18.1 C
Rome
lunedì 19 Aprile 2021
18.1 C
Rome
lunedì 19 Aprile 2021
Homequotidiano movimento"Tu ci chiudi, tu ci paghi" anche a Roma

“Tu ci chiudi, tu ci paghi” anche a Roma

Sabato Roma va in piazza: “E’ il momento”.  Appuntamento alle ore 18.00 in Piazza Indipendenza

Sabato 31 ottobre a Roma è stata convocata da una larga coalizione di movimenti sociali e sindacali una manifestazione cittadina per mettere nero su bianco gli obiettivi sui quali affrontare questa fase di crisi economica e pandemica. L’appuntamento è alle ore 18.00 in Piazza Indipendenza.

Ecco l’appello unitario di convocazione:

È il momento.

È il momento per chi crede che il Covid-19 sia un nemico comune, pericoloso e assassino.

È il momento per chi crede nel personale sanitario che combatte in prima linea difendendo le nostre vite dentro un sistema sanitario martoriato dai tagli.

È il momento per chi sta pagando il prezzo più alto dei lockdown mentre i padroni di Amazon, Google e di un pugno di multinazionali vedono i loro profitti impennarsi del 300%.

È il momento per chi si è ritrovato senza tutele, senza possibilità e con tanta solitudine intorno.

È il momento per chi è precario e precaria, per chi ha perso il lavoro, per chi rischia di perdere la casa, per chi sta perdendo la dignità dovendo chiudere la propria attività – che siano botteghe, piscine e palestre, pub e ristoranti.

È il momento di chiedere a gran voce di investire sul trasporto pubblico locale, nodo cruciale per battere la pandemia

È il momento per chi crede che cultura, cinema e teatro non siano un lusso ma una forza fondamentale della vita democratica, economica e culturale del paese.

È il momento per gli studenti e le studentesse che stanno subendo decisioni dall’alto senza mai essere ascoltati.

È il momento per chi non vuole più negazionisti e fascisti in piazza.

Se sono necessari i lockdown e le misure di contenimento allora devono essere necessarie anche le misure economiche a difesa della popolazione.

Vogliamo un reddito universale, vogliamo una patrimoniale che tassi i milionari e le multinazionali, vogliamo che vengano fermati sfratti e sgomberi, vogliamo un investimento nel comparto medico e l’aumento dei posti in terapia intensiva, vogliamo una scuola di qualità su cui si investa, vogliamo sostegno alle attività culturali e sociali del paese.

Vogliamo curarci senza morire di fame, senza avere paura del futuro o di trovarci senza garanzie di fronte all’incertezza di questi tempi.

TU CI CHIUDI, TU CI PAGHI!
Vogliamo andare a dirlo fin sotto il MEF!

ROMA è IN PIAZZA //
Sabato 31 Ottobre 2020// ore 18//Piazza Indipendenza

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Omicidio Bergamini, chiesto processo per l’ex fidanzata

Omicidio Bergamini. Il 2 settembre l’udienza preliminare per il rinvio a giudizio di Isabella Internò

San Didero, situazione critica: «Non lasciateci soli»

Aggiornamenti da San Didero. Il movimento No Tav, intanto, diffonde video sull'usanza poliziesca di lanciare lacrimogeni ad altezza d'uomo

Nel mondo vincono gli autocrati, ma le resistenze continuano

Il 68% dell'umanità vive in regimi autoritari. Un rapporto indica un nuovo anno nero per la democrazia liberale ma... [Fabien Escalona]

Val Susa, lacrimogeni ad altezza d’uomo, grave un’attivista No Tav

Giovanna dovrà essere operata. La polizia: ferite incompatibili con un lacrimogeno. Perché la protesta a San Didero

Il virus della stanchezza

Il Covid-19 ci spinge verso una stanchezza collettiva. Perché ci sentiamo così stanchi? [Byung-Chul Han]