21.4 C
Rome
martedì 3 Agosto 2021
21.4 C
Rome
martedì 3 Agosto 2021
HomemalapoliziaUsa, la polizia razzista non va mai in vacanza

Usa, la polizia razzista non va mai in vacanza

La condanna dell’assassino di George Floyd sembrava una vittoria. Poi la reazione razzista e l’omicidio di Ma’Khia Bryant [Elie Mystal]

Il suprematismo bianco non si ferma mai. Non si prende mai un giorno di riposo. Le sue forze non abbandonano mai il campo di battaglia, anche dopo una sconfitta. Il suprematismo bianco non si ritira; si trincera.
Il 20 aprile, una giuria di Minneapolis ha dichiarato l’ex agente di polizia Derek Chauvin colpevole dell’omicidio di George Floyd. Il verdetto è arrivato dopo mesi di proteste a livello nazionale e un processo di tre settimane che è stato trasmesso in diretta sui notiziari via cavo. La condanna di Chauvin era la forma minima di giustizia per la famiglia di Floyd, ma anche quella condanna era troppo per alcuni nazionalisti bianchi. Ore dopo il verdetto, il portavoce dei suprematisti bianchi Tucker Carlson è andato in televisione e ha suggerito che la giuria ha condannato Chauvin solo perché sono stati intimiditi dalla minaccia di “sommosse” e danni alla proprietà. Poi ha avuto un crollo, che è sfociato in una risata maniacale, quando un ospite del suo stesso programma ha sostenuto la colpevolezza di Chauvin.
Altre forze white-wing hanno preso la strada più sottile di sostenere che il verdetto di Chauvin è la prova che il sistema di giustizia penale “funziona”. Il comitato editoriale del Wall Street Journal, per esempio, ha colto l’occasione per suggerire che la giustizia è sempre stata il risultato probabile e che le proteste sorte dopo l’omicidio di Floyd erano sia sbagliate che inutili. Ancora altri commentatori bianchi, come Ben Shapiro, hanno promosso l’idea che i neri non sono mai soddisfatti e che una cultura del vittimismo ci impedisce di essere felici dell’esito del processo Chauvin. Come sempre, i suprematisti bianchi sono abbastanza sicuri che i neri dovrebbero solo essere felici di essere qui, e chiunque di noi non sia sorridente e grato sotto il giogo dell’incessante dominio bianco è un pericoloso negro che dovrebbe tornare da qualche altra parte.
La guerra fredda cibernetica è qui #2
La polizia, le persone autorizzate a trasformare il razzismo sistematico in terrorismo sponsorizzato dallo stato, rimangono totalmente indifferenti alla condanna di un singolo poliziotto. Proprio nel momento in cui il verdetto contro Chauvin veniva letto a Minneapolis, la polizia di Columbus, Ohio, ha sparato a morte alla sedicenne Ma’Khia Bryant. I poliziotti non potevano aspettare fino alla chiusura degli sportelli nel giorno in cui la famiglia di George Floyd ha trovato un po’ di giustizia prima di uccidere un’altra persona di colore.
Sono obbligato a dire che Bryant stava brandendo quello che sembrava essere un coltello da cucina nel momento in cui è stata colpita dalla polizia. Devo dirlo perché, se non lo faccio, alcuni bianchi mi accuseranno inevitabilmente di evitare la questione, e il peggio mi accuserà di infangare il poliziotto. Devo dirlo perché l’esistenza di quel coltello è il motivo per cui l’ufficiale non sarà mai assicurato alla giustizia. Devo far emergere la giustificazione del poliziotto per aver sparato a un’adolescente meno di un minuto dopo essere arrivato sulla scena, perché i guardiani del predominio bianco semplicemente non mi permetteranno di dichiarare che sparare a un’adolescente nera è un crimine.
Questa è l’implacabilità della supremazia bianca. Ogni trauma deve essere sezionato, ogni dolore deve essere giustificato, e la maggioranza bianca dominante rivendica il solo diritto di determinare se quei dolori e quei traumi sono legittimi, come se i bianchi fossero i sovrani della realtà stessa.
Anche nell’intimità della mia mente, la consapevolezza che la maggior parte dei bianchi può vedere gli orrori della loro polizia solo se i neri muoiono nel modo appropriato e sottomesso mi rode. Quando ho visto il filmato della morte di Bryant, ho esclamato: “Dannazione”, non perché hanno ucciso un altro nero che avrebbe dovuto essere lasciato vivere, ma perché sapevo che l’avrebbero fatta franca.
I neri sono sempre sotto processo. Siamo sempre sorvegliati: in come combattiamo, come piangiamo e come moriamo. Ci viene sempre chiesto di produrre prove sul perché ci dovrebbe essere permesso di vivere, e possiamo essere picchiati o uccisi da un momento all’altro se non diamo la risposta giusta.
E non ci viene mai dato un giorno di pace.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste

Olympics kill the poor, i Giochi ammazzano i più poveri

Tokyo non ama granché queste Olimpiadi, un grande esperimento in una nuova pericolosa fase della pandemia [Chelsea Szendi Schieder]

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]