I socialisti americani: «Sopravviveremo all’addio di Sanders»

I socialisti americani: «Sopravviveremo all’addio di Sanders»

Il nostro Movimento Socialista Democratico sopravviverà senza Bernie Sanders. E parlerà la lingua dei latinos

di Elisa Batista 
In mezzo alla carenza di maschere e ventilatori e all’aumento del numero di morti a causa della pandemia COVID-19, tra i democratici statunitensi ribolle un tranquillo clima di guerra civile. Ora che il senatore Bernie Sanders si è ritirato dalla corsa presidenziale lasciando il posto all’inequivocabile nomination del vicepresidente Joe Biden, i media tradizionali e tutti coloro che si sono opposti alla candidatura di Sanders dipingono il nostro movimento e Sanders come un tutt’uno.

Si sbagliano di grosso.

Negli ultimi due anni, come parte di un libro che sto scrivendo su come sfruttare il potere collettivo dei latinoamericani, o persone di origine spagnola, ho intervistato decine di leader latinoamericani e latini, compresi quelli apertamente socialisti. Si tratta di giovani e della classe operaia che, attraverso i muscoli della base, riescono a far sì che altri latinoamericani si uniscano alla nostra causa, si candidano per la carica e vincono.

Il numero dei futuri candidati alle presidenziali latinoamericane e latine – la deputata di New York Alexandria Ocasio-Cortez è solo uno dei tanti! – travolgerà la scena democratica con i giovani, la classe operaia e le persone desiderose di difendere i temi vicini e cari ai nostri cuori.

Come socialisti democratici che costruiscono un movimento sostenibile, dobbiamo e possiamo sollevare questi leader, e non permettere a nessuno, né in un partito politico, né in una qualsiasi corporazione o istituzione, di dipingere il nostro movimento come le lamentele di un gruppo di “fratelli Bernie”. Dobbiamo votare i nostri candidati a novembre, in modo che un presidente Biden sia incessantemente spinto a sostenere le cause vicine e care ai nostri cuori, come Medicare for All e le scuole pubbliche senza tasse scolastiche.

Abbiamo un futuro promettente davanti a noi.

Mentre la vittoria di Ocasio-Cortez nel 2018 ha forse avuto tutti i titoli dei giornali, una storia meno raccontata è quella degli altri giovani latino-americani e latino-americani eletti alla carica. I DSA non solo ne ha rivendicato uno nel 14° distretto di New York, ma ha anche spedito la colombiana e americana Julia Salazar al Senato dello Stato di New York. Inoltre, i socialisti indipendenti si sono aggiudicati un decimo dei 50 seggi del consiglio comunale di Chicago, “la più grande vittoria elettorale per i socialisti nella storia moderna americana”, ha dichiarato il Chicago Sun-Times. I latino-americani hanno contribuito a guidare questa tendenza.

Il capitolo del DSA di Chicago è stato co-presieduto da una latina, Lucie Macías. Inoltre, quattro membri dei DSA latino o latinoamericano – Carlos Ramirez-Rosa, Rosanna Rodríguez-Sánchez, Byron Sigcho-Lopez e Andre Vazquez – hanno vinto i seggi del consiglio comunale di Chicago nel 2019. (Vedi Democratic Left, Autunno 2019)

“E’ una testimonianza del fatto che le persone organizzate possono battere il denaro organizzato”, dice Kristian Hernandez, una tejana – una donna messicano-americana del Texas – e membro del Comitato politico nazionale dei DSA. “Ma forse la cosa più importante è che siamo stati in grado di usare queste vittorie per parlare del perché non vediamo più gente comune candidarsi alle elezioni”. Poter discutere su come appare la porta girevole della politica, dal diventare un politico al diventare un lobbista, e sul perché minare la grande classe capitalista è una necessità che si è fatta attendere da noi che crediamo nel vero significato della democrazia”.

La “porta girevole della politica” era in piena mostra, ed è stata sfidata da questi nuovi protagonisti latini – un atto d’accusa sul sistema attuale, in cui le aziende decidono chi viene eletto e premiano questi leader una volta che lasciano il loro incarico con posizioni di rilievo in aziende private. A Chicago, gli esperti hanno visto le vittorie dei membri dei DSA come un ripudio del neoliberalismo offerto dal confidente di Clinton e dal sindaco di Chicago Rahm Emanuel.

Durante il suo mandato di sindaco di Chicago dal 2011 al 2019, Emanuel “ha abbracciato un approccio corporativo alla governance, favorendo la privatizzazione, l’austerità… rispetto a politiche che avrebbero effettivamente avvantaggiato i residenti della classe operaia”, ha riferito Miles Kampf-Lassin di The Nation. Sotto la guida di Emanuel, le scuole pubbliche e le cliniche psichiatriche sono state chiuse, i lavoratori pubblici sindacalizzati sono stati licenziati, i servizi della città sono stati privatizzati e gli abusi della polizia e la violenza con le armi sono continuati senza sosta.

Prima di diventare sindaco, Emanuel è stato capo dello staff di Barack Obama e quando ha lasciato l’incarico è passato alla società di investimenti bancari di Wall Street Centerview Partners. Ocasio-Cortez lo ha chiamato in causa, così come il suo ex avversario, Joseph Crowley, che ora è un lobbista aziendale di K Street con la società Squire Patton Boggs. Lo studio rappresenta numerosi clienti che si oppongono a Medicare for All, alla tutela dei lavoratori e a molte delle questioni e dei valori che i latino-americani e il nostro movimento hanno a cuore.

“Se sei un membro del congress + leave, non dovresti avere il permesso di svoltare a destra e fare leva sul tuo servizio per un servizio ai lobbisti”, ha twittato Ocasio-Cortez. “Non credo che dovrebbe essere legale per TUTTI diventare un lobbista aziendale se hai prestato servizio al Congresso. Come minimo ci dovrebbe essere un lungo periodo di attesa”.

Oltre a smascherare i neoliberali democratici a New York e a Chicago, la classe operaia latina ha interrotto lo status quo nello stato altalenante dell’Arizona. Nelle elezioni del 2018, due latinoamericani che non avevano mai ricoperto cariche pubbliche prima d’ora, hanno vinto i seggi del consiglio comunale di Phoenix sui candidati del Partito democratico.

Betty Guardado, che ha iniziato la sua carriera come governante in un hotel di Phoenix, ha lanciato la sua candidatura al consiglio comunale come sindacalista per Unite Here Local 11, il sindacato locale dei lavoratori alberghieri. Ha tolto il seggio a Vania Guevara, consigliera ad interim del distretto, che in precedenza aveva lavorato in municipio per cinque anni.

Carlos Garcia, che è un attivista per i diritti dei migranti e organizzatore della comunità per l’organizzazione progressista Puente Arizona, ha anche tolto il seggio a Michel Johnson, un ex consigliere comunale di tre anni e poliziotto in pensione.

Molti leader latinoamericani e latini hanno iniziato la loro carriera politica lavorando per la campagna di Sanders o per un sindacato come quello dei lavoratori del settore culinario in Nevada, che ha aiutato Sanders a vincere i caucus democratici dello stato. Considerando la giovane età della comunità latinoamericana e lo status di classe operaia sproporzionato, è giusto dire che essi diventeranno – o continueranno a diventare – la futura leadership sindacale e il volto dei lavoratori statunitensi e del movimento socialista molto tempo dopo l’uscita di scena di Sanders.

Secondo il Pew Research Center, i latinoamericani sono il gruppo demografico più giovane della nazione, con un’età media di 28 anni. Per il contesto, l’età media per i bianchi americani è di 43 anni, seguita da 36 per gli asiatici e 34 per i neri americani. I latinoamericani sono una popolazione così giovane che un terzo di loro non è abbastanza grande per votare!

Ci sono 29 milioni di elettori latinoamericani eleggibili, e ogni anno circa 900.000 latinoamericani compiono 18 anni, il che ha ripercussioni su qualsiasi movimento sociale e sul panorama politico statunitense nel suo complesso. Solo in Texas, 800.000 nuovi elettori latino-americani hanno raggiunto i seggi nel 2018, superando gli elettori bianchi in molti distretti dello stato. Hernandez ha detto che i DSA stanno facendo significativi passi avanti nello Stato della Lone Star.
“La nostra organizzazione non ha avuto problemi a parlare con la classe operaia, perché siamo tutti persone della classe operaia”, ha detto Hernandez. Parliamo di lotta contro i furti di salario o di un salario di sussistenza, di tempo di malattia pagato, di Medicare for All”. Sono richieste che la gente vuole. Le persone sono arrabbiate con i loro capi, i loro padroni di casa, e cominciano a vedere che la radice dei loro problemi, in realtà, è una classe miliardaria che rende la vita difficile alla gente di tutti i giorni”.

Hernandez e i latino-americani DSA pensano di aver capito qualcosa. Per la prima volta in dieci anni da quando i sondaggi Gallup hanno iniziato a porre la domanda, i democratici hanno una visione più positiva del socialismo rispetto al capitalismo. In un sondaggio del 18 novembre 2019, la Gallup ha rilevato che il 65% dei Democratici vede il socialismo in modo positivo, rispetto al 55% che vede il capitalismo in modo positivo. I numeri si spostano verso il socialismo tra le persone di età compresa tra i 18 e i 34 anni. Circa il 52 per cento di tutti i Millenials e della generazione Zero vede il socialismo in modo positivo, mentre meno della metà – il 47 per cento – vede il capitalismo in modo positivo.

Tra i democratici, un enorme 50 per cento di questi giovani adulti vede il capitalismo in modo negativo. Ha senso che i Millenials e la generazione Zero siano attratti da un’ideologia del genere, dato che i costi per la laurea e le spese di base per la vita, come l’alloggio e l’assistenza sanitaria, sono aumentati a dismisura. Sono ormai lontani i tempi in cui i giovani potevano acquisire una laurea e un’esistenza da classe media, compresa la proprietà della casa e la creazione di una famiglia senza il sostegno di una qualche forma di ricchezza ereditaria.

Si noti che anche il sostegno tra i campioni del capitalismo sta svanendo dai tempi della guerra fredda, quando quel quadro economico era considerato l’unica soluzione accettabile al totalitarismo del blocco sovietico. La stessa struttura economica degli Stati Uniti è diventata terreno di contesa grazie a organizzazioni di base come i DSA! Forse l’esempio definitivo dell’impatto dell’impegno politico dei DSA e dei Latinos è la strana risposta finanziata dai contribuenti dell’amministrazione Trump, un rapporto di 72 pagine del Consiglio dei consulenti economici, “The Opportunity Costs of Socialism”. Il Consiglio vede il socialismo in modo negativo, naturalmente. Questo è lo stesso Consiglio che l’anno scorso ha avuto ragione sulla minaccia di una potenziale pandemia e il cui presidente di turno ha detto nel febbraio di quest’anno: “Non credo che il Corona sia una minaccia così grande come la gente la fa sembrare”.

Il monito del Consiglio contro il socialismo si apre con un avvertimento: “In concomitanza con il 200° anniversario della nascita di Karl Marx, il socialismo sta tornando in auge nel discorso politico americano”.

Considerando quello che stiamo vivendo oggi, che possa essere così.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.