mercoledì 26 settembre 2018

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

lunedì 24 settembre 2018 Checchino Antonini
Migranti, approvato il dl Salvini. Via la protezione umanitaria, più detenzione, integrazione zero. Ecco tutti i nodi critici
Amref: raccontare l’Africa in modo diverso
domenica 23 settembre 2018 Francesco Ruggeri
Amref presenta "Non aiutateci per carità", la nuova campagna per una corretta e rispettosa narrazione dell'Africa
domenica 23 settembre 2018 Redazione
Lettera aperta a Mentana, Formigli e a tutti gli altri giornalisti che hanno sdoganato Casa Pound dopo il raid di Bari
Torino, l’hotel dei calciatori licenzia la delegata sindacale
domenica 23 settembre 2018 Redazione
Torino, il Golden Palace licenzia la storica delegata sindacale. Il presidio di solidarietà nell'indifferenza dei clienti vip, ad esempio gli strapagati calciatori del Napoli
giovedì 20 settembre 2018 Redazione
Varoufakis al Guardian: Il nostro nuovo movimento internazionale combatterà la crescita del fascismo e dei globalisti
Hambach, lo sgombero violento della foresta uccide un blogger
mercoledì 19 settembre 2018 Redazione
Il suo nome era Steffen. Ad Hambach, un blogger attivista ha fatto una caduta mortale durante un'operazione di polizia
giovedì 23 agosto 2018 Redazione
Pap: da Eleonora Forenza una risposta, lunga ma non esaustiva, ai tanti commenti su un post su Potere al Popolo Care compagne e cari compagni, ovviamente ne riparleremo al campeggio, in toni che mi auguro più festosi e costruttivi di alcuni dei commenti che ho letto. Credo però che alcune questioni sollevate meritino una risposta ...

in fondo a sinistra

Sahra “la Rossa” a Fassina: «Fatelo anche in Italia»
sabato 8 settembre 2018 Redazione
Il messaggio spedito da Sahra Wagenknecht ai fondatori di Patria e costituzione, i sovranisti "di sinistra" come Fassina e D'Attorre
Effetto Melenchon sulla Linke, nasce Aufstehen
domenica 5 agosto 2018 Giulio AF Buratti
Linke, Sahra Wagenknecht, della minoranza "nazionalista di sinistra", annuncia un nuovo movimento: Aufstehen, Alziamoci
Silenzi che uccidono: la sinistra e il Nicaragua
sabato 28 luglio 2018 Redazione
Nicaragua, l'assordante silenzio di politici e intellettuali della sinistra è uno smarrimento etico che annuncia i peggiori risultati politici

cronache sociali

Milano, Salvini mette sessanta famiglie in mezzo alla strada
martedì 4 settembre 2018 Redazione
Milano, la circolare Salvini sugli sgomberi colpisce 60 famiglie. Terzo sgombero in tre anni per “Aldo dice 26x1” 
Dopo Grillo e Grasso, il Cnca: Mujica e l’Italia
domenica 2 settembre 2018 Checchino Antonini
Il CNCA avvia collaborazione
 con Pepe Mujica: “Stessa visione della vita 
che privilegia le relazioni umane e la necessità di un’economia sobria” Dopo l’endorsement per Grasso alle politiche e l’incontro con Grillo di venerdì scorso a Milano, il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) annuncia l’avvio di una collaborazione con Pepe Mujica, ex presidente dell’Uruguay, e il ...
Genova, funerale alla pacatezza
venerdì 24 agosto 2018 Mauro Baldassarri
Tutti avremmo dovuto partecipare al funerale di Genova, ma senza moderazione, senza pacatezza, senza calma. Incazzati neri da Genova, Mauro Baldassarri* Il 18 agosto 2018 abbiamo reso l’ultimo omaggio a una quarantina di caduti nella tragedia del viadotto Morandi, a Genova. La parola “caduti” non è usata a cuor leggero, né a sproposito. Perché non ...

consumare stanca

Che carcere sarebbe senza proibizionismo?
martedì 26 giugno 2018 Ercole Olmi
Carcere e proibizionismo: le simulazioni su come la Fini-Giovanardi riempie le galere mentre cresce il Pil delle narcomafie. Presentato il Nono Libro Bianco
Cannabis, quei falsi miti del proibizionismo
martedì 26 giugno 2018 Redazione
Cannabis, i miti e i fatti della legalizzazione. Un'anticipazione del Nono Libro Bianco sulle Droghe 
L’ingannevole rosa del salmone d’allevamento
venerdì 25 maggio 2018 Redazione
Esiste un campionario di tonalità di rosa per il salmone di allevamento, distribuito dalla multinazionale olandese DSM

