27.4 C
Rome
giovedì 23 Maggio 2024
27.4 C
Rome
giovedì 23 Maggio 2024
Homecronache socialiSeattle, i lavoratori asiatici hanno un'arma contro la Casta

Seattle, i lavoratori asiatici hanno un’arma contro la Casta

A Seattle è reato la discriminazione di casta. Molti immigrati hanno ritrovato negli Usa la stessa discriminazione dei paesi d’origine [Kshama Sawant]

Per molto tempo in Italia la parola Casta è stata un nemico a volte immaginario paventato da chi ha lucrato consensi sulla narrazione antipolitica. La mission del grillismo è stata fondamentale per la liquidazione dell'idea di alternativa di sinistra in questo paese. 
Kshama Sawant, con questa storia, ci riporta alla realtà spiegando che per milioni di persone la Casta è il modo con cui si tramandano lo sfruttamento e la disuguaglianza. Anche se emigri negli Usa, ci sarà un padrone della tua stessa etnia pronto a sfruttarti in nome del sistema delle caste. Il neoliberismo richiama spesso le forme di sfruttamento che ci parevano arcaiche. 
Proprio mentre la premier #Meloni è in visita dal premier indiano #Modi con cui condivide la stessa religione dello sfruttamento dei lavoratori in nome del più bieco nazionalismo, ci sembra interessante questa storia di lotta per l'emancipazione raccontata sul settimanale della sinistra Usa, The Nation,da una donna, migrante, socialista rivoluzionaria, consigliera comunale a Seattle dove ha sconfitto il gigante Amazon 

Il 21 febbraio, nell’aula del Consiglio comunale di Seattle, un operatore informatico indiano-americano di nome Naresh ha ricordato le discriminazioni di casta che ha dovuto affrontare a partire dall’età di 5 anni in India. La sua voce fremeva di rabbia quando pensava alla dignità che gli era stata negata. Se toccava una persona di casta dominante, diceva, questa gli diceva che doveva “farsi una doccia perché mi considerano un intoccabile”. Nel corso dell’incontro, molti altri oratori di caste oppresse si sono uniti a Naresh, condividendo le loro esperienze di discriminazione di casta, spesso nei loro luoghi di lavoro negli Stati Uniti.

La casta è un sistema di oppressione che divide le persone in una rigida gerarchia di gruppi basata sulla nascita, con i gruppi “inferiori” che devono affrontare gravi discriminazioni e persino violenze da parte di quelli “superiori”. Il sistema ha avuto origine più di 2.000 anni fa nell’Asia meridionale, ma rimane pervasivo ancora oggi nell’ambito del capitalismo americano, anche a Seattle, un luogo che molti asiatici del Sud chiamano casa e dove io sono consigliera comunale.

Per secoli, il sistema delle caste è stato sistematicamente utilizzato dalle classi dirigenti dell’Asia meridionale per dividere e sfruttare la massa della gente comune. Coloro che erano designati come le caste più “basse” – storicamente chiamati “intoccabili” – sono stati i più crudelmente sfruttati. Oggi, la maggior parte delle persone appartenenti a questa casta preferisce l’identità di Dalit, che significa “coloro che sono stati spezzati ma sono resistenti”.

Gran parte della classe dirigente statunitense un tempo era composta da proprietari di piantagioni che si basavano sul brutale sistema della schiavitù per la loro ricchezza. Allo stesso modo hanno promosso idee assolutamente false di inferiorità innata per giustificare la loro “peculiare istituzione” e la violenza che hanno usato per mantenerla. In ogni società classista, la piccola minoranza che trae profitto dal brutale sfruttamento delle masse si affida all’ideologia e alla separazione per mantenere il proprio dominio.

Per persone come Naresh e la sua famiglia, la speranza era che venire negli Stati Uniti significasse lasciarsi alle spalle la casta. Ma con l’aumento dell’immigrazione dall’Asia meridionale, si è diffusa anche la discriminazione basata sulle caste. Studi condotti da Equality Labs e dal Carnegie Endowment for International Peace hanno rilevato che la discriminazione basata sulle caste sul posto di lavoro è una realtà pervasiva per i lavoratori oppressi dalle caste negli Stati Uniti.

La scorsa settimana, a Seattle, il nostro movimento ha ottenuto una vittoria storica per i lavoratori come Naresh e per tutti coloro che devono affrontare discriminazioni e sfruttamento. A lottare per la nostra legislazione non sono stati solo coloro che sono nati in caste oppresse, ma anche musulmani, sikh, socialisti, lavoratori iscritti al sindacato, indù di casta dominante e lavoratori bianchi e non bianchi. La forza e l’unità del nostro movimento di base hanno fatto sì che Seattle diventasse la prima città della nazione a vietare la discriminazione basata sulle caste, e la prima a livello globale al di fuori dell’Asia meridionale.

Questo è solo l’inizio: il fenomeno del casteismo non finirà semplicemente perché sono state conquistate le tutele legali di base, così come non è finito il razzismo. Ma è comunque un passo importante.

