No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

No Snam. L’Abruzzo non vuol diventare l’hub del gas

Sabato 21 aprile manifestazione No Snam a Sulmona contro il metanodotto e la centrale a compressione. Oltre 300 le adesioni alla mobilitazione

da Chieti, Alessio Di Florio

Gli esami non finiscono mai è una delle frasi più comuni della società italiana. In Abruzzo potremmo riproporla con le mobilitazioni non finiscono mai. Senza andare troppo indietro nei decenni, sono passati 18 anni dalla prima grande mobilitazione popolare in difesa delle risorse idriche pubbliche e si scende ancora in piazza. Gli ultimi anni hanno visto protagonista soprattutto tante manifestazioni sui temi energetici. E, dieci anni dopo la prima mobilitazione contro il “Centro Oli” di Ortona, ora si scende in piazza contro progetti di impianti per il gas. Una mobilitazione, nata all’inizio sotto la spinta di Mario Pizzola e alcuni comitati negli stessi anni del “Centro Oli” e che ha avuto un nuovo forte impulso negli ultimi quattro mesi. Il 21 aprile a Sulmona si terrà una manifestazione che ha già registrato tantissime adesioni da comitati, movimenti e associazioni abruzzesi di varie regioni italiane.

Lo scorso 22 dicembre il Consiglio dei Ministri ha deciso di autorizzare la realizzazione della centrale di compressione della Snam. L’opera è prevista in un’area di 12 ettari nelle frazioni di Case Pente, Case San Mariano e Colle Savente. Il progetto prevede tre turbocompressori meccanici alti 10 metri e con una potenza di 11 megawatt l’uno, tre caldaie e un camino di 14 metri. La centrale sarà uno snodo fondamentale per la “Rete Adriatica” (della stessa Snam): un gasdotto di 687 chilometri sull’asse Brindisi-Minerbio. La Regione Abruzzo e le associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf hanno promosso ricorsi al TAR del Lazio contro tale scelta governativa. Alla quale si è aggiunta nelle ultime settimane l’accellerazione impressa, a governo in carica per gli “affari correnti” e nuovo parlamento in divenire, proprio sul gasdotto. Varie Associazioni (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Marevivo, Pro Natura, FAI, CAI-TAM, Mountain Wilderness e Ambiente e/è Vita) nei giorni scorsi hanno scritto ai parlamentari eletti in Abruzzo, contestando tale condotta del Governo Gentiloni, per chiedere di fermare l’iter autorizzativo di entrambe le infrastrutture.

Il 3 febbraio scorso in una partecipatissima assemblea a Sulmona è nato il Coordinamento No Hub del gas – Abruzzo. L’obiettivo è riunire in un’unica vertenza le lotte che in questi anni si sono sviluppate attorno a grandi gasdotti, impianti di compressione e di trattamento del gas, pozzi e stoccaggi. Il Governo, scrivono i promotori, vuole “trasformare l’Abruzzo e la penisola in un Hub del Gas, una piattaforma logistica per trasportare e poi esportare gas in nord Europa con fini meramente commerciali. Un disegno che assoggetta i territori a grandi servitù di passaggio con gravi rischi ed impatti in termini ambientali, sanitari e anche economico-sociali con l’unico fine del profitto di chi propone e costruisce queste opere senza alcun beneficio per i cittadini che, oltre ai rischi e agli impatti, le pagano profumatamente anche sulle bollette”. “Sarebbe necessaria” invece, proseguono, “una radicale svolta verso l’efficienza energetica, l’uso esteso delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio nonché la valorizzazione della vera ricchezza ed unicità del paese, la bellezza dei centri storici, dei monumenti, dei paesaggi e delle sue aree naturali”.

Per rappresentare quest’opposizione quell’assemblea ha lanciato la manifestazione del 21. Tappe di avvicinamento sono state assemblee, seminari e altre iniziative realizzate in queste settimane. Il 6 aprile sono partite contemporaneamente 3 carovane – che hanno coinvolto Abruzzo, Marche, Molise e Umbria – che hanno attraversato i territori interessati da vari progetti estrattivi di trasporto e stoccaggio degli idrocarburi. Sono già oltre 300 le adesioni, da soggetti politici come Potere al Popolo, Rifondazione Comunista e Sinistra Anticapitalista, a comuni abruzzesi e non solo, comitati e movimenti abruzzesi e di altre regioni impegnate contro progetti energetici, il Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua, associazioni ambientaliste e di cittadini. Anche il vescovo di Sulmona, portando avanti una linea ecologista della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana nata contro le trivelle petrolifere, ha annunciato la sua presenza. Così come stanno partecipando alla mobilitazione le Brigate di Solidarietà Attiva, nate dopo il terremoto aquilano e in questi anni impegnatissime al fianco delle popolazioni terremotate, alluvionate o in altri casi (l’anno scorso furono tra coloro che s’impegnarono contro il devastante incendio sul Monte Morrone), e associazioni di coloro che hanno visto persone care uccise dal terremoto del 6 Aprile 2009, il “Comitato familiari vittime della casa dello studente” e “309 martiri per la vita”. E il timore per rischi sismici è uno delle maggiori leve dell’opposizione a centrale e gasdotto. La Snam in questi anni ha ripetutamente affermato che i timori sarebbero infondati. Ma i comitati non si sono mai sentiti rassicurati. “Il nostro territorio ha il grado di sismicità più alto secondo la scala dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) – ha sottolineato in un’intervista Riccardo Verrocchi, storico attivista dei movimenti ambientalisti di Sulmona – e in Valle Peligna si stima che il prossimo terremoto supererà magnitudo 6.5. Costruire un mega impianto come questo, soprattutto dopo la recente esplosione nell’hub del gas di Baumgarten an der March, in Austria, che ha provocato un morto e decine di ferite” potrebbe esporre – continua Verrocchi – a forti rischi. Oltre che all’episodio austriaco i comitati citano vari episodi avvenuti in Italia negli ultimi anni. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, da sempre in prima linea nella mobilitazione, dopo il terremoto del 24 agosto 2004 ne elencarono alcuni: il 15 gennaio 2004 nella periferia di Montecilfone in Molise; l’11 febbraio 2010 a Tarsia in Calabria, per una frana; il 18 gennaio 2012 a Tresana in Toscana, per lavori di manutenzione; il 20 luglio 2013 a Sciara in Sicilia, forse a causa della condotta danneggiata; il 6 marzo 2015 a Mutignano di Pineto in Abruzzo, forse a causa di una condotta danneggiata; il 9 maggio 2015 a Roncade in Veneto, a causa di smottamenti del terreno; il 19 novembre 2015 a Ponte Presale di Sestino in Toscana, a causa di un cedimento strutturale della condotta.

L’8 maggio 2011, a L’Aquila, nel corso del Convegno nazionale “Gasdotto Rete Adriatica: perché sulla dorsale appenninica?”, il professor Alberto Pizzi, sismologo dell’Università di Chieti, ha evidenziato la pericolosità dell’opera per la “presenza delle faglie attive nell’area della dorsale appenninica interessata dal progetto del gasdotto che attraversa proprio la zona dove si verificano le massime accelerazioni al suolo”.

 

Focus

giovedì 17 gennaio 2019 Francesco Ruggeri
Eliana Como: «in Riconquistiamo tutto siamo per una Cgil più radicale, Colla moderato e Landini continuità con Camusso»
Roma, il malgoverno e la strage di senza dimora
mercoledì 16 gennaio 2019 Redazione
Senza dimora, 11 morti a Roma, sono le vittime dell’emergenza freddo da novembre a oggi Diodati (Croce Rossa): “Servono strutture di accoglienza”. Sant’Egidio: “Ci vuole un piano che duri tutto l’anno”. Roma Capitale mette a disposizione 1600 posti per l’emergenza notturna ma la stima è di 10 mila persone in strada ROMA – Aveva ...
lunedì 14 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
Pap: Carofalo e Cremaschi eletti portavoce. Il 73% vuole andare alle europee ma da soli (55%). Hanno votato in 1600, per lo statuto furono più di 4mila
Perché, cent’anni dopo, ci serve ancora Rosa Luxemburg
lunedì 14 gennaio 2019 Antonio Moscato
Le falsificazioni di Stalin. Come recuperare il pensiero di Rosa Luxemburg. Il contributo fondamentale alla teoria marxista. Il ruolo della burocrazia
sabato 12 gennaio 2019 Checchino Antonini
Torino, nemmeno questa volta sono stati in 40mila ma il grande affare del Tav mette insieme i poliziotti buoni e i poliziotti cattivi del liberismo
Europee, doccia fredda sul Pd: verdi e Pizzarotti correranno da soli
sabato 12 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
#OndaverdeEcivica: verdi e sindaci in campo per le Europee nella speranza di emulare i tedeschi e intercettare delusi del Pd e di M5S
martedì 8 gennaio 2019 Redazione
Il decreto Salva Carige. Il primo salva banche del governo del "cambiamento". Una montagna di soldi che potrebbero essere spesi meglio
Decreto Salvini, i ricorsi dei sindaci e dei richiedenti asilo
lunedì 7 gennaio 2019 Redazione
Decreto sicurezza, a Milano e Bologna presto i ricorsi dei richiedenti asilo

in fondo a sinistra

Prc/PaP: «Denunce immaginarie, polemiche inutili»
martedì 4 dicembre 2018 Redazione
Il segretario Prc risponde alle accuse dei vertici di Potere al popolo: «Denunce immaginarie e polemiche inutili»
Ferrero: «Solo i conflitti sociali manderanno a casa questo governo»
domenica 2 dicembre 2018 Enrico Baldin
Paolo Ferrero: «Credo che questo governo potrebbe andare in crisi col conflitto sociale. Se no le loro mediazioni interne possono durare anche a lungo»
PaP, ma chi è davvero il fuoriuscito?
domenica 2 dicembre 2018 Redazione
PaP e dintorni. Carofalo e Cremaschi bollano quelli di Rifo. Ma chi è fuoriuscito e da cosa? E che cosa vuol dire fuoriuscito?

cronache sociali

Casale Alba 1, arriva la pizza Della Casa. Cotta senza trasparenza
mercoledì 16 gennaio 2019 Francesco Ruggeri
IV Municipio di Roma, non si ferma il progetto della giunta pentastellata per tramutare in pizzeria un casale storico dentro un parco urbano
Malta autorizza lo sbarco: «C’est fini», la gioia sulla Sea Watch
giovedì 10 gennaio 2019 Redazione
Malta autorizza lo sbarco di Sea Watch e Sea Eye. Migranti accolti in 8 paesi
2018, un anno di foto su Popoff
lunedì 31 dicembre 2018 Redazione
Un anno nelle foto pubblicate su Popoff. C'erano una volta Potere al popolo, Ponte Morandi, Claudio Lolli, la Zad di Notre dame de Landes ecc...

consumare stanca

Privatizzare farmacie? Fatto. Il pacco di Raggi ai romani
sabato 5 gennaio 2019 Francesca Zaccari
Roma, non era nel programma elettorale ma Raggi punta a privatizzare le partecipate. Ennesimo voltafaccia a cinquestelle
Hilary, Clerici, Albano, Romina, Isoardi, Padre Pio. E noi
domenica 23 dicembre 2018 Checchino Antonini
Perché i nostri vicini di casa, la gente in fila alla posta o nei centri commerciali ci sembrano marziani? Dove nasce il senso comune?
A Piacenza tornano i Vignaioli Indipendenti 
venerdì 23 novembre 2018 Ludovica Schiaroli
Sabato 24 e domenica 25 Mercato dei Vini a Piacenza Expo: oltre 600 vignaioli racconteranno il loro vino.

padrini & padroni

Decreto Salvini, disobbedire è giusto
domenica 6 gennaio 2019 Antonio Moscato
A proposito dello scontro tra sindaci e Salvini. Riscoprire il dovere della disobbedienza
Salvini e gli infami
domenica 23 dicembre 2018 Redazione
Lettera aperta alla Polizia Postale alla luce delle dichiarazioni del ministro di polizia Salvini
Ex Penicillina, così Salvini e Raggi fanno la festa ai diritti umani
lunedì 10 dicembre 2018 Checchino Antonini
Ex Penicillina di Roma, la messa in scena dello sgombero a uso e consumo delle telecamere puntate su Salvini

malapolizia

Il cestista: «Abbassa la pistola». L’agente: «Da noi è normale»
sabato 5 gennaio 2019 Checchino Antonini
La denuncia del cestista Mike James, che gioca nel Milano, fermato pistola in pugno mentre passeggiava vicino casa
Cpr di Bari e Potenza, condizioni disumane e violenza poliziesca
sabato 15 dicembre 2018 Ercole Olmi
Tensione contro un rimpatrio nel Cpr di Palazzo S.Gervasio e a Bari rivolta contro la violenza della polizia e le condizioni di reclusione
Cucchi e Anselmo: basta compromessi sui diritti umani
sabato 15 dicembre 2018 Checchino Antonini
Ilaria Cucchi e Fabio Anselmo sul palco della Fiom all'indomani dell'ennesima udienza in cui una teste conferma che Stefano fu picchiato da chi l'arrestò

quotidiano movimento

Antirazzismo, gli Indivisibili fanno rete
lunedì 17 dicembre 2018 Checchino Antonini
Com'è andata l'assemblea nazionale di Roma convocata dal cartello, gli Indivisibili, che diede vita al corteo del 10 novembre contro il dl Salvini
Ci avranno #indivisibili, assemblea a Roma
sabato 15 dicembre 2018 Redazione
#indivisibili: assemblea nazionale il 16 dicembre a Roma. Dopo il corteo del 10 novembre contro la Legge Salvini e e il governo Lega-5Stelle
8 dicembre, contro le grandi opere, per la difesa del pianeta
mercoledì 28 novembre 2018 Redazione
Appello per l’8 Dicembre 2018: 9a Giornata Internazionale contro le Grandi Opere Inutili e Imposte e per la Difesa del Pianeta

in genere

Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro
Nudm, oggi a Verona contro le mozioni antiabortiste
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Sabato 13 ottobre mobilitazione a Verona contro le mozioni anti-abortiste. Non Una Di Meno lancia lo stato di agitazione permanente

mondi

Gilet gialli, ottavo atto. Sfondato il portone di un ministero
sabato 5 gennaio 2019 Checchino Antonini
Gilet gialli, ancora 50mila in piazza in tutta la Francia. Scontri e arresti soprattutto a Parigi. Identità e prospettive di un movimento
Ortega, Macrì, Bolsonaro: que pasa in LatinoAmerica
martedì 25 dicembre 2018 Redazione
Governi "progressisti” in America latina: Malgrado un bilancio negativo, dal basso qualcosa sta nascendo! 
Bolsonaro ossessionato da Gramsci censura gli insegnanti
martedì 11 dicembre 2018 Redazione
Brasile, il ministro di Bolsonaro dichiara guerra alla scuola e agli insegnanti, sarebbero tutti scientisti e intellettuali organici di Víctor David López* Pochi concetti sono stati più chiari di quelli adoperati da Jair Bolsonaro, nella sua corsa verso la presidenza del Brasile, contro “l’indottrinante” sistema educativo brasiliano. Quello che “fondamentalmente spiega che il capitalismo è ...

culture

Genova, Circumnavigando alla diciottesima

Acrobati, funamboli, saltimbanchi. E Perfino santi a piedi nudi. Circumnavigando Festival a Genova

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Erri De Luca: Prontuario per il brindisi di Capodanno

Gli auguri per il 2019 della redazione di Popoff, il Prontuario per il brindisi di Capodanno di Erri De Luca

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Danza, il festival dentro un altro festival

Genova, Michela Lucenti e Nour al Sharq Festival chiudono Resistere e Creare, rassegna di danza contemporanea al Teatro delle Tosse

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Genova, il rifugio della fabbrica

Visita al rifugio di Campi costruito durante la seconda guerra mondiale che poteva ospitare fino 4500 persone.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Genova in 15 oggetti +1

La storia di Genova e della Liguria in una mostra di design che recupera oggetti della tradizione con qualche sorpresa.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Solo vino naturale nel cuore della Roma pasoliniana

SO2 si afferma nella capitale fra i primi rappresentanti del “movimento” dei vini naturali a Roma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Quando la lotta di classe è un film, di guerra

Cinema militante. Recensione a “In Guerra” di Stephane Brizé, con Vincent Lindon e Melanie Rover [Leonardo Staita]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.