19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homein fondo a sinistraFrancia, ultima chiamata per l'accordo a sinistra

Francia, ultima chiamata per l’accordo a sinistra

Al corteo del 1° Maggio, Mélenchon s’è detto ottimista sui negoziati a sinistra per le legislative. Forse è questione di ore. [Mathieu Dejean]

A guardarlo con gli occhi dei partiti di sinistra, il corteo del Primo Maggio aveva un sapore particolare. Se non c’è stata una “foto di famiglia”, a Parigi, tra i leader delle organizzazioni di sinistra ed ecologiste, incontri sparsi hanno avuto luogo in Place de la République – in particolare tra Olivier Faure, primo segretario del Partito Socialista (PS), e il leader di La France insoumise (LFI), Jean-Luc Mélenchon (vedi la foto di copertina). Una stretta di mano significativa della ricomposizione politica accelerata in corso a sinistra dello spettro politico.

Da dieci giorni, LFI riceve una dopo l’altra le delegazioni del PS, di Europe Ecologie-Les Verts (EELV), del Partito Comunista Francese (PCF) e del Nuovo Partito Anticapitalista (NPA) per raggiungere un accordo comune per le elezioni legislative del 12 e 19 giugno. Ogni riavvicinamento è quindi monitorato come un segno del progresso delle discussioni.

Questi hanno avuto i loro alti e bassi negli ultimi giorni: dopo scambi iniziali fruttuosi, il PS li aveva “sospesi” il 29 aprile, chiedendo garanzie di pluralità; l’EELV si era impegnato nel dialogo, prima di essere bloccato, in particolare per ragioni di distribuzione delle circoscrizioni; il comitato esecutivo del PCF ha ritenuto, ieri, che gli Insoumis non hanno proposto abbastanza circoscrizioni per riuscire ad avere un gruppo all’Assemblea nazionale.

Solo Génération·s, il partito di Hamon e parte del polo ecologista, che ha sostenuto Yannick Jadot alle presidenziali, ha fatto un passo avanti verso un accordo complessivo, giovedì, pubblicando una dichiarazione congiunta con LFI. “Comprendiamo le questioni, i dibattiti fondamentali, ma abbiamo considerato che stavamo entrando in una fase pericolosa. Non volevamo, mentre tutto è lì per riuscire, perdere un accordo storico”, spiega la coordinatrice nazionale di Génération·s, Sophie Taillé-Polian.

Rassicurazione per andare avanti

Su questi temi di preoccupazione, tra cui l’autonomia dei partiti, ansiosi di non essere “assorbiti” da LFI, Jean-Luc Mélenchon, che è arrivato primo a sinistra con il 22% dei voti il 10 aprile, vuole rassicurare. Parlando davanti a centinaia di sostenitori a margine del corteo del Primo Maggio, il leader dell’Unione Popolare, circondato da un gruppo di rappresentanti del suo movimento, ha detto: “Tutti coloro che partecipano avranno un gruppo nell’Assemblea; ognuno avrà la propria associazione di finanziamento; il programma sarà un programma condiviso di governo, cose stabili e sicure. Tutti quelli che ci sono si impegnano nella discussione con noi molto più del risultato proporzionale delle elezioni presidenziali”.

I partiti di sinistra ed ecologisti che hanno ottenuto meno del 5% nelle elezioni presidenziali sono preoccupati che, approfittando della sua posizione di forza, l’Unione Popolare li metta in una posizione di ausiliari. Anche qui, il deputato di Bouches-du-Rhône ha negato di fare del “rafforzamento del [suo] gruppo [quello di LFI – ndr]” la sua priorità: “Il tema è sapere se, sì o no, ci poniamo l’obiettivo della vittoria”, cioè una coabitazione, nel caso di una maggioranza della sinistra e degli ecologisti all’Assemblea.

Sul lato EELV, queste dichiarazioni sono rassicuranti. “Sta cominciando a dare garanzie che sembra una coalizione. C’è la volontà di fare questo accordo, tutti cominciano a mettere i mezzi, “ha detto un vicino a Julien Bayou.

