giovedì 22 Ottobre 2020

Parla Milagro Sala, detenuta per aver sfidato l’oligarchia

Parla Milagro Sala, detenuta per aver sfidato l’oligarchia

Intervista con Milagro Sala, la leader Tupac, prigioniera politica in Argentina da oltre 50 mesi

di Noemí Arzamendia (APU) e Mayko Kito (Radio pubblica di Avellaneda) Foto: Manuel Fernández

Seconda settimana di febbraio. In tutta Jujuy, l’inizio del carnevale è vibrato con i “Jueves de Comadres” (Giovedì delle Madri), dove viene dissotterrato il Diavolo, cerimonia che dà inizio a molti confronti, feste, colori, riti e sapori. Sia i locali che i turisti si preparano a raggiungere le destinazioni più popolari per i festeggiamenti. Dalla Quiaca in giù, bambini e adulti palpitano per il fervore del carnevale. Ad eccezione di Milagro Sala, che è ancora detenuta ai domiciliari, nel quartiere Cuyaya della capitale jujeña. La rivoltosa leader che lo stesso giudice della Corte Suprema Pablo Baca ha riconosciuto come prigioniero politico in una registrazione ufficiosa di pochi giorni fa. Leader rivoluzionaria, riconosciuta a livello internazionale per il suo lavoro verso i più umili. “Mi ha insegnato Evita”, dice sempre. Ed è l’immagine dell’alfiere dell’umile che si distingue da tutte le immagini che popolano i muri della casa di Milagro, insieme a quelle di Cristina Fernández de Kirchner, Néstor Kirchner, Fidel Castro e di se stessa.

AGENCIA PACO URONDO e la Radio Pubblica Avellaneda sono andati a trovarla nel suo confino, per condividere discorsi, affetto e anche risate, nonostante il momento doloroso che sta attraversando da 4 anni e 70 giorni. Prima di raggiungerla, abbiamo dovuto passare attraverso il controllo di alcuni poliziotti in borghese che sono di stanza per strada, all’interno di un furgone grigio, vicino al suo cancello. Dopo aver registrato la nostra visita, siamo stati ricevuti dai compagni della Tupac Amaru, che vivono con lei e si prendono cura di lei durante la sua reclusione, insieme al suo compagno e a uno dei suoi nipoti.

Siamo qui a San Salvador con la nostra compagna Milagro Sala, che continua ad essere privato della sua libertà?

4 anni e 68 giorni fa. 4 anni del precedente governo e 68 giorni dall’insediamento di Alberto Fernandez, oggi 18 febbraio. Ebbene, eccomi qui.

Ci dica come sono stati questi tempi, fin dall’inizio.

Molto pesanti. Era una caccia a chi aveva meno ed era molto vicina a me e a tutta la famiglia. È stata una caccia impressionante ai nostri compagni. Tanto che le persone che indossavano le magliette Tupac sono state fermate da auto senza targa e picchiate a sangue. Più tardi abbiamo scoperto che erano agenti in borghese…

Come nei tempi peggiori…

Sì, come ai tempi della dittatura. Li picchiavano a sangue e li lasciavano a bocca aperta. Oltre a questo, si sono impadroniti di tutti gli edifici del Tupac, delle fabbriche. In alcuni casi si pensava che avrebbero continuato a lavorare, ma no. Li hanno distrutti e lasciati così. Oggi si vede pubblicamente qui a Jujuy che tutte le piscine sono state distrutte.

Dobbiamo ricordare che Milagro è in carcere per essere una donna, una donna di colore, un’india, e per aver messo i Blaquier* sul banco degli imputati.

Non solo i Blaquier, ma abbiamo gareggiato con l’impresa di costruzioni, dove abbiamo scoperto che l’edilizia lascia un sacco di soldi. A quel tempo, quando il governo dava loro i fondi per costruire 100 case, ne costruivano 10, il resto del denaro veniva preso da loro e sparso in giro ché quello che il governo dava loro non bastava. Abbiamo dimostrato che con pochi soldi si possono costruire case decenti e che c’è rimasto del denaro, e abbiamo anche costruito centri sanitari, centri culturali e fabbriche in undici località, non solo a San Salvador. Purtroppo il governo (di Gerardo Morales), non solo non si è preso cura delle fabbriche, ma ha cominciato a distruggere tutto ciò che aveva il sigillo della Tupac Amaru. In alcuni luoghi, i compagni hanno resistito. In altri, non hanno potuto resistere perché la repressione che hanno subito era troppo forte. Sono stati giorni orribili, perché c’erano tra i 30 e i 35 raid al giorno. Molti di noi che sono in prigione hanno resistito nelle carceri. Mi hanno portato in diversi posti. Hanno anche costruito una prigione dove ero sola, lì a El Carmen. Non mi sono divertita.

Quanti compagni sono ancora detenuti?

Ci sono attualmente 11 compagni in detenzione del Tupac. Sette sono donne, agli arresti domiciliari, come me, e gli altri quattro sono in una prigione comune.

E non c’è modo che vengano rilasciati.

Questo deve essere definito dalla giustizia. Se fosse per me, a quest’ora saremmo tutti liberi.

Si aspettava che con il governo di Alberto Fernández avreste potuto recuperare la vostra libertà? Sono passati 70 giorni che ti vediamo preda, in cui chiediamo il suo immediato rilascio. Suo e di tutti i suoi compagni.

