mercoledì 3 Giugno 2020

Che cosa ne sarà del Noi/ Walden Bello: ora basta con la globalizzazione

Che cosa ne sarà del Noi/ Walden Bello: ora basta con la globalizzazione

Intervista di Mediapart a Walden Bello: ” La sinistra ha bisogno di armarsi per occuparsi della globalizzazione demoniaca” (Ludovic Lamant)
 

Sociologo filippino nato nel 1945, attivista e leader dell’ONG anti-globalizzazione Focus on Global South, noto per aver forgiato il concetto di “demon-globalizzazione” in un saggio pubblicato nel 2002 (tradotto in francese nel 2011 da Le Serpent à plumes), Walden Bello dà a Mediapart la sua analisi delle conseguenze dell’epidemia.

Quali lezioni ha imparato dall’attuale pandemia?

La globalizzazione è dannosa. Dopo la crisi finanziaria del 2008, innescata dalla globalizzazione dei servizi finanziari, avremmo già dovuto demondializzare la nostra produzione. D’altra parte, il mondo ha intrapreso una nuova fase di globalizzazione, guidata dalla Cina, intorno al concetto di “connettività”. Ispirati dal modello di accesso al modello di connessione per l’economia digitale, alcuni hanno cantato le lodi della “connettività” nelle infrastrutture e nei trasporti, in particolare nel trasporto aereo, che dovrebbe essere al centro di una felice globalizzazione.

Oggi, questa ‘connettività’ attraverso gli aerei è diventata il principale vettore per la diffusione ultraveloce del virus. E quando la Cina ha chiuso le sue industrie per far fronte al virus, il mondo è entrato in una crisi economica, perché questa “connettività” industriale aveva in molti casi dato origine a catene di fornitura che avevano origine in Cina.
La globalizzazione non è la strada verso la prosperità che i suoi sostenitori descrivono. È una strada verso il disastro. Il mondo imparerà la lezione questa volta? Questa è la grande domanda.

In che modo la “demon-globalizzazione” che lei sostiene è la risposta giusta alla crisi attuale?

A breve termine, non è possibile smantellare le catene già esistenti. A causa del comprovato rischio di carestia, se le filiere dei prodotti agricoli non funzionano più, ma anche a causa del rischio di depressione dell’economia, se le filiere di produzione industriale si arrestano. Tuttavia, pur consentendo loro di funzionare a breve termine, è possibile avviare, fin d’ora, processi di delocalizzazione della produzione agricola e industriale.
Questo è il terzo segnale, in meno di vent’anni, che dobbiamo porre fine alla globalizzazione. Nel 2007-2008, l’impennata dei prezzi delle materie prime alimentari ha causato un’enorme crisi alimentare. Nel 2008 e oltre, la crisi finanziaria ha portato ad una recessione dell’economia mondiale. Come dicono le regole del baseball negli Stati Uniti, “tre strike e sei fuori”.

Nel 2008 dicevi più o meno la stessa cosa e non ti hanno ascoltato. Perché questa volta dovrebbe essere diverso?

Molto prima del 2008, già nel 2000, sulla scia della crisi finanziaria in Asia, i miei colleghi ed io, nel Focus on Global South, sostenevamo la demon-globalizzazione. Il mio libro sull’argomento è stato pubblicato nei primissimi anni 2000. Alcuni in Europa – come Arnaud Montebourg, in vista delle elezioni presidenziali del 2012 – hanno fatto propria questa idea. Purtroppo, troppo pochi nel campo di sinistra. Sono soprattutto la destra e l’estrema destra, compresa Marine Le Pen, che hanno invocato la “rinazionalizzazione” dell’economia.
Altre forze di destra in Europa hanno adottato varie concezioni di “demon-globalizzazione”. In ogni caso, ciò è servito soprattutto a screditare il centro-destra e il centro-sinistra, identificati con il neoliberismo e il globalismo. Nei mesi a venire, la battaglia snocciolerà forze ormai profondamente screditate, che vorrebbero tornare al precedente status quo, a una forma di neoliberismo, contro l’estrema destra, che si schiererà a favore di una qualche forma di demon-globalizzazione, e di nazionalismo economico in una forma terrificante. La sinistra non è finora un attore serio in questo conflitto. Deve armarsi, definendo un programma intorno alla progressiva demono-globalizzazione.

Dei circa quindici pilastri che il tuo concetto di demon-globalizzazione comprende, quale le sembra il più urgente da realizzare a breve termine?

Smontare le catene di fornitura dell’agricoltura e dell’industria. Ma questo processo non deve essere lasciato alle multinazionali: deve essere fatto da un’alleanza tra società civile e progressisti. Si tratta di un cambiamento nella politica economica. Per raggiungere questo obiettivo, quindi, è necessario non solo che le forze progressiste partecipino al gioco politico, ma anche che vincano le battaglie elettorali.

Se si vogliono attuare i 15 punti del mio programma di “demon-globalizzazione”, alle elezioni devono emergere forze progressiste, non nazionalisti reazionari che usano il concetto di demon-globalizzazione come mezzo per liberarsi meglio dai diritti delle minoranze e reprimere i migranti.

Vista dalle Filippine, la pandemia sta accelerando il declino degli Stati Uniti e dell’Europa come l’ascesa della Cina?

Gli Stati Uniti non avevano bisogno del virus perché prendesse la strada del declino. Trump era già stato pesantemente coinvolto, tanto che anche i neoliberali in Europa sembravano temere che l’Ue avrebbe preso la stessa strada, sotto l’impatto delle decisioni prese da Washington.

La Cina sarà il nuovo egemone? Già prima della crisi della Covid-19, la crescita della Cina si era dimezzata rispetto ai primi anni 2000. La massiccia sovrapproduzione industriale stava minando la redditività delle sue industrie. Con il virus, l’economia cinese è entrata in recessione. Questa situazione rischia di trasformarsi in una depressione, poiché è fortemente dipendente dal commercio internazionale, che ha subito una forte contrazione.

Questo provocherà rabbia sociale in Cina, dove la gente è già irritata dalla gestione della crisi del Partito comunista. Sono convinto che il partito stia andando verso una crisi di legittimità che lascerà il segno, soprattutto perché il suo unico strumento per gestire questa rabbia sociale è la repressione. Gli Stati Uniti, come la Cina, sono entrambi presi in una spirale di declino.

Come possiamo fare in modo che l’estrema destra non capitalizzi ancora questo concetto di demon-globalizzazione?

Lo ha già fatto. E la sinistra è molto indietro. La sinistra socialdemocratica consolidata rimane intimamente legata alla globalizzazione neoliberale. Blair, Clinton, l’Olanda, Schröder e i loro alleati hanno scavato la tomba della politica progressista molto profondamente. La sinistra indipendente, che ha forgiato la critica della globalizzazione, sembra essere meglio posizionata. Lo dimostra il fatto che molti americani hanno accolto il messaggio di Bernie Sanders.
Nei Paesi del Sud, queste forze progressiste devono ancora superare i retaggi del maoismo e di altre forme settarie del marxismo, ma anche imparare la lezione della “rivoluzione rosa” in America Latina [“la marea rosa”, o lo “spostamento a sinistra” osservato soprattutto negli anni 2000 – ndr]. Questa panoramica è tetra, ma non dobbiamo dimenticare Gramsci in quei momenti: “Pessimista con l’intelligenza, ottimista con la volontà».

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.