Gli ecologisti accolgono anche l’evoluzione di LFI sul tema della disobbedienza ai trattati europei, che ha offeso la loro identità. Questo pomo della discordia è, secondo loro, risolto: “Stiamo facendo progressi sull’Europa, gli Insoumis hanno fatto passi verso di noi, e chiarimenti interessanti. Non stiamo mettendo il dito nell’ingranaggio che, alla fine, può portare a un’uscita dall’Unione Europea.

Su questo punto preciso, che preoccupa anche il PS (Olivier Faure desidera che “il termine di disobbedienza [alle regole comuni europee – ndr] non sia incluso nella piattaforma comune”), Jean-Luc Mélenchon afferma: “Siamo a pochi millimetri dal raggiungere un accordo. Stiamo facendo tutto ciò che è in nostro potere per fare progressi.

Rimane il tema dell’etichetta comune sotto la quale i candidati di questa coalizione potrebbero incontrarsi. Il leader degli Insoumis ha lanciato la “Nuova Unione Popolare”, che permette di mantenere l’identificazione del presidenziale, pur espandendo la sua base.

Gli ecologisti vogliono andare oltre. Questo deve essere l’oggetto delle discussioni che hanno ripreso questo pomeriggio, 1 maggio 2022, tra Julien Bayou e i suoi omologhi Insoumis. I comunisti propongono il titolo “Union populaire de la gauche et des écologistes rassemblés”.

Andare veloci per evitare la smobilitazione

Sarà comunque necessario discutere rapidamente. Sulle scadenze per la firma di un accordo comune, Jean-Luc Mélenchon è ambizioso. Ai suoi occhi, dovrebbe idealmente essere raggiunto nella notte tra il 1° e il 2 maggio, per non “far durare le discussioni più a lungo di quanto la natura umana possa sopportare – perché, per i negoziatori, sono stati dieci giorni e dieci notti”, ha detto.

Nell’equazione pesa anche il timore di una smobilitazione dell’elettorato dell’Unione Popolare nelle elezioni legislative. Nel 2017, La France insoumise era passata da un punteggio del 19,56% nelle elezioni presidenziali all’11% nel primo turno delle elezioni legislative. “Vogliamo entrare nella campagna, perché c’è la questione dell’astensione, e una potenziale smobilitazione, abbiamo questa responsabilità”, spiega il segretario generale di LFI, Clémence Guetté, che aggiunge: “Speravamo che dieci giorni sarebbero stati sufficienti… Ma il giorno non è finito!”

Infatti, l’Unione Popolare sta iniziando a pieno ritmo la campagna per le elezioni legislative: è già stato stampato un manifesto del movimento (“Mélenchon primo ministro”), così come dei volantini che spiegano l’utilità di avere un maggior numero di deputati – con diverse soglie, fino alla convivenza. “Vogliamo mantenere una mobilitazione, ed evitare di ricominciare come nel 2017”, giustifica la speaker nazionale di LFI, Martine Billard, che crede che, nonostante “le ferite del primo turno che non sono ancora chiuse”, “ce la faremo”.

Nel suo discorso, Jean-Luc Mélenchon si è anche esplicitamente rivolto ai comunisti, dicendo che avevano deciso di “ritirarsi dai negoziati”: “Formulo il desiderio che i comunisti ritornino perché sono nostri amici”. Il coordinatore dell’esecutivo del PCF, Igor Zamichiei, ha risposto con una smentita: “Non c’è nessun ritiro del PCF dai negoziati.

I deputati comunisti Marie-George Buffet, Elsa Faucillon e Stéphane Peu hanno già rilasciato una dichiarazione comune. Mentre esorta la direzione del PCF a “fare tutto il possibile perché questo accordo sia stabilito”, il comunicato afferma: “È giunto il momento di fare una scelta, quella di una nuova unione popolare, ed è questa scelta che stiamo facendo e faremo nostra”.

Se gli eventi delle prossime ore saranno accelerati, l’accordo potrebbe nascere nell’anniversario della vittoria del Fronte Popolare nelle elezioni legislative del 3 maggio 1936.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio