29.5 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
29.5 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
HomemalapoliziaMalapolizia a Verona, chi sono le vere vittime?

Malapolizia a Verona, chi sono le vere vittime?

Una comunicazione tossica ha fatto seguito agli arresti e alle rimozioni dei poliziotti violenti. Una riflessione del Circolo Pink LGBTE e di Non Una di Meno Verona

Leggendo gli ultimi articoli pubblicati sulla vicenda torture in Questura a Verona pare che le vittime siano i poliziotti rimasti in servizio e non toccati dalle indagini. Ieri abbiamo appreso di un pool di psicologi messi a disposizione degli agenti, oggi della visita alla questura di Verona di uno “sbirro di razza” (come lo definisce la giornalista de L’ Arena Alessandra Vaccari), il capo della polizia Vittorio Pisani. Una visita lampo, molto elogiata nell’articolo, per far sentire la sua vicinanza e ancora una volta ribadire la volontà di fare chiarezza.

Ma ci chiediamo: qualche carica statale o locale ha fatto visita alle vittime delle torture? O a chi tutte le mattine fa ore di coda per regolarizzare un documento? Questore, Prefetto e Sindaco sono mai andati a verificare le modalità con cui quotidianamente gli agenti si rapportano con  le persone migranti e fragili, hanno mai parlato con loro, ne hanno mai verificato lo stato emotivo? Noi crediamo di no.

Le vere vittime non sono i poliziotti. 

Un consiglio: provate a parlare con chi ogni giorno attende in coda a fianco dei cancelli della Questura, fino al pomeriggio, verificate come queste persone siano trattate con arroganza, costrette a subire piccoli e grandi soprusi, a cui abbiamo assistito come operatori di sportelli (e che talvolta abbiamo subito noi stessə).

Ci stiamo chiedendo anche se quei cinque arrestati, e i 21 o forse più che sapevano ma hanno taciuto, non stiano diventando i capri espiatori di tutto il marcio del sistema. Troppi sono gli esempi in Italia di pestaggi e di successive coperture.

Siamo certi che chi lavora tutti i giorni a contatto con le marginalità sociali vada sostenuto, ma va anche educato a non usare il potere della divisa contro le marginalità stesse. Ci chiediamo purtroppo quanti altri casi simili ci sono stati, quanti ne sono stati coperti, quante persone hanno subito violenza senza che nessuno lo sapesse perchè colleghi compiacenti hanno coperto.

Speriamo che quei 21 che hanno coperto e non denunciato non abbiano nessun rapporto con chi tutti i giorni si reca in questura o è oggetto di indagini. Certo, la causa di tanti disservizi è anche la mancanza di personale adeguatamente formato e adatto ai rapporti con il pubblico – e allora questo può essere il punto da cui partire per riformare il sistema di polizia.

Non possiamo nasconderci ancora una volta che dietro la metafora delle mele marce, c’è un intero sistema che umilia e tortura poveri e persone marginalizzate e protegge invece chi ha il potere – un sistema che va rivoltato e ricostruito dalle fondamenta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte