Così Ferrero prova a comprarsi gli ambientalisti

Così Ferrero prova a comprarsi gli ambientalisti

Ferrero voleva pagare un’associazione ambientalista in Normandia per costruire una piattaforma logistica in un’area naturale pregiata (Manuel Sanson) 

La manovra è fallita ma la multinazionale Ferrero non ha risparmiato alcuno sforzo. Desiderosa di insediarsi a Criquebeuf-sur-Seine, nel dipartimento dell’Eure, la società, che prevede di iniettare 30 milioni di euro nel nuovo sito, ha lavorato dietro le quinte per ottenere il ritiro di un’azione legale, intentata dalle sezioni normanne di France nature environnement (FNE) e dalla Lega per la protezione degli uccelli (LPO), che mira a far annullare le autorizzazioni prefettizie necessarie per l’avvio del sito.

Secondo le nostre informazioni, dopo l’introduzione di questa richiesta davanti al tribunale amministrativo di Rouen, Ferrero e Gemfi, proprietario del terreno situato sulla A13 non lontano da un centro commerciale, hanno assunto con discrezione il patrocinio della LPO della Normandia senza mettere in gioco la FNE Normandia.

Insieme, i due enti hanno redatto un Memorandum d’intesa riguardante il finanziamento da parte di Ferrero di misure compensative in relazione alla distruzione di una specie di uccello protetta. Sempre secondo le nostre informazioni, Ferrero si impegna a investire 75.000 euro in 25 anni su due appezzamenti di terreno, circa 1 ettaro in totale, vicino al futuro magazzino. L’obiettivo è quello di trasformare l’area in un prato incolto e in un deserto sassoso per creare un luogo di nidificazione per le specie legnose, e più in particolare per il chiurlo comune, una specie protetta minacciata dalla futura piattaforma logistica.

il progetto della piattaforma Ferrero

Il gruppo promette inoltre di pagare la LPO Normandie per 25 anni in giorni lavorativi per la manutenzione, il monitoraggio e lo studio della fauna e della flora del sito. “In totale, si tratta di decine di migliaia di euro”, commenta una fonte vicina al dossier. Secondo le nostre informazioni, il memorandum d’intesa prevede un tetto massimo annuo di oltre 10.000 euro. Si tratta di un bel colpo di fortuna finanziario per la LPO Normandia.
Interrogato da Le Poulpe (sito di inchiesta partner di Mediapart), Jean-Pierre Frodello, direttore dell’associazione, conferma l’esistenza di un tale progetto di protocollo. Secondo lui, Gemfi e Ferrero sono impegnati a investire “100.000 euro per lo sviluppo di 2 ettari”. La LPO verrebbe pagata “circa 10.000 euro al massimo ogni anno per 25 anni”.

Solo che… c’è un piccolo intoppo. Per entrare in vigore, il memorandum d’intesa prevede che l’azione legale, presentata il 4 settembre, venga semplicemente ritirata. Secondo le nostre informazioni, la LPO Normandia, dopo aver negoziato con Ferrero, è andata a fare pressione sul suo partner FNE Normandia affinché anche quest’ultimo accetti di abbandonare il procedimento legale.

Il caso sta facendo molto rumore nei corridoi della federazione regionale, con una maggioranza di dirigenti che si rifiutano categoricamente di “andare a letto” con Ferrero in cambio di un pagamento. “Fa piuttosto caldo. La LPO della Normandia ha persino minacciato di ritirarsi dal FNE”, dice un ambientalista della Normandia.

l’Occhione comune

Jean-Pierre Frodello nega l’esistenza di una tale minaccia, pur riconoscendo “una differenza di opinioni” con FNE Normandie. “Riteniamo di aver fatto dei progressi. Ferrero e Gemfi avevano fatto delle concessioni concedendo più mezzi e garantendo una migliore compensazione. Da parte nostra, avevamo accettato di ritirare l’appello. In un compromesso, tutti devono fare un passo”, sostiene. Jean-Pierre Frodello nega anche di aver tenuto fuori dalle discussioni FNE Normandie. “Un documento di lavoro è stato presentato loro, sono stati loro a decidere di lasciare il gruppo di negoziazione”, riferisce.

Una cosa è certa: i rapporti tra FNE e LPO sono stati talvolta burrascosi. Qualche anno fa, France nature environnement e LPO si sono separate a livello nazionale, mentre la sezione regionale LPO ha recentemente lasciato FNE nelle Hauts-de-France. All’interno del movimento delle associazioni ambientaliste, la LPO è ora percepita da alcuni come troppo vicina alle autorità locali e alle aziende private.

In Normandia, la FNE ha resistito e il caso è ancora pendente davanti al tribunale di Rouen. D’altro canto, la LPO Normandia si è ritirata dal procedimento senza lasciare la federazione. “La questione è stata discussa internamente, alcuni membri erano ostili alla firma dell’accordo con Ferrero”, dice uno stretto membro del movimento ambientalista normanno.

Secondo lo stesso Jean-Pierre Frodello, la posizione della LPO Normandia è oggi “un po’ complicata”. Non è più coinvolta nell’azione legale pur essendo membro della FNE Normandie che, a sua volta, agisce ancora nel tribunale amministrativo contro Gemfi e indirettamente contro Ferrero.

Contattata da Le Poulpe, la società Ferrero ha risposto da parte sua, rifiutandosi di commentare il suo approccio alle trattative con la LPO. “Ferrero si impegna a rispettare il ricorso presentato contro il progetto e desidera mantenere una posizione di dialogo e di apertura con tutti i suoi stakeholder”, informa l’ufficio comunicazione della multinazionale. Secondo le nostre informazioni, il protocollo d’intesa è stato siglato da Alberto Cavalleris, direttore amministrativo e finanziario del gruppo.

In nessun momento il nostro interlocutore prevede di abbandonare il progetto Criquebeuf-sur-Seine per prendere in considerazione un altro sito. “C’è una forte possibilità di cercare una soluzione altrove”, ha detto Augusto Rotelli, portavoce di Ferrero, intervistato martedì dalla Paris-Normandie. La comunicazione di Ferrero è sicuramente molto difficile da decifrare.

Alla luce dell’intransigenza della FNE Normandie, il recente protocollo negoziato con Ferrero non sarà quindi applicabile. Questo progetto di sviluppo sembra essere molto sensibile. Tanto che, secondo le nostre informazioni, diversi rappresentanti eletti influenti della Seine-Maritime hanno fatto propria la causa dell’associazione normanna per incitarla, ancora una volta, ad abbandonare il procedimento giudiziario. Con lo stesso obiettivo, si dice che il gruppo Ferrero abbia più volte chiamato un direttore della FNE. Senza successo. Interrogato su questo punto, Ferrero non ha risposto.

La FNE sta portando avanti la battaglia legale da sola. L’organizzazione ritiene che questo progetto logistico non debba avere luogo in quella sede. “Nell’approccio “evitare, ridurre, compensare”, c’è “evitare”, argomenta un quadro della FNE. Chiede alla Ferrero di rivedere i suoi progetti, in particolare per quanto riguarda lo stabilimento di Nutella a Villers-Écalles nella Seine-Maritime.

Oggi il sito di Criquebeuf-sur-Seine è di grande interesse faunistico. Per questo motivo Gemfi e Ferrero hanno dovuto ottenere una dispensa prefettizia sulla distruzione delle specie protette di Occhione comune. Ed è per lo stesso motivo che alcuni ecologisti sono contrari all’urbanizzazione di 17 ettari di spazio naturale.

Per opporsi al progetto, gli ambientalisti si basano, tra l’altro, su due documenti ufficiali prodotti durante l’inchiesta pubblica. Questi due documenti evidenziano numerosi difetti nel dossier Ferrero. Sotto l’egida della Prefettura, l’autorità ambientale, in un parere emesso nel 2019, ha raccomandato che “il committente del progetto fornisca dettagli sulle scelte alternative del sito e in particolare dimostri che la scelta di Criquebeuf corrisponde a quella con il minor impatto”. “In termini di soluzioni alternative, il dossier non sembra essere sufficientemente motivato e lo stesso parere viene sviluppato. L’autorità ambientale raccomanda che il proprietario del progetto giustifichi meglio il trasferimento dell’attività al sito di Criquebeuf in termini di impatto ambientale».

Il Consiglio Nazionale per la Protezione della Natura, che in un parere sfavorevole dell’aprile 2019, è ancora più fortemente critico: “Incomprensibilmente, mentre gli inventari rilevano la presenza di 32 specie di uccelli protetti sul sito, solo l’Occhione comune è incluso nella domanda di esenzione. La mancata considerazione di tutte le altre specie, alcune delle quali sono specie ad alto stadio come la pavoncella, non è giustificata nel progetto».

uno scorcio della Senna a Criquebeuf-sur-Seine

Questo riduce l’impatto a 0,6 ettari per l’Occhione come edema vescicante, mentre l’impatto residuo è di 17 ettari di habitat per la riproduzione e l’alimentazione di molte specie di uccelli protetti”, ha precisato l’ente pubblico. La tabella riassuntiva mostra un basso impatto residuo per tutte le specie di uccelli ad eccezione dell’Occhione, mentre le misure di riduzione sono minime e non giustificano in alcun modo una riduzione del livello di impatto in considerazione delle vaste aree di habitat distrutti. »

E fa capire il punto: “La strategia di compensazione non è guidata da alcuna metodologia di dimensionamento. Le perdite non vengono valutate, né i potenziali guadagni. Lo sviluppo di due appezzamenti di un ettaro favorevoli alla riproduzione dell’occhione è una buona idea, ma qual è lo stato iniziale? Qual è il potenziale guadagno ecologico?»

Nonostante queste forti critiche, nel febbraio 2020 il commissario istruttore ha espresso un parere favorevole sul progetto. È su questa opinione che Ferrero oggi fonda la sua difesa. “L’inchiesta pubblica condotta dalla Prefettura di Eure ha concluso il 4 ottobre 2020 che “il pubblico è stato informato in modo molto soddisfacente e in conformità con la normativa”, “la procedura è stata svolta in conformità con la legislazione e in buone condizioni materiali”, “il dossier del progetto è stato redatto in conformità con le disposizioni legislative e regolamentari”, “il progetto si inserisce in modo soddisfacente nel suo ambiente”, spiega l’ufficio comunicazione dell’industriale.

“La situazione è ben lungi dall’essere perfetta, crede Jean-Pierre Frodello. Ma il memorandum d’intesa negoziato ha permesso di migliorare il progetto aggiungendo, in particolare, specie di uccelli dimenticati, come la pavoncella, allo studio d’impatto iniziale. “A chi accusa la LPO Normandia di essere stata “comprata” da Ferrero, il suo direttore risponde: “Il nostro obiettivo è proteggere la biodiversità, non vincere un ricorso legale».

Questo ragionamento è a dir poco sorprendente, visto che negli ultimi anni i procedimenti giudiziari in Francia hanno permesso di bloccare progetti di sviluppo dannosi per la biodiversità o per il clima.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.