martedì 29 Settembre 2020

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

venerdì 25 Settembre 2020 Checchino Antonini
Processo Cucchi, la denuncia del pm Musarò: «Un Giuda», tra i carabinieri di Roma «passa gli atti a qualche imputato» inquinando le prove
In presa diretta dalla fabbrica del contagio
mercoledì 23 Settembre 2020 Redazione
"Il focolaio. Da Bergamo al contagio". Una sindacalista combattiva recensisce l'inchiesta scritta da Francesca Nava, edita da Laterza (Eliana Como)
sabato 19 Settembre 2020 Redazione
Hong Kong tra censura e autocensura, la legge imposta il 30 giugno da Pechino ha fatto precipitare gli ambienti accademici in una profonda ansia (Margot Clément) 
Tav: carcere e recovery fund contro la valle che resiste
venerdì 18 Settembre 2020 Checchino Antonini
Appena il Tav entra nella lista della spesa del Recovery Fund, la digos incarcera due militanti per vecchie storie 
martedì 15 Settembre 2020 Checchino Antonini
Mentre il governo Sanchez vara la legge della memoria democratica, un sito francese conta i nomi delle strade dedicate a Franco e ai suoi complici
Francia, che fine hanno fatto i gilet gialli?
domenica 13 Settembre 2020 Redazione
La rentrèe post-covid dei "gilet gialli". Ma non erano numerosi  a conferma del declino del movimento, mentre la crisi sanitaria ha generato divisioni

in fondo a sinistra

Francia, il Pcf non ne può più di Mélenchon
martedì 1 Settembre 2020 Redazione
Il Pcf  vuole uscire dall'ombra di La France insoumise. Unità d'azione nelle piazze ma non alle prossime presidenziali (Héléna Berkaoui)
Grecia post-covid, sinistra convalescente dal fallimento di Syriza
venerdì 21 Agosto 2020 Redazione
Grecia, la sinistra fatica a farsi sentire di fronte all'ordine neoliberale che Nea Democratia sta mettendo in atto dopo il lockdown (da Atene, Elisa Perriguer)  
Covid, e adesso chi pagherà il conto?
giovedì 11 Giugno 2020 Redazione
Appello. Tassare le grandi rendite e i grandi capitali, redistribuire le risorse, avviare l'audit dei debiti pubblici dei paesi membri

cronache sociali

Culla termica, moderna versione di ruota degli esposti
venerdì 24 Luglio 2020 Francesco Ruggeri
I dubbi dell'Associazione nazionale Figli Adottivi e Genitori Naturali a proposito del bambino lasciato in una culla termica a Bari
Centri estivi non per tutti, partono ma costano
lunedì 15 Giugno 2020 Redazione
Centri estivi, rette aumentate per tutti, bonus per qualcuno (Chiara Ludovisi ©Redattore Sociale)
Roma fa scuola sotto il cielo
mercoledì 10 Giugno 2020 Redazione
Roma, ecco alcune iniziative sperimentali di didattica all'aperto e autorganizzate

consumare stanca

Se la Bioeconomia la scrivono i padroni
mercoledì 23 Settembre 2020 Checchino Antonini
L'impatto ambientale, sociale e geopolitico delle strategie europee per la bioeconomia. Una conferenza indipendente di scienziati a Roma
Albiano, ricostruiamo il ponte e la sinistra
mercoledì 2 Settembre 2020 Francesco Ruggeri
Una lettera-articolo dalle rive del Magra alla vigilia delle Regionali in Toscana
Macedonia di microplastica
mercoledì 17 Giugno 2020 Marina Zenobio
Pubblicata la prima ricerca che quantifica l'esposizione a microplastiche  nella popolazione generale mediante l'ingestione di alcuni frutti e verdure

padrini & padroni

Se vince il Sì: meno parlamentari ma più servi dei padroni
venerdì 18 Settembre 2020 Checchino Antonini
Se vincesse il Sì ci sarebbero più politici disposti a farsi portavoce di chi li finanzia più che degli elettori. Lo spiega un rapporto di Transparency
Danese sul referendum: «No all’antipolitica!»
venerdì 28 Agosto 2020 Redazione
Perché un taglio del Parlamento è il miglior regalo alla cosiddetta "Casta" (Francesca Danese)
Migranti: la giustizia italiana riconosce la tortura nelle carceri libiche
lunedì 24 Agosto 2020 Redazione
Migranti. Per la prima volta un tribunale italiano ha condannato imputati stranieri per atti commessi all'estero su vittime straniere (Cécile Debarge) 

malapolizia

Francia, un reporter diventa poliziotto per svelare il razzismo in divisa
lunedì 7 Settembre 2020 Checchino Antonini
Un giornalista francese infiltrato in polizia  ha descritto la cultura del razzismo e della violenza che pervade il mondo in divisa
Piacenza, caserma chiusa per spaccio, estorsione e tortura
giovedì 23 Luglio 2020 Checchino Antonini
Sei carabinieri arrestati e una caserma messa sotto sequestro. Reati contestati spaccio, estorsione e tortura. I precedenti
Le congratulazioni dell’Arma a chi pestò Stefano Cucchi
martedì 14 Luglio 2020 Checchino Antonini
Lettere di plauso agli autori del violentissimo arresto di Cucchi. Così settori dei carabinieri di Roma prepararono il depistaggio. Il punto sul processo

quotidiano movimento

Roma, Scup guadagna tempo ma la lotta continua
lunedì 7 Settembre 2020 Francesco Ruggeri
RFI concede una proroga a Scup, ma lo stabile è ancora a rischio. Assordante silenzio del Comune di Roma
Genova 2001, è importante ricordare l’odio
martedì 21 Luglio 2020 Redazione
E pure in Piazza Alimonda, se ci pensi, puoi capire tutto con l’odio. Non solo i due spari, anche il sasso, le menzogne successive, il processo negato
Una manifestante black al posto del mercante di schiavi
mercoledì 15 Luglio 2020 Checchino Antonini
Bristol, una nuova statua al posto di Colston buttato al fiume dai manifestanti di Black Lives Matter. Raffigura una manifestante afrodiscendente

in genere

Paolo Massari in carcere per stupro
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti
Una lettura femminista del lockdown e di come uscirne
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Donne sull'orlo di una crisi pandemica. Diretta Facebook. Venerdì 5 giugno, 18.30 sulla pagina di Sinistra Anticapitalista (Donne Di Classe)
1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...

mondi

Cile oggi, dopo la pandemia la resa dei conti
venerdì 11 Settembre 2020 Checchino Antonini
Cile: provocazioni dei carabineros nell'anniversario del golpe. I sondaggi danno la maggioranza a favore della modifica della Costituzione di Pinochet 
Bielorussia: radiografia della cascata di scioperi contro Lukashenko
giovedì 20 Agosto 2020 Redazione
Bielorussia, per il regime una minaccia senza precedenti, più formidabile delle manifestazioni: una cascata di scioperi  (Julian Colling) 
“Quella merda scende come se fosse fatta di wafer”
martedì 23 Giugno 2020 Redazione
Come sono cominciate a cadere le statue in Gran Bretagna a cominciare da quella dello schiavista Colston a Bristol (Anna Russell)

culture

Obey urla ancora. Da Genova

Genova riparte dalla street art. Proprio dove si era fermata a marzo con la mostra di Banksy

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Sghembi di tutto il mondo, vi racconto Claudio Lolli

Rabbia, malinconia, affabulazione: Claudio Lolli raccontato alla radio da un altro poeta: Marco Rovelli

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Scuola. Riprendersi le città è un gioco da ragazzi

Scuola. Bambini e maestri inventano o riscoprono i giochi a mezza distanza [Massimo Lauria e Checchino Antonini per Rsi]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Giuseppe Ciarallo, un’invettiva civile

“Crescendo”, un testo di Giuseppe Ciarallo letto da Alberto Patrucco e montato da Bruno Malasomma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Bresci, una storia lunga 120 anni

“Il fatto” di Umberto I ucciso dall’anarchico Bresci, il 29 luglio 1900

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Nervi 2020. Genova danza in Paradiso

Che cosa succederà al Festival internazionale del Balletto e della musica – Nervi 2020

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Pesci d’acquario (stato di polizia)

Pesci d’acquario / tuffati nel gorgo / galleggiamo appena / tra anfratti e balocchi /

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.