padrini & padroni

Pedofilia clericale. Stupri, abusi e impunità
sabato 18 agosto 2018 Marina Zenobio
Contro l’impunità della pedofilia un Gran Giurì della Pennsylvania propone di prolungare la prescrizione dei delitti e dare più tempo alle vittime per presentare le denunce
Ponte Morandi, così le privatizzazioni fanno strage
giovedì 16 agosto 2018 Redazione
Il crollo del Ponte Morandi di Genova: disastro inevitabile o tragedia del capitalismo?
Legge Mancino, Fontana teme d’essere incriminato
venerdì 3 agosto 2018 Checchino Antonini
Legge Mancino, Fontana, il ministro della famiglia bianca-etero-bigotta vorrebbe abolirla. Salvini pure poi frena

malapolizia

Un questore, una taser e un ragazzo ucciso dalla polizia
venerdì 14 settembre 2018 Checchino Antonini
«Ci fosse stato il taser, Federico Aldrovandi sarebbe ancora vivo», dice il questore di Reggio Emilia. Ma la taser è uno strumento di tortura che semina morti
Sgomberi e taser, ecco la circolare di Salvini
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Il Viminale: «Tempestività negli sgomberi» e via con le pistole taser. E' il pacchetto sicurezza di Salvini che debutta in società
Uomini (in divisa) che odiano sui social
sabato 1 settembre 2018 Ercole Olmi
Il caso del poliziotto hater di Rovigo non è unico nel suo genere. E' la stessa sottocultura che applaude gli autori di abusi e censura i film su Cucchi

quotidiano movimento

Sans Papier e Radio Sonar nel mirino di Salvini e Raggi
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Roma, nel palazzo di via Carlo Felice tra gli occupanti che aspettano lo sgombero
Il debito di Napoli non è ingiusto, è illegittimo
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Napoli, la lotta contro il debito illegittimo per liberare risorse per la collettività  
Roma, allo stremo i rifugiati di Scorticabove
mercoledì 5 settembre 2018 Redazione
I rifugiati di Scorticabove ancora in strada. "Non ce la facciamo più". Il progetto di cohousing in un luogo confiscato alle mafie

in genere

Argentina: il senato rigetta la legge sull’aborto
giovedì 9 agosto 2018 Marina Zenobio
Nonostante il testo fosse stato approvato dalla Camera dei Deputati, la legge sull’aborto non ha superato il vaglio del Senato per sette voti contrari e due astensioni
Casa Internazionale delle Donne: il Comune di Roma annuncia la “revoca immediata della convenzione”
giovedì 26 luglio 2018 Marina Zenobio
E’ l’esito di un logorante braccio di ferro tra la Casa, storico spazio femminista romano, e il consiglio comunale a maggioranza 5stelle
Repubblicanesimo e femminismo
sabato 16 giugno 2018 Redazione
Un'analisi sul femminismo che, radicalizzando la critica marxiana, svela l’esistenza di un lavoro che è la base di tutte le altre forme di lavoro, perché è il lavoro che produce la forza lavoro

mondi

Mediterraneo, partono in pochi, muoiono in tanti
lunedì 3 settembre 2018 Redazione
Migranti, rotta del Mediterraneo: meno partenze ma più morti. In emergenza i centri di accoglienza nelle isole greche
Chemnitz blindata, nazi ancora in piazza
domenica 2 settembre 2018 Francesco Ruggeri
Chemnitz, «Cuore invece di odio», è stato lo slogan della contro protesta, che in tedesco suona come un gioco di parole «Herz statt Hetze» L’ultradestra torna a manifestare a Chemnitz, e una settimana dopo la morte di un 35enne tedesco in una rissa con due migranti che ha scatenato una riposta violenta, le strade della ...
Brasile, Lula ineleggibile. Bolsonaro in testa
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Brasile, Lula dichiarato ineleggibile dal tribunale supremo elettorale. Estrema destra in testa, minacce ai candidati del Psol, il partito di Marielle Franco

culture

Lindsay Kemp non c’è più

Lindsay Kemp non c’è più, ma di lui ci restano sogni, immaginazioni e quell’espressione rapita da ultimo Pierrot

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Cortona, sguardi di donne

Cortona on the move, fino al 30 settembre appuntamento nella cittadina toscana per il festival della fotografia. Quest’anno tutto al femminile

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Claudio Lolli è vivo, e muore insieme a noi

E’ morto Claudio Lolli, cantautore e intellettuale. Aveva 68 anni. Per dirla con Nick Hornby, «sapeva come ti sentivi e lo cantava»

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Racconti d’estate 5. Moravia, Scherzi di ferragosto

Da Racconti romani (1954), Scherzi di ferragosto di Alberto Moravia. Echi di una Roma sparita che ancora resiste

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.