Per noi Alberto non è l’unica chiave per la libertà. Quello che aspettavamo con urgenza è che non appena si fosse insediato, che la giustizia cambiasse, che fosse democratizzata. Perché purtroppo oggi la giustizia è presa in mano dai partiti politici dei governi al potere. Sia nel governo nazionale che nei governi provinciali. Qui a Jujuy oggi è pieno di giudici radicali e di Cambiemos. Tutti amici del potere di Morales. Quello che vogliamo è che questo cambi. Cambiando questo, la giustizia sarà democratica e avrà più indipendenza.

Pensa che sia conveniente per Morales che tu sia in prigione oggi?

Certo che gli fa bene. Lo stesso presidente della Corte suprema della provincia lo ha ammesso pochi giorni fa. Morales non ha alcuna opposizione. La sua unica opposizione è in prigione. Ha quattro co-partecipazioni che ha ricevuto da Macri e non ha alcuna spiegazione su ciò che ha fatto, ha prestiti internazionali, siamo indebitati in milioni di dollari. Non so davvero come Jujuy affronterà oggi questo debito. Il governo locale non ha nessuno che si opponga a questa situazione. Siamo molto indebitati. Capisco che il governo della nazione, ha iniziato a chiedere responsabilità, e Morales non ha modo di renderla. Cosa ne ha fatto di quel denaro? Non è solo un problema di debiti. Ha fatto quasi chiudere il mulino La Esperanza. Ha portato le fabbriche alla distruzione e alla chiusura. Non c’è controllo su quello che fanno con il litio. Tutte le piccole produzioni sono diminuite. Le grandi aziende stanno portando tutta la produzione all’estero e qui non è rimasto quasi nulla. I grandi uomini d’affari, come Blaquier, non pagano le tasse. Al contrario, oggi l’azienda di Blaquier è sovvenzionata dalla provincia.

Stiamo parlando dello stesso Blaquier che è stato favorito durante l’ultima dittatura. La settimana scorsa eravamo con la figlia dell’ex sindaco Aredez, scomparsa lo stesso giorno in cui è stata dichiarata la dittatura, nel 1976, per l’espropriazione di terreni che l’imprenditore si era illegalmente appropriato e per avergli fatto pagare le tasse.

Totalmente. Lo zuccherificio si trova su un terreno che Blaquier ha saccheggiato ai fratelli Guaraní, oltre al terreno che il dottor Aredez gli ha espropriato perché apparteneva al comune.

Cosa l’ha fatta diventare una caudilla, un’attivista della giustizia sociale?

Non so (ride), cosa so. Chiedete ai miei genitori! Dall’età di 16 anni, quando ho iniziato a militare nella gioventù peronista e da allora non mi sono più fermata, non ho potuto smettere di lavorare per gli umili fino ad oggi.

Lei è ancora militante…

Continuo, nonostante sia in questa prigione domestica, a lavorare molto con le “copas de leche“* e i centri comunitari. Abbiamo 250 copas de leche e abbiamo anche le mense. Nonostante il fatto che non riceviamo un solo peso dalla provincia, i nostri compagni continuano a fare lo sforzo e a lavorare instancabilmente per chi ha meno.

Cosa vorresti come Milagro?

Le parlo da cittadina comune. Il peronismo non ha mai avuto prigionieri politici***: voglio che continuiate a lavorare affinché tutti i prigionieri politici recuperino la loro libertà. Non solo quelli del Tupac, ma di tutto il paese. Ce ne sono molti. Tra questi, Amado Boudou, Luis D’Elía, Julio De Vido, che in un modo o nell’altro hanno fermato la possibilità di continuare la loro militanza, e sono ingiustamente detenuti. Non voglio solo che liberino Milagro Sala. Per questo insisto ancora una volta: chiedo la libertà per tutti i prigionieri politici del Paese. Oggi il Paese ha bisogno di essere ricostruito e quelli di noi che sono in prigione hanno le braccia per farlo. Questo è già storico. I governi liberali saccheggiano il paese, e quelli di noi che restano qui sono quelli che militano, quelli di noi che hanno uno stipendio comune e non prendono soldi all’estero. Ecco perché dobbiamo continuare a rafforzare tutti i settori.

I compagni di AGENCIA PACO URONDO e di Avellaneda Public Radio vi mandano tanto amore, forza e voglia di continuare a combattere.

Un abbraccio ai compagni, che mi danno sempre un riconoscimento e ne abbiamo bisogno anche per ricostruire il Paese, non solo economicamente, ma anche socialmente. Abbiamo bisogno di loro per sfondare quella dannata crepa.

 

*La persecuzione di Gerardo Morales contro Milagro Sala risale ai dissapori tra Carlos Blaquier, padrone dell’industria zuccheriera Ledesma e uomo molto vicino al governatore e la dirigente della Tupac Amaru, che ha sempre espresso la sua solidarietà con i familiari dei desaparecidos della cosiddetta noche del apagón del luglio 1977, quando il regime provocò un black out elettrico nella zona di Jujuy per sequestrare centinaia di oppositori al regime. Blaquier ebbe un ruolo di primo piano e la leader tupaquera svolse un ruolo da protagonista nel processo contro Blaquier, assolto dalle accuse per crimini di lesa umanità da una giustizia complice.

** La copa de leche è alla base del funzionamento di tutto l’ingranaggio. Si tratta dell’impegno e della collaborazione di volontari che per primi non posseggono nulla e che si riuniscono per dare del latte dolce, del mate ed empanadas ai bambini dei quartieri più degradati.

*** Non è esatto: Perón nel suo primo governo sì che incarceró militanti dei partiti di opposizione: comunisti, socialisti, ecc. E poi, durante la sua ultima presidenza, diede il via alla cosidetta AAA (Alianza Anticomunista Argentina), una organizzazione para-poliziesca che fu pioniera del terrorismo di Stato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.