18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homein fondo a sinistraComunismo sì, Putinismo no!

Comunismo sì, Putinismo no!

Come e perché Vladimir Putin ha salvato la NATO dal suo lento declino, o addirittura dalla sua scomparsa  [Michael Löwy]

La NATO è un’organizzazione imperialista, egemonizzata dagli USA, responsabile di innumerevoli guerre di aggressione. La dissoluzione di questo mostro politico-militare, creato dalla guerra fredda, è un’esigenza democratica fondamentale. Il suo indebolimento negli ultimi anni ha portato Emmanuel Macron, il presidente neoliberale della Francia, a dichiarare nel 2019 che l’Alleanza era “cerebralmente morta”. Purtroppo, l’invasione criminale della Russia in Ucraina ha riportato in vita la NATO! Diversi paesi neutrali (Svezia, Finlandia, ecc.) stanno pensando di entrare nella NATO; le truppe statunitensi sono stazionate in Europa in gran numero; la Germania, che due anni fa ha rifiutato di aumentare il suo bilancio militare nonostante le brutali pressioni di Donald Trump, ha deciso di investire 100 miliardi di euro nel riarmo. E così via. Vladimir Putin ha salvato la NATO dal suo lento declino, o addirittura dalla sua scomparsa.

Perché l’invasione dell’Ucraina? Finché Putin voleva proteggere le minoranze di lingua russa nella regione di Donetsk, c’era una certa razionalità nella sua politica. Lo stesso vale per la sua opposizione all’espansione della NATO in Europa orientale. Ma la brutale invasione dell’Ucraina, con l’annesso bombardamento delle città, con migliaia di vittime civili, tra cui anziani, donne e bambini, non ha alcuna giustificazione.

Con quali argomenti Putin cerca di legittimare questa guerra criminale contro il popolo ucraino? L’argomento della “denazificazione” dell’Ucraina non ha né gambe né testa. Il popolo ucraino ha eletto come presidente un ebreo, Zelenski, che è orgoglioso di suo nonno che ha combattuto nelle file dell’Armata Rossa contro il nazismo. Certo, ci sono partiti e gruppi neonazisti in Ucraina, ma nelle ultime elezioni hanno ottenuto solo il 3% dei voti. Ci sono gruppi simili in Russia. Come può Putin affermare di essere antifascista quando sostiene politicamente e finanziariamente diversi partiti neofascisti in Europa, come il Fronte Nazionale della famiglia Le Pen in Francia, o la Lega di Matteo Salvini in Italia? Il giornale del partito comunista francese, L’Humanité, ha pubblicato un dossier su questo argomento il 22 marzo 2022 sotto il titolo “L’estrema destra e Putin”…

L’altra “legittimazione” dell’invasione si trova nel discorso di Putin del 22 febbraio 2022. Secondo il capo di stato russo, l’Ucraina “è stata interamente creata dalla Russia bolscevica e comunista”, perché “Lenin e i suoi compagni hanno strappato l’Ucraina alla Russia”! L’Ucraina merita di essere chiamata “l’Ucraina di Lenin”, perché lui è stato “l’autore e l’architetto” di questo paese. Fu Lenin che inventò il disastroso “diritto delle nazioni all’autodeterminazione fino alla secessione, che è il fondamento dello stato sovietico”, un’assurda concessione ai nazionalisti delle varie repubbliche formatesi dopo la rivoluzione del 1917. Dare a queste repubbliche il diritto di secessione dallo stato russo era, secondo Putin, “una follia, qualcosa di totalmente incomprensibile”, una vera distruzione della Russia “storica” (cioè zarista). Rivolgendosi alla leadership ucraina, Putin ha detto: voi parlate di ” decomunistizzare” l’Ucraina (cioè di rompere con il suo passato comunista), ma rimanete in mezzo alla strada. “Vi mostreremo la vera decomunistizzazione”, conclude Putin, riferendosi al suo piano di reintegrare l’Ucraina, ovviamente con la forza, nello stato russo.

Questa è la “giustificazione” putinista per l’invasione dell’Ucraina: argomenti anticomunisti, antileninisti, e l’ambizione di ripristinare la “Russia storica” pre-bolscevica – cioè la Russia zarista – annettendo l’Ucraina. Non è un caso che la stragrande maggioranza dei partiti comunisti del mondo, compresi quelli più nostalgici del socialismo sovietico, come il greco e il cileno, abbiano condannato l’invasione russa dell’Ucraina.

Ci sono molte critiche all’Ucraina attuale: mancanza di democrazia, oppressione della minoranza russofona, “occidentalismo”, ecc. Ma non si può negare il diritto del popolo ucraino a difendersi dall’invasione russa del suo territorio, in brutale e criminale disprezzo del diritto delle nazioni all’autodeterminazione.

O il comunismo o il putinismo, o Vladimir Ilyich o Vladimir Putin, o il diritto delle nazioni all’autodeterminazione o il diritto degli imperi di invadere e cercare di annettere altri paesi: sta a ciascuno di noi scegliere quale preferisce, ma sono opzioni inconciliabili.

Speriamo che un giorno i popoli dell’Europa e della Russia siano liberati dalle loro oligarchie capitaliste parassitarie. Questa era la proposta dei rivoluzionari dell’ottobre 1917.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio