26.7 C
Rome
giovedì 13 Giugno 2024
26.7 C
Rome
giovedì 13 Giugno 2024
Homequotidiano movimentoIl Ddl Concorrenza stravolge i Comuni. Che possono fare le RSU

Il Ddl Concorrenza stravolge i Comuni. Che possono fare le RSU

Il Ddl Concorrenza stravolge gli enti locali, da fornitori di servizi pubblici per la comunità a strumento del mercato [Armando Morgia*]

Era il 5 Agosto 2011 quando Mario Draghi e Jean-Claude Trichet scrivevano per conto del Consiglio Direttivo della Banca Centrale al Governo italiano, affermando che era necessaria “una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali. Questo dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala”.

Serve ricordare che solo due mesi prima, in particolare il 12 e 13 giugno, si era votato per il referendum, per la tutela dell’acqua pubblica e per sottrarre i servizi pubblici al mercato.

Si scontrano due filosofie del ruolo dell’ente locale, da un lato quello della centralità del profitto come motore dell’erogazione del servizio pubblico attraverso il mercato e dall’altra quella di un servizio pubblico che sulla base di un principio di solidarietà ha al centro la qualità del servizio come diritto universalistico.

La storia ci ricorda che non è bastata la straordinaria vittoria dei referendum per impedire la tracotanza della Banca Centrale che imponeva al Governo Italiano di andare contro la volontà popolare, tracotanza espressa proprio da parte di coloro che oggi parlano di autodeterminazione dei popoli e di democrazia.

Oggi il Governo, con a capo Draghi, stesso autore della lettera, rilancia con il DDL Concorrenza un nuovo processo di privatizzazioni e uno stravolgimento del ruolo dei comuni.

Il nuovo ddl concorrenza è uno degli strumenti del PNRR del Governo Draghi, che all’articolo 6 stabilisce una inversione netta di tendenza, dove l’ente locale si deve fare autore diretto della privatizzazione del servizio pubblico, stravolgendo la sua funzione pubblica e sociale, facendo del mercato la modalità di gestione ordinaria.

L’esito è quello di consegnare all’accumulazione finanziaria beni e servizi primari, diritti vitali per la dignità delle persone, giustificando il tutto con una lode alla concorrenza, quando è evidente si tratti di monopoli con profitti garantiti.

In questo modo si stravolge anche il ruolo di ogni lavoratore e lavoratrice degli enti locali, che vede la sua missione, garantire alla propria comunità un accesso solidale e pubblico ai servizi, trasformata in strumento della privatizzazione, facendo quindi venir meno quel ruolo di civil servant della propria comunità, mutandolo in suddito del mercato.

Per questo ritengo necessario che la prossima Rappresentanza Unitaria Sindacale (RSU)di Roma Capitale, che si andrà ad eleggere il prossimo 5, 6 e 7 aprile, e per la quale sono candidato con la CGIL, aderisca all’appello, lanciato il 22 marzo scorso, (link) contro il DDL Concorrenza, per difendere acqua, beni comuni, diritti e democrazia.

*Armando Morgia, candidato Cgil, RSU Roma Capitale

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte 

Le elezioni non saranno una passeggiata per il Labour

“Stability is change” è lo slogan insipido di Starmer ma le voci alternative non stanno in silenzio [Steve Howell]

Una volta qui era tutto silenzio

Come il nostro mondo è diventato sonoro modificando profondamente le relazioni tra gli esseri viventi [Alice Bomboy]

Un ragazzo genovese inghiottito da una galera in Belgio

Da giorni non si hanno notizie di un 26enne, con problemi psichici, arrestato nelle Fiandre da due buttafuori violenti. L'allarme lanciato da Ilaria Cucchi