Il nostro movimento si è basato su una strategia di lotta indipendente dai partiti democratico e repubblicano. Nei quasi 10 anni in cui sono stato consigliere comunale, Alternativa Socialista – la mia organizzazione di attivisti – e io abbiamo usato il nostro ufficio per costruire movimenti in grado di strappare vittorie importanti alle grandi imprese e all’establishment democratico della città. Abbiamo contribuito a fare di Seattle la prima grande città a ottenere un salario minimo di 15 dollari l’ora, abbiamo vinto la nostra Amazon Tax per finanziare alloggi a prezzi accessibili e abbiamo approvato importanti diritti degli affittuari.

Questo stesso approccio è stato cruciale per la vittoria di questa settimana, in cui il movimento ha dovuto superare non solo la strenua opposizione della destra indù, ma anche un’opposizione di tipo diverso da parte dei politici democratici, che in vari modi hanno minacciato di uccidere o minare la legislazione.

L’avversario di più alto profilo è stato il Vishwa Hindu Parishad, un’organizzazione di estrema destra legata al Primo Ministro indiano Narendra Modi e al suo Bharatiya Janata Party. Il VHP è stato coinvolto, tra l’altro, nel massacro di musulmani del Gujarat del 2002. Anche la Hindu American Foundation e la Coalition of Hindus of North America, di destra, si sono schierate contro di noi.

I membri del Consiglio dei Democratici non erano in maggioranza dalla nostra parte in questa battaglia e inizialmente hanno fatto eco ad alcuni punti di vista della destra, anche se alla fine tutti, tranne uno, hanno votato “sì” sotto la pressione del nostro movimento. Ma il giorno del voto, hanno elaborato piani per ritardare o indebolire la legislazione. Quella mattina ho ricevuto una telefonata da un membro del Consiglio che mi ha detto che intendeva presentare un emendamento per ritardare l’attuazione della legge, sulla base della preoccupazione dichiarata di un finanziamento inadeguato per l’Ufficio dei diritti civili di Seattle. È vero che questo ufficio è stato vergognosamente e cronicamente sottofinanziato dai sindaci e dai consigli comunali del Partito Democratico che si sono succeduti, ma a mio avviso è inconcepibile che questi stessi Democratici – che si sono spesso opposti ai miei sforzi di tassare le grandi imprese per finanziare i servizi – di usare questo pretesto per demoralizzare i lavoratori delle caste oppresse e dare potere alla destra. (Il suddetto consigliere alla fine ha fatto marcia indietro, ma questo ci ricorda quanto sia cruciale mobilitare i lavoratori per superare l’opposizione dell’establishment).

Come ho detto per tutto il mio mandato di socialista indipendente, abbiamo bisogno di un nuovo partito per i lavoratori e gli oppressi. Questo è stato mostrato in tutta la sua evidenza nella politica nazionale degli ultimi tempi, quando il presidente Biden, autodefinitosi “pro-labor”, è stato affiancato sia da Pramila Jayapal che da Alexandria Ocasio-Cortez nell’approvare la legge contro gli scioperi dei ferrovieri che si battono per il congedo per malattia e la sicurezza sul lavoro. Abbiamo già visto le brutali conseguenze dello schieramento dei Democratici con i magnati delle ferrovie, con la catastrofe totalmente evitabile di East Palestine, in Ohio.

Il fatto stesso di dover difendere i lavoratori americani contro un sistema di caste vecchio di 2000 anni nel 2023, nel Paese più ricco della storia dell’umanità, dimostra ancora una volta la bancarotta del sistema capitalista. Abbiamo bisogno di un tipo di società fondamentalmente diverso: una società basata sulla solidarietà, sull’uguaglianza e sulla democrazia, gestita da e per i lavoratori, non dai miliardari.

Per ora, diffondiamo la nostra vittoria contro la discriminazione di casta in altre città – e mettiamo in pratica la nuova legge di Seattle chiedendo alle aziende di rendere conto nei tribunali.


Kshama Sawant [di cui Popoff ha scritto già] è consigliera comunale 
di Seattle e membro di Socialiste Alternative

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Putin non si è mai impegnato a “denazificare” la Russia

Al di là della retorica putiniana l'estrema destra russa non è preoccupata, almeno finché serve al governo [Nicolas Lebourg]

L’esercito francese addestra i neonazisti ucraini

Un'inchiesta rivela che gli eredi del famigerato Reggimento Azov si allenano in Francia [Sébastien Bourdon]

Sollievo temporaneo per Assange

Nessuna garanzia Usa di giusto processo: la Corte Suprema britannica concede ad Assange il ricorso contro la sua imminente estradizione [Tariq Alì]

Prima di leggere l’ultimo, postumo, di Garcia Marquez

La recensione di The Nation dell'ultima opera di narrativa di Gabriel García Márquez [Nicolás Medina Mora]

7 ottobre: il giornalismo come arma contro la distorsione e l’oblio

La stampa e le commissioni d'inchiesta hanno cercato di ricostruire gli eventi, lontano da fake news e propaganda [Rachida El Azzouzi]