No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

lunedì 17 Giugno 2019 Ercole Olmi
La Corte dei conti indaga sul danno erariale risultante dall'occupazione da parte dei fascisti di Casapound di un edificio pubblico
Jeremy Irons: contro il fascismo ricordiamoci della nostra umanità
domenica 16 Giugno 2019 Ercole Olmi
Trastevere, branco dei fascistelli del sabato sera assale due ragazzi colpevoli di avere una maglietta troppo antifascista
domenica 16 Giugno 2019 Checchino Antonini
Cucchi, esiste un nesso tra la frattura delle vertebre, causata dal pestaggio, e la morte. Dalla perizia del gip una nuova svolta nel processo
Manganellate di cittadinanza. Salvini e Di Maio fanno il bis di sicurezza
venerdì 14 Giugno 2019 Checchino Antonini
Perché il decreto bis sicurezza rende tutti insicuri e perché la cosiddetta opposizione non sembra rendersene conto
venerdì 14 Giugno 2019 Marina Zenobio
Una ex deputata e altre due attiviste spagnole sottoposte a giudizio per “collaborazione con una organizzazione terroristica” chiamata FPLP, Avevano donato 8.500 euro per la ricostruzione di Gaza
Besancenot: «Unità della sinistra? No, grazie. Abbiamo già dato»
giovedì 13 Giugno 2019 Checchino Antonini
Olivier Besancenot : «Costruire "coordinamenti permanenti" della gauche sociale e politica»

in fondo a sinistra

Giù la destra! L’eccezione portoghese
domenica 2 Giugno 2019 Redazione
La felice eccezione portoghese. Come leggere i risultati delle elezioni europee in Portogallo
Sinistra Italiana, si dimette Fratoianni
domenica 2 Giugno 2019 Giulio AF Buratti
Fratoianni: mi dimetto da segretario, serve discussione e riflessione seria ed ampia. Ma non è il tempo di tornare a casa o di lasciare l’impegno
Acerbo: «Voto disastroso, ma ora non disperdiamo le energie»
lunedì 27 Maggio 2019 Redazione
Il risultato delle elezioni europee è disastroso. Per la sinistra e per il nostro paese però sarebbe sbagliato rinunciare al percorso unitario avviato

cronache sociali

I leghisti a Ferrara sono solo ospiti. Ma fino a quando?
lunedì 10 Giugno 2019 Redazione
L'Emilia non è leghista, ancora no, e in tutti modi bisognerà far si che non lo diventi. Scrive uno scrittore, migrante interno a Ferrara
Perché la videosorveglianza non è una soluzione
lunedì 3 Giugno 2019 Redazione
L'arsenale dello spavento e la pratica quotidiana della penalità hanno ormai preso il sopravvento colonizzando l'immaginario collettivo
Genova, il benvenuto dei camalli ai naufraghi dirottati da Salvini
sabato 1 Giugno 2019 Checchino Antonini
Genova, striscione sulla Lanterna per accogliere i naufraghi in arrivo col pattugliatore dirottato da Salvini per il solito gioco sulla pelle dei più deboli

consumare stanca

Genova-Certosa. Come Sàigòn
mercoledì 12 Giugno 2019 Mauro Baldassarri
Che cosa lega la vicenda del crollo di Ponte Morandi a Genova e la sporca guerra in Vietnam
Giardino Bruno, l’eresia è un orto a scuola
mercoledì 12 Giugno 2019 Redazione
Sono stati gli studenti a chiamarlo "Giardino Bruno" per ricordare il filosofo naturalista da cui prende il nome la loro scuola
“Affaire Xylella”, basta speculazioni sulla nostra terra
mercoledì 12 Giugno 2019 Redazione
“Affaire Xylella”: la Regione Puglia dia conto della gestione della “emergenza”.  Manifestazione a Bari, venerdì 14 giugno

padrini & padroni

La Bahri Tabuk fa il pieno d’armi a Cagliari
venerdì 31 Maggio 2019 Redazione
Bahri Tabuk, missione compiuta, in segreto, a Cagliari. Il sovranismo si nutre di guerra, armi e soldi
Genova, camalli contro le navi delle armi
venerdì 17 Maggio 2019 Redazione
Il boicottaggio dei camalli genovesi contro il cargo saudita Bahri Yanbu, niente carichi d’armi per lo Yemen
Assolto con formula piena Aldo Milani, crolla il teorema contro il SiCobas
lunedì 13 Maggio 2019 Checchino Antonini
Sbattuto in prima pagina per una presunta estorsione ma è innocente. Assolto Aldo Milani, leader del SiCobas

malapolizia

Genova, due poliziotti ammettono il massacro del cronista
giovedì 30 Maggio 2019 Checchino Antonini
Genova, sei giorni dopo le violenze due dei quattro sospettati si sono presentati in Procura. E tutti a dire che la polizia non è più quella del G8 Due poliziotti hanno ammesso di avere colpito Stefano Origone mentre altri due hanno detto di non aver partecipato direttamente ma di avere visto la scena solo alla fine. ...
Francia condannata per non aver indagato sulla violenza della polizia
mercoledì 29 Maggio 2019 Ercole Olmi
Malapolizia in salsa francese sanzionata dalla Corte europea di Strasburgo, la stessa che ha più volte condannato l'Italia per vicende anche più gravi
Pestaggio di Genova, nessun celerino si costituisce
martedì 28 Maggio 2019 Checchino Antonini
Genova, cade nel vuoto l'appello della procura ai poliziotti responsabili del pestaggio del cronista. Il sindaco Bucci si schiera dalla parte di Casapound

quotidiano movimento

Ocalan e i curdi disturbano il commercio italiano di armi?
sabato 1 Giugno 2019 Redazione
Perché questo silenzio assordante sulla lotta di liberazione del popolo curdo e sul lunghissimo sciopero della fame di 7mila detenuti politici 
Xylella fa rima con trivella
mercoledì 29 Maggio 2019 Redazione
Xylella fa rima con trivella. Emergenze ambientali, emergenze sanitarie, emergenze democratiche. Un convegno a Cisternino
No Tav: «Di che colore è il partito del cemento?»
martedì 28 Maggio 2019 Giulio AF Buratti
Il movimento: «Il TAV si annuncia già da ora come il principale terreno di scontro e di resistenza, anche contro l’avanzata di Salvini»

in genere

Il centro antiviolenza Donna L.I.S.A. ha bisogno di te
domenica 28 Aprile 2019 Redazione
In vent’anni il centro ha colto e sostenuto migliaia di donne nel difficile percorso di fuoriuscita dalla violenza, ora rischia la chiusura.
Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 Dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 Ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro

mondi

La sinistra ha perso la bussola dell’etica
mercoledì 12 Giugno 2019 Redazione
La sinistra ha perso la bussola dell’etica. E non si ritroverà con vuota verbosità a difesa di chi sta di sopra, ma ascoltando i popoli, accettando le decisioni collettive di chi sta di sotto
«Distruggere il capitalismo prima che distrugga noi»
sabato 1 Giugno 2019 Giulio AF Buratti
«Il capitalismo è all'origine dei cambiamenti climatici: bisogna distruggerlo prima che distrugga noi», dice il sociologo Jean Ziegler 
Stato spagnolo, il voto “utile” ha rubato un milione di voti a Unidas Podemos
mercoledì 1 Maggio 2019 Redazione
Spagna. Luci e ombre di una vittoria socialista, le dimensioni della sconfitta di UP, i guai delle destre e i nazionalismi di sinistra

culture

A Genova arriva il Wine Day

Domani a Genova 50 vignaioli FIVI da tutta Italia faranno assaggiare il loro vini e racconteranno cosa vuol dire essere produttori indipendenti.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Enfant terrible senza limiti, e il teatro sembra un circo

Al Teatro sociale di Camogli le acrobazie di Mob à Sisyphe per Huitieme jour, Cirque d’enfant terrible 

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Letteratura d’evasione al Salone del Libro, così scrivono i detenuti

Salone del Libro. Al Lingotto la cerimonia di premiazione del Premio Goliarda Sapienza-Racconti dal carcere

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.