No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

sabato 28 Marzo 2020 Redazione
Coronavirus, è sempre più facile dare la colpa ai super-cattivi che a se stessi: così spopolano i complottismi 
Coronavirus, a uccidere è il collasso della sanità
sabato 28 Marzo 2020 Redazione
Una analisi statistica sull’andamento del virus e su cosa ci dicono questi dati rispetto allo stato del sistema sanitario italiano
giovedì 26 Marzo 2020 Redazione
Lettera aperta a Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia 
Che ne sarà del Noi/ Solidarietà, danno collaterale
giovedì 26 Marzo 2020 Mattia Pelli
Solidarietà, danno collaterale del coronavirus. Nell’emergenza le reti di sostegno e cura sono in crisi
giovedì 26 Marzo 2020 Redazione
Produttivismo capitalista, crisi sanitaria, crisi climatica. Il nuovo articolo dell'intellettuale ecosocialista Daniel Tanuro
Parla la virologa: «Troppa fiducia nel mercato»
giovedì 26 Marzo 2020 Redazione
La virologa Marie-Paule Kieny a Mediapart: il contenimento finirà quando gli ospedali non saranno più al collasso

in fondo a sinistra

Bordeaux en luttes, l’anticapitalismo è municipale
sabato 7 Marzo 2020 Redazione
Municipali in Francia. A Bordeaux, Philippe Poutou, dell'Npa, vuole far uscire la "lotta di classe" dalla fabbrica
Ecologia e lavoro per ridare dignità a Roma
sabato 7 Marzo 2020 Redazione
Roma, le amministrative si svolgeranno fra un anno. C'è il tempo per costruire un progetto in grado di ridare una speranza alla città 
Chi sono i compagni italiani di Kshama Sawant, la Amazon-hater
venerdì 7 Febbraio 2020 Giulio AF Buratti
Sul settimanale Left l'intervista all'attivista che ha sconfitto Amazon a Seattle. Popoff ha trovato i suoi compagni italiani

cronache sociali

Mia moglie e i suoi colleghi, contro il virus a mani nude
venerdì 20 Marzo 2020 Redazione
Negli ospedali si lavora a contatto con pazienti infetti senza alcuna protezione. La testimonianza drammatica da un ospedale romano
La zona rossa dentro di noi
mercoledì 18 Marzo 2020 Redazione
Quando sarà finita questa storia potremo forse tornare a parlare di come  trasformare questo mondo, come nel 2001, nella “nostra” prima zona rossa
Il corona virus nell’oroscopo di Brezsny
martedì 17 Marzo 2020 Francesco Ruggeri
L'astrologo Rob Brezny annuncia di voler interrompere l'«aggiornamento regolarmente programmato» per dare «informazioni sulla svolta virale»

consumare stanca

Le zone rosse servono, ma non sempre
venerdì 20 Marzo 2020 Mattia Pelli
L'efficacia delle misure di fronte alla diffusione del virus le zone rosse. Intervista a Baltazar Espinosa, autore di un articolo finanziato dalla NSA
Toilet paper panic! Perché ci accaparriamo carta igienica
domenica 15 Marzo 2020 Redazione
Effetto collaterale della crisi del coronavirus, gli acquisti di carta igienica da parte del panico si sono moltiplicati nel mondo. È davvero irrazionale? 
Commercio al tempo del cororonavirus, che c’è di aperto nell’Italia chiusa
giovedì 12 Marzo 2020 Checchino Antonini
Coronavirus, ecco le tabelle allegate al nuovo decreto: quali negozi troveremo aperti dal 12 al 25 marzo 

padrini & padroni

Lagarde, coronavirus come eutanasia
venerdì 13 Marzo 2020 Redazione
La pandemia, con i suoi picchi di mortalità concentrati anziani e immunodepressi, sembra progettata dalla stessa Christine Lagarde
Covid-19, ambasciatore porta xenofobia
mercoledì 11 Marzo 2020 Redazione
L'ambasciatore italiano a Dublino dichiara alla tv irlandese che l'epidemia in Lombardia sarebbe tutta colpa dei cinesi che vivono in Italia. Ma non è vero  
Sei sicuro La Russa che il saluto romano uccida meno del coronavirus?
martedì 4 Febbraio 2020 Ercole Olmi
Coronavirus e ironia fascista. A proposito di un post agghiacciante sui social di Ignazio La Russa

malapolizia

Il carcere uccide più del virus: 12 detenuti morti in 48 ore
martedì 10 Marzo 2020 Ercole Olmi
Carceri in rivolta. Altri tre morti durante le rivolte per indulto, amnistia e misure alternative dopo la sospensione dei colloqui
Francia: il prefetto che fa massacrare i manifestanti
domenica 8 Marzo 2020 Redazione
Francia. Le pratiche "illegali" del prefetto Lallement rivelano la strategia criminale di Macron contro i movimenti sociali
Nicoletta in manette in ospedale
martedì 25 Febbraio 2020 Ercole Olmi
Il trattamento punitivo contro la 74enne prigioniera politica No Tav. Il primo marzo, in tutta Italia, #nicolettaliberatutti

quotidiano movimento

Tanuro: otto tesi sul coronavirus
giovedì 26 Marzo 2020 Redazione
L’emergenza Covid mostra le contraddizioni tra interessi della collettività, limitatezza della natura e tendenza all’accumulazione del capitale 
Otto domande ai seguaci del liberismo
mercoledì 18 Marzo 2020 Redazione
Questo vi chiederemo ogni giorno quando potremo finalmente uscire e venire in tanti sotto le vostre case
Parla Milagro Sala, detenuta per aver sfidato l’oligarchia
mercoledì 26 Febbraio 2020 Redazione
Intervista con Milagro Sala, la leader Tupac, prigioniera politica in Argentina da oltre 50 mesi

in genere

Come pesci senza bicicletta. Le lotte, le donne e l’amore
sabato 7 Marzo 2020 Redazione
Le lotte e il maggio '68 hanno rimescolato le carte dell'amore... «Le champ militant est un marché amoureux». Intervista alla sociologa Julie Pagis
Lucha y Siesta. Figurine all’attacco della violenza sulle donne
martedì 19 Novembre 2019 Redazione
All'attacco-Storie da collezionare. L'album di figurine a sostegno di Lucha y Siesta contro la violenza sulle donne
Lucha y Siesta, non sgomberate quella Casa
sabato 31 Agosto 2019 Marina Zenobio
Arrivata alla Casa rifugio di Cinecittà una comunicazione di sgombero per il 15 settembre. Non si sa che fine faranno i bambini e le donne vittime di violenza ospitate

mondi

L’Estonia sapeva che una pandemia avrebbe cambiato tutto
mercoledì 25 Marzo 2020 Redazione
L'Estonia può essere la nazione meglio preparata alle conseguenze economiche e sociali della pandemia di coronavirus
Francia, il coronavirus svuota le urne e ruba la scena a Macron
lunedì 16 Marzo 2020 Checchino Antonini
Francia, astensione record al primo turno delle amministrative. Macron ora finge di sostenere la sanità pubblica e stasera annuncerà nuove misure
Covid 19. Perché un funzionario di Pechino tira in ballo gli Usa?
venerdì 13 Marzo 2020 Checchino Antonini
Un portavoce del Ministero degli Esteri cinese insinua che l’esercito Usa abbia portato il Coronavirus a Wuhan. E’ fuffa per alzare la tensione con Washington? Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha suggerito che i militari Usa potrebbero aver portato il nuovo coronavirus a Wuhan, il capoluogo dell’Hubei diventato il focolaio dell’epidemia. Il nuovo ...

culture

David Sedaris e la corsa (fallita) agli acquisti

Un racconto dell’umorista statunitense: «I miei tentativi falliti di accumulare qualsiasi cosa» [David Sedaris]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Le onde lunghe dei poveri cristi

Il 25 marzo del 1970 la disobbedienza via radio di Danilo Dolci: la radio dei poveri cristi. Una ricerca-azione ne ripercorre le orme

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Il nuovo Carlotto, effetti collaterali del noir

Con La signora del martedì (Edizioni e/o) Massimo Carlotto sposta i confini del genere e supera se stesso 

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Haruki Murakami, With The Beatles

Mi rende triste invecchiando dover ammettere che i miei sogni giovanili sono svaniti per sempre… [Haruki Murakami]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Ballare col virus

Una giornata qualunque del danzatore Gregorio Samsa in scena a Genova

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Zaia, il governatore che sussurra alla polenta

Zaia, un libro di Giulia Princivalli si concentra sulla cura maniacale della comunicazione da parte del governatore veneto

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Il partito che si fece giornale

“Il giornale-partito” di Massimiliano Di Giorgio per Odradek. Tre appuntamenti a Roma per presentare il libro

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Fare i conti col padre nello spazio

Bellissimo e malinconico, Ad Astra non è un film sulla conquista dello spazio ma sui rapporti tra gli esseri umani

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.