di stupro, chiesto il rinvio a giudizio. Ora la decisione spetta al Gup
Cucchi, pestaggio e depistaggio. Parlano i testimoni chiave
martedì 15 maggio 2018 Ercole Olmi
Cucchi, il testimone chiave, un maresciallo, conferma il pestaggio di Stefano e rivela che i carabinieri volevano incastrare la penitenziaria
Accusati di stupro, licenziati i due carabinieri di Firenze
domenica 13 maggio 2018 Ercole Olmi
Destituiti i carabinieri di Firenze accusati di violenza sessuale su due ragazze statunitensi

quotidiano movimento

Itinerante e conflittuale: ecco il nuovo mutualismo
martedì 15 maggio 2018 Checchino Antonini
Le culture del movimento operaio si confrontano sul mutualismo. La mappa di un mondo in cerca di collegamenti e definizioni 
Perché s’è manifestato per la Palestina
domenica 13 maggio 2018 Redazione
Migliaia di persone a Roma in corteo con la comunità palestinese a settant'anni dalla Naqba, la catastrofe
Primo maggio: scontri a Parigi, Melenchon si dissocia
mercoledì 2 maggio 2018 Checchino Antonini
Primo maggio 2018: 210mila nelle piazze di Francia. Scontri a Parigi. Melenchon accusa i casseurs: «bande di estrema destra»

in genere

Aborto: storico referendum in Irlanda
martedì 15 maggio 2018 Marina Zenobio
Il 25 maggio l’Irlanda avrà l’opportunità di rivedere la legge sull’aborto, una delle più restrittive d’Europa
Femminicidio, una parola che fa paura
domenica 22 aprile 2018 Marina Zenobio
Dal 2012 in Italia ci sono stati quasi 900 casi di femminicidio. Ma questa parola, con il suo significato politico, tende a sparire sui media
Sesso e Genere, l’importanza della differenza
venerdì 13 aprile 2018 Marina Zenobio
“Il genere è un insieme di ruoli sociali, una camicia di forza all’interno della quale donne e uomini ballano una danza diseguale”

mondi

Gaza, un altro massacro di palestinesi
martedì 15 maggio 2018 Marina Zenobio
A Gaza si raccolgono gli interessi dell'estremismo di Benjamin Netanyahu e Donald Trump
Migranti, in Yemen una tragedia nella tragedia
sabato 12 maggio 2018 Sergio Braga
In Yemen infuria la querra civile e migliaia migranti dal Corno d'Africa scelgono il Paese come destinazione di transito per raggiungere i ricchi paesi del golfo persico e sfuggire alla povertà. Incarcerazioni illegali, sfruttamento, torture, violenze e assassinii. La denuncia di Unhcr
Con la Palestina nel cuore, sempre
venerdì 11 maggio 2018 Marina Zenobio
Domani a Roma manifestazione pro Palestina. La Marcia per il Ritorno continua ma la situazione sanitaria a Gaza precipita

culture

Print Friendly, PDF & Email

Articoli correlati

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *