Eat the rich! Usa, la rabbia cresce sempre di più

Eat the rich! Usa, la rabbia cresce sempre di più

Usa, la rabbia cresce sempre di più. Scontri in almeno 30 città, i negozi di Beverly Hills vandalizzati. Coprifuoco e centinaia di arresti

Anche mentre crescono le tensioni tra le forze dell’ordine e manifestanti per la morte di George Floyd, alcuni dirigenti di polizia e agenti si sono uniti ai dimostranti in segno di solidarietà. A volte chinandosi su un ginocchio – un atto di protesta popolare nel mondo sportivo americano per denunciare le iniquità razziali – come hanno fatto due agenti nel Queens, a New York, rimanendo in cerchio mentre venivano letti i nomi di altri afroamericani uccisi dalla polizia, come Trayvon Martin e Philando Castile. In Michigan lo sceriffo della contea di Genesee Chris Swanson ha marciato con i dimostranti, come pure il capo della polizia di Norfolk, in Virginia. In ginocchio anche alcuni agenti al Lafayette park nella capitale, davanti alla Casa Bianca, a Miami e a Santa Cruz. Tutti episodi circolati sui social e diventati virali. Ma in generale la polizia resta quella dei bianchi e le violenze contro chi osa manifestare si sono susseguite anche ieri. Così come i proclami repressivi di Trump che, dopo le frasi di circostanza a ridosso dell’omicidio di George Floyd, ha annunciato che dichiarerà terrorista Antifa, la galassia dei gruppi antifascisti protagonisti nelle piazze in questi giorno a fianco delle comunità afroamericane.  La polizia ha arrestato 2.564 persone in una ventina di città Usa nel weekend per le proteste contro la morte di George Floyd. È il bilancio del Washington Post. Circa un quinto è finito in manette a Los Angeles. Le accuse includono la violazione del coprifuoco, furto e danneggiamento. Le proteste di massa degli ultimi giorni in almeno 75 città americane potrebbero causare una nuova ondata di contagi di coronavirus, secondo il New York Times. Nelle manifestazioni ci sono migliaia o centinaia di persone, spesso senza mascherina, e comunque senza alcun distanziamento sociale. Ma anche i metodi di contenzione e le pratiche di ingaggio della polizia non hanno alcun rispetto, secondo le denunce delle organizzazione per i diritti civili, delle precauzioni sanitarie.

Chris Swanson, capo della polizia nella contea di Genesee

 

La repressione attraversa l’Atlantico e la polizia londinese ha arrestato 11 manifestanti che partecipavano a un raduno davanti all’ambasciata degli Stati Uniti di Londra in memoria di Goerge Floyd. Lo riferisce la Metropolitan Police in una serie di tweet. Gli arresti, avvenuti in momenti diversi, sono scattati per varie accuse, dal possesso di arma alla violazione delle restrizioni contro il coronavirus. 

Torniamo in America. Da New Orleans, Louisiana, l’ inviato speciale del sito francese Mediapart, racconta di «Mille persone scortate da due poliziotti in moto, due raduni pacifici nel rispetto della distanza fisica e con le maschere, polizia che usa il social network Twitter per salutare “il modo in cui i manifestanti si sono comportati nell’esercizio del loro diritto alla libertà di espressione”: ancora una volta, New Orleans ha segnato la sua singolarità negli Stati Uniti».


Con l’intensificarsi delle proteste nelle principali città statunitensi, sabato, la popolazione prevalentemente afroamericana della principale area metropolitana della Louisiana è rimasta calma, “Questi scontri stanno offuscando il messaggio che vogliamo inviare e far arrivare alle autorità”, ha detto Andrew, un trentenne stanco, dopo aver passato la notte a guardare i disordini che avevano già infiammato il Paese venerdì sera.
Lui e il suo gruppo di amici sono venuti a onorare la memoria di George Floyd, l’afroamericano morto lunedì a Minneapolis dopo un brutale arresto in cui un agente di polizia ha messo il ginocchio sul collo della vittima per lunghi minuti mentre lei lo pregava di lasciarla respirare. “Al di là di questo tragico caso, vogliamo denunciare le violenze che si verificano ogni giorno in ogni città di questo Paese contro gli afroamericani e chiedere un cambiamento in questo sistema malsano”, ha dichiarato Andrew, che non scendeva in piazza da molti anni, all’inviato francese.

Foto di dal New Yorker

  • gayla-facey08
  • gayla-facey14
  • gayla-facey06
  • gayla-facey05
  • gayla-facey13
  • gayla-facey03
  • gayla-facey11
  • gayla-facey07
  • gayla-facey00
  • gayla-facey12
  • gayla-facey01
  • gayla-facey02
  • gayla-facey10
  • gayla-facey09
  • gayla-facey04

La quiete sulle rive del fiume Mississippi è in contrasto con gli eventi che si sono svolti ieri in più di 30 città americane. A Los Angeles, teatro dei disordini del 1992, la tensione si è inizialmente concentrata nel quartiere di Beverly Hills. A Rodeo Drive, una delle vie dello shopping più costose del mondo, le boutique di lusso sono state saccheggiate al grido di “Eat the rich!». La rabbia dei manifestanti si è poi diffusa nelle strade adiacenti. Due auto della polizia sono state incendiate e cinque membri delle forze di sicurezza sono rimasti feriti.

Scene simili si sono verificate ad Atlanta e New York. Lì il dramma è stato evitato per un pelo. Una bottiglia molotov è stato gettata all’interno di un veicolo della polizia in corsa. “È un miracolo che nessuno sia stato ucciso”, ha reagito Dermot Shea, il capo della polizia locale, in una conferenza stampa. Da parte sua, il sindaco Bill de Blasio ha sottolineato il “razzismo sistematico” che affligge il suo Paese: “Non possiamo andare avanti così.La crisi del coronavirus ha creato un dolore profondo che si fa sempre più sentire nella comunità afroamericana”.


A Chicago, la rabbia è stata diretta anche verso le forze dell’ordine. Un poliziotta è stata trascinata a terra e picchiata, come si vede in un video che viene diffuso sui social network.La crisi del coronavirus ha creato un dolore profondo che si fa sempre più sentire nella comunità afroamericana”.
A Chicago, la rabbia è stata diretta anche verso le forze dell’ordine. Un agente di polizia donna è stato trascinato a terra e picchiato, come si vede in un video che viene diffuso sui social network. A Indianapolis, un manifestante è stato ucciso da un colpo di pistola. È in corso un’indagine per determinare le ragioni di questa tragedia. A Ferguson, nel Missouri, una stazione di polizia è stata bruciata e ha dovuto essere evacuata.
A Minneapolis, la città da cui sono iniziati i disordini tre giorni fa, le forze di sicurezza hanno caricato diverse centinaia di manifestanti che stavano sfidando il coprifuoco imposto alle 20.00. Vestiti con il loro equipaggiamento antisommossa, hanno sparato fumo e granate sonore per proteggere una stazione di polizia e respingere un gruppo di persone che lanciavano loro oggetti da un’auto. “La situazione attuale non ha assolutamente nulla a che fare con l’omicidio di George Floyd”, ha detto il governatore del Minnesota Tim Walz. Per allentare le tensioni, Walz ha annunciato di aver mobilitato l’intera Guardia Nazionale del Minnesota, composta da 13.000 persone. E’ stata una decisione storica per lo Stato.
Di fronte all’aumento della violenza nel Paese, la strategia scelta da Tim Walz – l’imposizione del coprifuoco e l’uso delle forze armate – si è estesa ad altri Stati. Venticinque città in 16 stati hanno dichiarato il coprifuoco per il sabato sera o fino a lunedì mattina. Tra questi ci sono Los Angeles, Atlanta, Miami, Denver, Nashville e Seattle. La Guardia Nazionale è stata dispiegata in una dozzina di stati, così come nel Distretto di Columbia, dove si trova la capitale Washington. In quella città, i manifestanti si sono riuniti ancora una volta davanti alla Casa Bianca. Sotto le finestre della residenza del presidente, gridavano il nome di Donald Trump.

Il miliardario ha trascorso gran parte della giornata di ieri in Florida, dove ha assistito al lancio di una navetta spaziale sviluppata da SpaceX, la prima società privata a lanciare astronauti nello spazio.
Oltre alle celebrazioni, ha parlato della situazione attuale del Paese. Dopo aver denunciato la “tragica” morte di George Floyd, ha promesso di “fermare la violenza collettiva”, che ha attribuito “a gruppi dell’estrema sinistra radicale” e in particolare “antifa”.Ha insistito su questo punto: “Non dobbiamo permettere che un piccolo gruppo di criminali e vandali distrugga le nostre città”.
Questi commenti seguono una serie di messaggi polemici pubblicati sabato mattina sul social network Twitter dal presidente americano. In un avvertimento fortemente formulato, ha detto che i manifestanti sarebbero stati “accolti dai cani più feroci e dalle armi più minacciose” che avessero mai visto se avessero attraversato il recinto della Casa Bianca durante i disordini di venerdì sera.
Il suo avversario alle prossime elezioni presidenziali di novembre, il democratico Joe Biden, ha definito le proteste “giuste e necessarie”. “Gli ultimi giorni hanno dimostrato che siamo una nazione furiosa contro l’ingiustizia. Ogni persona può capire la brutalità del trauma vissuto dalle persone di colore in questo Paese”, ha detto, denunciando la violenza degli ultimi giorni.

Nelle manifestazioni sono attivi tutti i partiti e i gruppi della sinistra radicale del paese. Dei Dsa, il socialisti democratici, organizzazione marxista indipendente che ha fiancheggiato la campagna di Sanders abbiamo scritto nei giorni scorsi. «L’assassinio di George Floyd è un atto di terrore e di vigliaccheria da parte della polizia che dimostra il totale disprezzo per i diritti umani e la dignità dei poveri e dei lavoratori – scrive il Partito comunista americano – un afroamericano disarmato e innocente è stato lentamente giustiziato da “agenti di pace”, ai quali è stato affidato e giurato di proteggere i propri concittadini. «Ciò che il Dipartimento di Polizia di Minneapolis e la Città di Minneapolis hanno dimostrato ancora una volta è che proteggono i privilegi, la proprietà e la struttura di potere della classe capitalista monopolista. Nulla è cambianto rispetto a Strange fruit», si legge ancora con riferimento a una poesia scritta da un comunista, Abel Meeropol, nel 1937 che divenne una canzone eseguita da Billie Holiday nel 1939. «Le cose sono peggiorate da quando William L. Patterson e Paul Robeson hanno presentato la petizione We charge genocide! alle Nazioni Unite nel 1951. Nulla cambierà finché noi, come nazione di persone, non metteremo apertamente e sinceramente in discussione la mentalità del “profitto sulle persone” negli Stati Uniti. Il capitalismo monopolistico non è mai morto nelle Americhe! Persiste continuamente, come dimostrano gli eventi di Minneapolis, e le sue vittime sono i poveri e i membri della classe operaia della società!».

Anche Solidarity, un’organizzazione più vicina al trotskismo, ricorda che «L’omicidio di Floyd è l’ultimo di una serie di omicidi di poliziotti neri che risale almeno all’uccisione di Michael Brown a Ferguson, Missouri, nel 2014, e ancora più indietro al pestaggio di Rodney King da parte della polizia di Los Angeles nel 1991, uno dei primi pestaggi di questo tipo ripresi su pellicola. Mentre le fosche statistiche di malattia e morte sono emerse nelle ultime settimane e negli ultimi mesi dalla pandemia di Covid-19, è diventato chiaro che le persone di colore sono state le principali vittime della crisi sanitaria. L’omicidio di George Floyd ci ricorda che la brutalità della polizia non è stata messa in quarantena durante la pandemia».

La protesta dilaga, anche nello sport. Da Lebron James ai tweet di Kylian Mbappè, da Naomi Osaka ai sei giocatori Nba che hanno manifestato per strada tra la folla, dai calciatori della Bundesliga che si sono inginocchiati ‘alla Kaepernick’ o hanno mostrato la scritta «giustizia per George Floyd» dopo aver segnato, il mondo dello sport è in prima fila nelle manifestazioni per la morte dell’afroamericano bloccato a terra con un poliziotto che gli stringeva il collo col peso del corpo. Tra tutte le immagini della protesta dello sport resterà quella di Tyson Carter, campione del Superbowl 2008, in versione Black Panther, a pugni alzati come Tommie Smith. Lo ha scritto Kareem Abdul Jabbar (icona degli afroamericani) sul LA Times: «il virus del razzismo che infetta questo paese è più mortale del Covid-19» e la gente di colore non ne può più. Ed ecco allora che tornano i simboli della protesta, anche quella dura, e l’ex asso della Nfl Tyrone Carter, campione nel 2008 con Pittsburgh, mostra il pugno chiuso come fecero Tommie Smith e John Carlos dal podio dell’Olimpiade messicana del 1968. Le Black Panthers sono di nuovo qui, e c’è un pugno chiuso, questa volta disegnato, anche sul cartello che Justin Anderson dei Philadelphia 76ers mostra mentre cammina in mezzo ai manifestanti, mentre Malcom Brogdon degli Indiana Pacers dà voce all’indignazione generale tramite megafono. Non sono più campioni strapagati, ma afroamericani che protestano con la loro gente, Naomi Osaka è la tennista che l’anno scorso ha guadagnato di più, ma ‘brothers’ e ‘sisters’ sono decisi a far capire che così non si può più andare avanti. Il loro ‘mantra’ è lo stesso di Jabbar, l’inventore del ‘gancio cielo’ che a Los Angeles ha in Lebron James un emulo non solo per talento ma anche come paladino dei diritti civili. Così mentre la superstar degli anni ’70 spiega che, purtroppo, «si è riaperta la stagione della caccia al nero», Lebron si allena in maglietta con la scritta «Non posso respirare». Violenza e saccheggi sono da stigmatizzare, ma la misura è colma perché «la principale preoccupazione della gente di colore in questo momento – scrive Jabbar – è che i loro figli, mariti, mogli, fratelli e padri rischiano di essere assassinati dalla polizia solo per essere andati a fare una passeggiata o per essersi messi alla guida». E allora basta, grida lo sport americano, e pugno al cielo, mentre in Germania, su un campo di calcio, il Borussia ne fa cinque al Paderborn e un inglese e un marocchino, Sancho e Hakimi, mostrano la maglietta con la scritta «Giustizia per George Floyd» dopo aver segnato. Questa volta, è la tesi di Jabbar, il Presidente Donald Trump non potrà far finta di niente. Ma intanto l’America brucia, i campioni sono in strada tra la gente e i pugni sono alzati. 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.