19.7 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
19.7 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
Homeconsumare stancaLa Strategia di bioeconomia è sostenibile?

La Strategia di bioeconomia è sostenibile?

La Strategia UE, ben lungi dall’essere sostenibile, è figlia della logica neoliberista di cui riproduce contraddizioni ed effetti negativi su ambiente e società

Da alcuni anni nel mondo della politica e dei media, avanza incalzante l’idea della bioeconomia come nuova frontiera dell’economia ‘verde’, la panacea capace di coniugare lavoro e ambiente.

Ma è davvero così? Cosa sono le Strategie di bioeconomia europea e italiana?

Tali Strategie sono in sintonia con la teoria bioeconomica di Georgescu Roegen fondata sull’idea di un’economia compatibile con la vita e le leggi della natura?

Tali Strategie rappresentano un’opportunità o un rischio per le economie locali?

Che effetti produrranno sul paesaggio e i patrimoni territoriali? Sugli assetti socio-ecologici? Come incideranno sulle dinamiche ad effetto climatico? Quali impatti produrranno sulle matrici vitali, sulla salute e sulle comunità territoriali? Quali gli scenari geopolitici connessi?

 

Queste sono alcune fra le domande a cui un gruppo multidisciplinare di storici, geografi, economisti, urbanisti, biologi, biologi forestali e medici afferenti all’Osservatorio Interdisciplinare sulla Bioeconomia, prova a dare risposta, approcciando la problematica da diversi punti di vista. Il risultato del lavoro è una visione d’insieme della Strategia di bioeconomia, con letture e analisi focalizzate sulle relazioni e sulle dinamiche soggiacenti, nonché sugli effetti della sua implementazione a diversi livelli.

     Inoltre, essendo il lavoro destinato al più vasto pubblico, si è scelto di utilizzare una struttura e un linguaggio divulgativo, ‘accessibile’ anche a chi non possiede competenze specifiche. L’obiettivo che ci si pone, infatti, è quello di mettere la ricerca scientifica e il sapere territoriale ‘al servizio’ della cittadinanza e, più in generale, della società, nella consapevolezza che la popolazione all’origine di ogni potere, motivo per cui è in essa che risiedono le capacità di cambiamento. Pertanto, data l’elevata intensità trasformativa e la notevole pervasività spaziale (oltre che settoriale) della Strategia di bioeconomia – centrale a livello europeo così come di molti altri Paesi – diventa impellente la diffusione della sua conoscenza e la presa di coscienza individuale e collettiva dei processi in corso.

Il testo è pubblicato dalla Società dei Territorialisti Edizioni (Collana “Ricerche e studi territorialisti”) ed è liberamente scaricabile dal suo sito

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Arci Roma, una festa per “fare rumore”

80 circoli, 4 giornate, dibattiti, laboratori e 22 spettacoli. Dal 30 Maggio al 2 Giugno la prima festa dei Circoli Arci della Capitale 

Di nuovo a Firenze. L’ex GKN parla a tuttз

A fianco del Collettivo di Fabbrica nella manifestazione nazionale del 18 maggio: “EX GKN: con tutta la dignità in corpo” [Franco Turigliatto]

Teatro. Segreti e ricordi, il puzzle di Bedos

Il viaggio di Victor prima assoluta a Genova, con repliche sino al 19 maggio, per poi iniziare una tournée nella prossima stagione

Ecco perché hanno arrestato Toti e un po’ di padroni della Liguria

L'ordinanza della Procura della Repubblica e della DDA che ha decapitato la Regione e il mondo degli affari genovesi

Che Palestina sarà dopo il genocidio

La migliore “soluzione” che potrebbe scaturire è peggiore di quella che esisteva prima [Gilbert Achcar*]