10.6 C
Rome
martedì 19 Gennaio 2021
10.6 C
Rome
martedì 19 Gennaio 2021
Home quotidiano movimento "Tu ci chiudi, tu ci paghi" anche a Roma

“Tu ci chiudi, tu ci paghi” anche a Roma

Sabato Roma va in piazza: “E’ il momento”.  Appuntamento alle ore 18.00 in Piazza Indipendenza

Sabato 31 ottobre a Roma è stata convocata da una larga coalizione di movimenti sociali e sindacali una manifestazione cittadina per mettere nero su bianco gli obiettivi sui quali affrontare questa fase di crisi economica e pandemica. L’appuntamento è alle ore 18.00 in Piazza Indipendenza.

Ecco l’appello unitario di convocazione:

È il momento.

È il momento per chi crede che il Covid-19 sia un nemico comune, pericoloso e assassino.

È il momento per chi crede nel personale sanitario che combatte in prima linea difendendo le nostre vite dentro un sistema sanitario martoriato dai tagli.

È il momento per chi sta pagando il prezzo più alto dei lockdown mentre i padroni di Amazon, Google e di un pugno di multinazionali vedono i loro profitti impennarsi del 300%.

È il momento per chi si è ritrovato senza tutele, senza possibilità e con tanta solitudine intorno.

È il momento per chi è precario e precaria, per chi ha perso il lavoro, per chi rischia di perdere la casa, per chi sta perdendo la dignità dovendo chiudere la propria attività – che siano botteghe, piscine e palestre, pub e ristoranti.

È il momento di chiedere a gran voce di investire sul trasporto pubblico locale, nodo cruciale per battere la pandemia

È il momento per chi crede che cultura, cinema e teatro non siano un lusso ma una forza fondamentale della vita democratica, economica e culturale del paese.

È il momento per gli studenti e le studentesse che stanno subendo decisioni dall’alto senza mai essere ascoltati.

È il momento per chi non vuole più negazionisti e fascisti in piazza.

Se sono necessari i lockdown e le misure di contenimento allora devono essere necessarie anche le misure economiche a difesa della popolazione.

Vogliamo un reddito universale, vogliamo una patrimoniale che tassi i milionari e le multinazionali, vogliamo che vengano fermati sfratti e sgomberi, vogliamo un investimento nel comparto medico e l’aumento dei posti in terapia intensiva, vogliamo una scuola di qualità su cui si investa, vogliamo sostegno alle attività culturali e sociali del paese.

Vogliamo curarci senza morire di fame, senza avere paura del futuro o di trovarci senza garanzie di fronte all’incertezza di questi tempi.

TU CI CHIUDI, TU CI PAGHI!
Vogliamo andare a dirlo fin sotto il MEF!

ROMA è IN PIAZZA //
Sabato 31 Ottobre 2020// ore 18//Piazza Indipendenza

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio

Cancellare il debito si può. Ce lo dice l’Europa

Il principio "pacta sunt servanda" - per cui uno Stato deve rispettare gli obblighi - non è assoluto. Importante sentenza europea [Eric Toussaint]

What’s Next for the Left? Qual’è il prossimo passo per la sinistra Usa

Mentre Biden si prepara a prestare giuramento il 20 gennaio, come si configura questa prospettiva per la sinistra statunitense? [Barry Eidlin]

Eshkol Nevo, la salvezza senza tragedia

La morte della tragedia nei "Tre Piani" di Eshkol Nevo, edito da Neri Pozza e messo in scena da un film di Nanni Moretti [Margherita Marchetti]

La distanza dalla scuola della Dad

Scuola, la Dad/Ddi non è la soluzione ma è parte del problema. L'intervento di tre collettivi: Ninand@, Castelliascuola, Cattive Ragazze